10

Herbalife International: È una truffa, o è davvero possibile guadagnare con Herbalife?

Capita spesso che chi mi segue sul gruppo Propagalo, mi chieda un parere sulle singole aziende di network marketing presenti in Italia.

Sono stati contattati da un distributore, sono interessati, ma hanno paura di dedicare il loro tempo e il loro lavoro all’azienda sbagliata.

Come detto in un altro articolo, “scegliere l’azienda migliore” è in realtà un falso problema, ma ciò non vuol dire che tu possa fare network marketing con la prima azienda che ti propongono.

Quindi, con questo articolo, inauguro le mie recensioni senza peli sulla lingua delle aziende di network marketing presenti in Italia.

Herbalife è un’azienda di network marketing presente sul mercato Italiano da decenni, quindi è una seria candidata al titolo di azienda “migliore”, almeno nell’immaginario comune.

Nonostante i vari problemi legali affrontati soprattutto negli Stati Uniti, finiti con patteggiamenti importanti. Ma andiamo più a fondo.

Herbalife, fra tutte le aziende di network marketing esistenti al mondo, probabilmente è l’unica presente tra le “chiamate rapide” del telefono di molte autorità di controllo nazionali, come la FTC o la SEC americane, o la CONSOB italiana.

Poiché è anche una società quotata in borsa, è anche normale che sia una sorvegliata speciale.

D’altronde è raro trovare qualcuno, anche in Italia, che non abbia mai sentito parlare dell’azienda o dei prodotti Herbalife (la sua presenza nel mercato dei paesi latini è a dir poco incredibile, soprattutto in Messico, in cui il numero di “Wellness Club” supera di 2-3 volte quelli presenti negli Stati Uniti, patria di origine dell’azienda Herbalife).

Se stai cercando quindi un’azienda di MLM che sia sul mercato più a lungo della maggior parte delle aziende concorrenti, allora Herbalife potrebbe essere in cima alla tua lista.

Anche per questo, Herbalife è una delle opportunità di multilevel marketing più conosciute in Italia e nel mondo.

Sicuramente è una delle più grandi per fatturato e numero di distributori, e anche una delle più controverse (insieme a realtà come Amway, Jeunesse, Vi Salus, e simili).

Resta quindi da capire se Herbalife sia una vera opportunità di guadagno per chi si iscrive oggi in questa azienda, se sia un’azienda nata come schema piramidale o come opportunità reale, o se piuttosto siano i suoi distributori, quelli senza scrupoli, ad averla resa uno schema piramidale.

Un distributore indipendente Herbalife (registrato in Italia come incaricato alle vendite indipendente), ovvero chi lavora con Herbalife, vende prodotti per la salute, il benessere e la cura della pelle, ai consumatori, senza passaggi intermedi (negozi, GDO, concessionari, etc).

Chi lavora per Herbalife, può anche sviluppare un proprio team di vendita, e sviluppare quindi la propria attività grazie al lavoro degli altri “reclutati”, ovvero altri distributori che vengono tirati dentro come forza vendita per distribuire i prodotti Herbalife, guadagnando commissioni non solo in base alle proprie vendite ma anche in base alle vendite dei membri del proprio team.

La storia di Herbalife: cosa sapere.

A questo punto potresti chiedermi: chi produce Herbalife? Chi vende i prodotti ai distributori? Come si chiama l’azienda?

Il marchio Herbalife, che tra il 2017 e il 2018 è stata ribattezzata Herbalife Nutrition, appartiene alla Herbalife International.

Cosa vende Herbalife? Come dice anche il nuovo nome, è una multinazionale che si occupa di nutrizione, perdita di peso e cura della pelle.

Quando è nata Herbalife? L’azienda è stata fondata nel 1980 da un imprenditore statunitense, Mark Reynolds Hughes. Se ti stai chiedendo dove nasce Herbalife, la risposta è semplice: la sede ufficiale è da sempre a Los Angeles, ma l’azienda è stata lanciata dal baule dell’auto di Hughes! (qui trovi la storia ufficiale).

La sua formula magica, la sua missione, era chiara. Ripeteva: “aiuterò la gente del pianeta a dimagrire nel modo più innocuo ed efficace”.

Dopo aver lavorato per due aziende di network marketing poi fallite, Hughes investe i suoi soldi in un’impresa personale, che affiderà al network marketing con il nome di “Herbalife”, appunto.

Mark intuisce il valore della formazione e della motivazione dei suoi, e assolda Jim Rohn, uno dei più importanti speaker motivazionali al mondo, che lega così per sempre la sua fama e la sua fortuna alla storia di Herbalife, contribuendo alla crescita personale di tutti i distributori indipendenti.

Mark infatti, scopre il potenziale del network marketing, lanciato qualche anno prima come sistema di retribuzione da un’altra azienda, per la distribuzione dei suoi prodotti e la crescita della sua nuova compagnia, attirando migliaia di incaricati alle vendite, che vendono i prodotti Herbalife porta a porta e attraverso il passaparola, non accettando la distribuzione tradizionale, tramite i consueti negozi di vendita al dettaglio.

Questo modello di business permette ai distributori non solo di guadagnare in commissioni dalle vendite dirette ma anche dai distributori inseriti sotto di loro in linee dirette dette downline o sottolivelli.

Mark Hughes ha anche creato una società senza scopo di lucro denominata “Herbalife Family Foundation” nel 1994, fondata per migliorare la vita dei bambini a rischio, fornendo loro una sana alimentazione. “Herbalife Family Foundation” ha spesso sostenuto gli sforzi dei soccorsi in occasione dei grandi disastri naturali, continuando a crescere e a creare più di 60 programmi di assistenza e beneficenza nei sei diversi continenti nel mondo.

Mark Hughes è morto a 44 anni per abuso di farmaci e alcol, ma l’azienda ha continuato a crescere dopo la sua morte, e nel 2002 è stata acquisita dalla Whitney&Co. LLC e dalla Golden Gate Capital per 685 milioni di dollari.

Nel 2003 Michael O. Johnson è entrato in Herbalife come amministratore delegato, dopo 17 anni di onorata carriera presso la Walt Disney Company, ed ha abbandonato nel 2017.

Il nuovo CEO, da allora, è Richard P. Goudis, che negli anni aveva ricoperto altri incarichi dirigenziali all’interno della stessa azienda.

Herbalife ha creato lo slogan “Vuoi perdere peso? Chiedimi come!”, che è diventato il tema centrale del marketing di chi vende Herbalife, per tutti gli anni a venire; è infatti lo slogan presente sulla massa di spille, badge, volantini e manifesti visibili ancora oggi, di tanto in tanto, per strada o a casa di amici.

Herbalife ha inoltre sponsorizzato molti grandi atleti e organizzazioni sportive, squadre ed eventi in tutto il mondo. Tanto per citarne alcune: Sergey Konyushok, la squadra di calcio dell’Internazionale di Milano, i Los Angeles Galaxy e più recentemente il Futbol Club Barcelona.

Sponsorizza inoltre da anni il giocatore Cristiano Ronaldo, oggi alla Juventus.

Cos’è Herbalife?

Come anticipato, Herbalife è un’azienda di network marketing tra le più anziane presenti sul mercato.

Un’opportunità di guadagno da casa che implica l’acquisto di prodotti che puoi utilizzare come campionario, o per uso personale, basata sulla tentata vendita tramite copia commissione direttamente al cliente finale.

Inoltre, puoi guadagnare anche dalle vendite dirette di persone che recluterai come venditore per la stessa azienda. (puoi approfondire leggendo questo articolo)

Qui sorge il primo problema: i prodotti Herbalife vengono venduti come prodotti di qualità superiore ai similari che trovi al supermercato.

Per questo, è giustificabile anche il loro prezzo superiore ai concorrenti da banco; è quindi richiesto al cliente un investimento mensile per la sua salute, non sostenibile da una comune casalinga o studente o operaio; un investimento superiore a quello necessario per comprare prodotti similari in farmacia o al supermarket.

Chi ha difficoltà ad arrivare a fine mese, difficilmente troverà interessante destinare tutti questi soldi alla prevenzione.

Nonostante questo, Herbalife resta uno dei più grossi giocatori nel gioco del MLM, quindi vale la pena approfondire se convenga o meno partecipare a questo gioco come distributore Herbalife, o preferire un’altra azienda.

Herbalife viene spesso associata al termine “schema piramidale”, a torto o a ragione, anche in numerosi commenti presenti online, rilasciati dai sui ex distributori indipendenti.

Questo ha generato numerose controversie, e ha portato anche alla condanna di Herbalife in più di un caso finito in tribunale.

E per un’azienda, la sua reputazione online è molto importante. Pertanto, bisogna valutare pro e contro di unirsi ad un’azienda con un bagaglio di esperienze e recensioni, esteso come Herbalife.

I prodotti: cosa vende Herbalife.

I prodotti Herbalife si basano su vitamine, minerali, sostanze nutritive, enzimi e altri ingredienti destinati a sostenere uno stile di vita sano e attivo.

Medici e scienziati hanno un ruolo nella ricerca e nello sviluppo dei prodotti; la società si avvale della consulenza di un consiglio scientifico interno sulla nutrizione, composto da esperti internazionali, tra cui il premio Nobel per la medicina, Luis Ignarro.

Il catalogo di oltre 60 pagine di Herbalife offre ai consumatori un’ampia scelta di prodotti in varie categorie, fra cui:

  • miscele per sostituti del pasto
  • barrette
  • integratori alimentari
  • una linea di prodotti per la cura della pelle

Vediamone qualcuno:

  • Per la nutrizione cellulare: Formula 1 (il prodotto più venduto, un frullato sostitutivo del pasto da assumere come colazione); Formula 2 (complesso multi-vitaminico): Formula 3 (attivatore cellulare);
  • Per la gestione del peso: proteine, snack proteici, sostitutivi dei pasti.
  • Per esigenze particolari: Salute digestiva, salute del cuore, gestione dello stress, salute immunitaria, salute delle donne, salute degli uomini, salute dei bambini, supporto per la buona salute in fase di invecchiamento.
  • Per il Fitness e l’energia sportiva: integratori sportivi specifici;
  • Per la salute della pelle: detergenti, tonificanti e idratanti; shampoo e balsamo; crema per le mani e per il corpo;

Le barrette e i frullati Herbalife sono offerti in una gamma piuttosto varia di sapori. Alcuni dispongono anche di versioni anallergiche, senza glutine, senza lattosio e senza soia.

Il catalogo pone particolare evidenza a prodotti specifici e combinazioni di prodotti per particolari obbiettivi, tra cui la perdita, il mantenimento, o il guadagno di peso, o il miglioramento delle prestazioni atletiche.

Alcuni prodotti sono anche disponibili in confezioni mono-uso per l’utilizzo in movimento o fuori casa.

Per quanto riguarda il prodotto, questa società sembra a tutti gli effetti legittima, ma se sei solo interessato all’opportunità di business, e al reclutamento, ci sono opzioni migliori là fuori per te, ed eviterai di mettere nei guai Herbalife, più interessata a distribuire i suoi prodotti che a reclutare nuovi incaricati che sperano di diventare ricchi in una notte.

La garanzia soddisfatti o rimborsati.

Come da obblighi di legge, Herbalife offre una garanzia di rimborso totale sui suoi prodotti di 30 giorni per i clienti.

I distributori invece godono di possibilità di rimborso successivi ai 30 giorni, in caso di disattivazione del codice da incaricato, secondo le modalità contenute nel contratto.

Herbalife: come diventare distributore?

I metodi che la compagnia utilizza ancora oggi, per reclutare nuovi distributori e vendere i prodotti, si basano su meeting e seminari, a casa o in hotel, che danno istruzioni a chi lavora in Herbalife su come offrire ai propri contatti testimonianze di salute e perdita di peso grazie ai prodotti; testimonianze che includono anche citazioni e pensieri dello stesso Hughes, che si tramandano dei decenni come formule ipnotiche e mantra del successo.

Come funziona il lavoro in Herbalife? I distributori acquistano i prodotti dalla persona che li ha reclutati in azienda, e guadagna commissioni dalle vendite e bonus sul fatturato delle persone che reclutano a loro volta.

Perché Herbalife non funziona (spesso)? Per la maggior parte dei distributori, incapaci di fare marketing e vendita per pubblicizzarsi sul mercato, questo sistema si traduce in una notevole perdita di denaro.

Questo spinge i più disperati, e meno preparati, ovvero quelli che non guadagnano, a cercare un modo meno etico e più fuorviante di guadagnare denaro, puntando tutto sul reclutare altre persone, vendendogli non il prodotto in sé, ma il sogno di diventare ricco.

E anche facendo in questo modo, il guadagnare soldi si traduce in realtà solo per una minoranza di loro. I dati aziendali diffusi in rete, dicono che solo 1 su 100 fra i distributori Herbalife guadagnano davvero qualcosa dalla loro attività, che sia superiore allo stipendio medio di un operaio.

Quando Herbalife non funziona… Qualcuno riesce a guadagnare cifre di qualche centinaio di euro al mese, e ben il 96% perde denaro, abbandonando l’attività già dopo i primi 3-6 mesi.

Per molti ex distributori Herbalife, l’azienda diventa così sinonimo di perdita di denaro e sogni infranti.

Non a caso, Herbalife ha patteggiato, dopo una class action intentata da ex distributori, con le autorità americane, accettando di versare 200 milioni di dollari per rimborsare 350.000 ex incaricati “vittime” della promessa “diventa ricco facilmente”, ad opera di distributori indipendenti senza scrupoli che hanno fregato poveri illusi reclutati con promesse di facili guadagni, e danneggiato l’azienda madre stessa, colpevole di non aver vigilato abbastanza.

Recensione sul modello di business di Herbalife.

Herbalife ha all’attivo circa 4 milioni di incaricati alla vendita indipendenti, come unico canale di distribuzione per l’azienda.

I nuovi membri possono scegliere tra due pacchetti, per iscriversi come incaricato, il cui costo si aggira tra i 100 e i 150 euro (a seconda del tuo Paese di residenza).

Chi fa Herbalife per guadagnare e non per consumare, potrebbe acquistare prodotti all’ingrosso piuttosto che al dettaglio, per uso personale o per la rivendita a soggetti terzi.

Secondo i materiali disponibili sul sito Web Herbalife, circa il 20% dei distributori di Herbalife sviluppa strutture di vendita; l’80% invece acquisterebbe solo per uso personale.

Nessuna provvigione invece viene garantita per la sponsorizzazione di nuovi membri.

Ecco perché si preferisce puntare all’autoconsumo di ogni nuovo distributore reclutato.

I distributori che decidono di sviluppare la propria struttura, il proprio network di distributori, sono supportati da formazione e riunioni mensili.

Le risorse online per i membri includono informazioni sui prodotti, risorse di formazione online, materiali di vendita e marketing vecchia scuola (lista nomi, passaparola).

Non è dichiarato se siano previsti costi aggiuntivi o associati a uno di questi servizi o strumenti.

Sii consapevole del fatto che Herbalife è in realtà molto più costosa di quanto sembra, in particolare se prevedi di vendere prodotti, piuttosto che reclutare persone.

Le spese per questo sistema possono aumentare rapidamente ed è probabile che tu debba spendere ogni mese un bel po’ di soldi, destinati a viaggi, meeting, raduni, incontri, appuntamenti, prima che tu abbia davvero il potenziale per fare soldi.

Non ci sono informazioni disponibili sul fatto che i membri possano impostare i propri prezzi al dettaglio, per i prodotti Herbalife in fase di rivendita, o se ci sono linee guida che i membri devono rispettare in caso di problematiche con il singolo cliente.

Inoltre, in Italia, a causa delle varie leggi a tutela del consumatore, è meglio evitare di rivendere prodotti acquistati direttamente dall’azienda, per evitare di essere accusati di evasione fiscale.

Un distributore può acquistare i prodotti ad uso personale e a fini di campionario, ma può vendere SOLO in conto vendita, tramite copia commissione.

E qui veniamo ad un altro punto dolente.

L’Incaricato alle Vendite, in Europa, è incaricato di:

  1. promuovere i prodotti
  2. raccogliere gli ordini presso i consumatori finali.

L’attività di vendita, e di assistenza, con conseguenti adempimenti fiscali, deve essere svolta solo ed esclusivamente dall’azienda mandante.

Quindi, la strada è questa:

  • L’incaricato fa pubblicità
  • L’incaricato raccoglie gli ordini
  • L’incaricato trasmette gli ordini all’azienda
  • L’azienda si occupa di tutte le attività di vendita quali spedizione del prodotto, gestione del magazzino, gestione dei resi, gestione dei pagamenti, etc.

Chiunque ti dica il contrario, ti sta solo prendendo per i fondelli.

Anche le offerte speciali che vengono fatte durante gli eventi, hanno un loro ruolo. Ciò che acquisti all’ingrosso non puoi rivenderlo! Però:

  • Puoi usarlo come campionario.
  • Puoi usarlo personalmente o regalarlo agli amici.
  • Puoi lasciarlo in comodato d’uso gratuito ad un nuovo cliente fino alla ricezione del pacco ordinato.
  • O, ancora meglio, puoi lasciarlo in comodato d’uso gratuito a potenziali clienti che già conosci e sai essere in target, come prova gratuita per tot tempo.

Dopo l’inchiesta in USA del 2015 della Federal Trade Commission (FTC) sulle proposte relative all’opportunità di guadagno di Herbalife, la compagnia ha ristrutturato la propria attività per rimuovere alcune di queste ambiguità e per garantire che i distributori ricevessero provvigioni solo per la vendita di prodotti, e non per l’acquisto dei kit di avvio, da parte di altri distributori.

Herbalife d’altronde ha dovuto rimborsare 200 milioni di euro a 350.000 distributori, non proprio numeri trascurabili.

Nel complesso, questi cambiamenti sembrano aver rafforzato gli affari di Herbalife Nutrition.

Detto questo, le class-action continuano a essere presentate contro di loro in numerosi altri Stati, quindi pare che chi voglia guadagnare con Herbalife, ancora faccia fatica a costruire un’attività redditizia.

I contro di Herbalife: cosa non mi piace.

I prodotti Herbalife sono ormai disponibili e acquistabili anche online sia su Ebay che su Amazon, a prezzi che entrano in concorrenza con quelli ufficiali dei distributori, rendendo ancora più difficoltosa la vendita diretta al cliente.

Inoltre, online sono già presenti e-commerce appartenenti a distributori indipendenti, come www.hlifestore.it, che dominano le ricerche, facendo concorrenza non solo ai distributori, ma anche allo stesso sito aziendale.

L’azienda dovrebbe prestare maggiore tutela sia online che offline, garantendo il rispetto dei diritti e doveri di tutti i distributori.

Un negozio online a marchio Herbalife, ma appartenente ad un ristretto gruppo di distributori, si traduce in nient’altro che concorrenza sleale verso tutti gli altri distributori, vista anche la regolamentazione molto stretta, e il divieto di utilizzo de marchi aziendali da parte dei distributori.

Parliamo di regolamenti imposti dalla stessa compagnia. Quindi si tratta di avere due pesi e due misure.

Non lo trovo affatto corretto.

Herbalife è stata oggetto di numerosi articoli da parte di quotidiani e siti di notizie online, tra cui The Huffington Post e NBC News.

Questo è chiaramente il segnale di qualcosa di grave che non funziona con la comunicazione aziendale, che probabilmente viene presa troppo sottogamba dall’azienda stessa.

Ad esempio, cercando online frasi come:

  • “Herbalife controindicazioni”
  • “Herbalife cosa provoca”
  • “Perché non usare Herbalife”
  • “I prodotti Herbalife sono dannosi”
  • “I prodotti Herbalife sono cancerogeni”

Vengono fuori una serie di risultati che rafforzano solo le impressioni negative sui prodotti. Da questi risultati, infatti, verrebbe fuori che:

  • I prodotti Herbalife sono dannosi per il fegato: LINK.
  • I prodotti Herbalife fanno male alla salute: LINK.

Addirittura Beppe Grillo ha accusato i prodotti Herbalife di contenere metalli pesanti; quindi, cercando “I prodotti Herbalife sono cancerogeni”, viene qui questo risultato: Ferramenta Ambulanti, direttamente dal blog dei Cinque Stelle.

Anche il Fatto Alimentare, quotidiano online indipendente piuttosto conosciuto in Italia, non spende buone parole e mostra qualche perplessità sull’azienda (vedi qui).

Che siano notizie false, o basate su riscontri oggettivi, servirebbe maggiore tutela.

I materiali pubblici dell’azienda Herbalife indicano inoltre come la maggior parte dei distributori si iscriva solo per ottenere sconti sui prodotti ad uso personale, piuttosto che per avviare un’attività indipendente, cosa che non corrisponde a quanto dichiarato dagli stessi distributori.

Non esiste online un manuale che indichi le best practice e le varie procedure burocratiche di gestione del cliente e del team.

Così come non viene specificato chiaramente che, in caso di rimborso, il distributore perderà le provvigioni guadagnate dal cliente rimborsato.

Anche tutto ciò che ruota attorno ai meccanismi dei bonus e delle provvigioni aggiuntive è troppo spesso fumoso, o espresso con termini poco comprensibili a chi non sia già dentro all’azienda da un po’. E questo non depone certo a favore della trasparenza aziendale.

Tutto questo rafforza nell’ipotetico cliente o distributore che voglia iniziare la sua avventura con questa compagnia, ma anche in chi è stato contattato da amici e parenti per essere reclutato dentro l’azienda, il pensiero errato che Herbalife agisca come una setta da lavaggio del cervello.

I pro di Herbalife: cosa mi piace.

Herbalife offre un riepilogo dettagliato delle provvigioni e dei potenziali guadagni sul suo sito web, incluse statistiche generali sulle percentuali dei membri che guadagnano, e i guadagni medi percepiti a seconda del livello raggiunto.

Quindi, sta già seguendo un piano di trasparenza graduale di cui non posso che essere contento.
Vari strumenti di back-end sono adesso disponibili per i distributori intenzionati a creare con serietà una loro attività. I membri non sono soggetti a un inventario minimo e non sono richiesti fatturati o vendite minime.

I distributori hanno una garanzia di rimborso di 90 giorni sui loro kit di iscrizione.

I distributori che si dimettono, possono restituire i prodotti invenduti e non utilizzati per ottenere un rimborso, per un periodo limitato di tempo.

Attraverso le informazioni sul sito web e sui materiali cartacei di reclutamento, viene sottolineata l’importanza dell’etica e sono indicate aspettative realistiche di guadagno.

Che poi è una strada che consiglierei a tutte le aziende di network marketing serie, prima di finire sui banchi dei tribunali come imputati.

Investimenti richiesti per guadagnare con Herbalife.

Come iniziare con Herbalife? Qualunque opportunità di guadagno che ti richieda un certo investimento iniziale, richiede anche che tu la prenda con cautela.

Spesso non si tratta di investire solo denaro ma anche tempo, risorse.

Alle domande: come si vende? Come si lavora? Come si guadagna? risponderei che se non hai abbastanza preparazione in termini di marketing e vendita, ti sarà necessario come primo passo, giusto per iniziare bene la tua attività in Herbalife, investire per migliorare la tua preparazione, le tue conoscenze. In manuali, libri e corsi su marketing e vendita.

Spendere molto denaro in un settore che non conosci, senza preparazione, prima ancora di sapere se quel sistema funzionerà anche per te, in base alle capacità che già possiedi, è una mossa rischiosa.

Herbalife, tecnicamente, costa tra i 100 e i 150 euro, per partire con la compagnia come distributore indipendente, ma questa cifra iniziale potrebbe nascondere costi aggiuntivi, dovuti alla tua preparazione ed esperienza con le vendite.

Come diventare Supervisor di Herbalife.

Ad esempio, per raggiungere il livello successivo al livello base, nel piano compensi, quello di Supervisor, che offre sconti maggiori e profitti migliori (in teoria), i distributori erano incoraggiati a investire circa 4000 dollari, non solo negli USA, ma in tutti i Paesi dove opera Herbalife (compresi Sud Africa, Russia, etc.).

I distributori che operano a quel livello, poi, per mantenerlo, e continuare a ottenere i loro sconti e profitti, erano “obbligati” a pagare altri 2500 dollari al mese per l’acquisto di prodotti, per poter confermare la qualifica nei due mesi successivi, numeri che in realtà dovevano venire dalle loro vendite personali.

Ora, pensaci bene: nel primo mese spendi 4000 dollari, in prodotti che dovrai tenere in garage, finché non riuscirai a venderli tutti.

Già dopo 30 giorni, ne dovrai spendere altri 2500, e dopo altri 30 giorni ancora 2500.

Se non riesci a vendere 9000 dollari di prodotti in 3 mesi, ti ritroverai fallito già entro il primo anno, i prodotti nel frattempo saranno scaduti, e ti ritroverai con meno soldi di quando avevi iniziato.

Ecco perchè ribadisco, se non sai vendere, è inutile spendere tutti quei soldi in prodotti che non venderai e che ti scadranno in garage.

Un articolo dell’Huffington Post dedicato alla compagnia Herbalife e ai suoi distributori, stimava che i distributori perdessero da mille a 10 mila euro al mese investendo nel sistema, con una perdita media di circa 3 mila euro, oltre allo spreco di tempo e risorse.

Ciò rende Herbalife un rischio enorme, e per te potrebbe non valerne la pena, se non sai fare marketing o vendere. Se non sai come ottenere contatti. Se non sai come trovare clienti per la tua attività.

AGGIORNAMENTO: Sebbene questa prassi fosse comune in USA e negli altri Paesi, compresa l’Italia, fino a qualche anno fa, pare abbiano tolto la possibilità di acquistare più di un certo quantitativo a testa ogni mese, e più di un tot ogni anno per singolo distributore, per evitare le “qualifiche dal garage”, come si suol dire per chi raggiunge le qualifiche acquistando i prodotti necessari, per poi lasciar marcire i prodotti in garage, dopo le ultime vicende giudiziarie.

Sebbene oggi sia vietato, è chiaro comunque come si possa facilmente aggirare questo limite anche In Itala, registrando amici e parenti sotto il proprio codice, e acquistando “per loro” i punti necessari a comprare la qualifica di Supervisor, spacciandoli per autoconsumo.

Cattiva abitudine comune, anche nelle altre aziende di network marketing, quella di “comprare le qualifiche”, aggirando le regole e i limiti interni.

Herbalife: schema piramidale o attività redditizia?

È per tutte queste ragioni e in base a questi numeri che Herbalife è stato spesso paragonato a uno schema piramidale, o a uno schema truffaldino, sebbene l’organizzazione (e anche io) affermiamo che si tratti di un’attività legittima.

Uno dei punti più importanti da considerare è che Herbalife vende davvero prodotti reali, e alcuni di questi prodotti sono molto popolari tra i suoi distributori e clienti.

Questo rende Herbalife profondamente diversa da uno schema piramidale, perché generalmente uno schema piramidale, o schema Ponzi, non coinvolge prodotti reali, o comunque che abbiano un valore reale per il cliente.

Quando sei un distributore Herbalife, non interagisci direttamente con la compagnia. ti rapporti e ti confronti con la persona che ti ha reclutato, che a sua volta si confronta con la persona che l’ha reclutata, e così via.

A tua volta, tu interagirai con chi avrai reclutato, e sarai tu a dover trasmettere i valori e le best practice Herbalife.

Ed è questo meccanismo di telefono senza fili, che favorisce non solo le incomprensioni e i fraintendimenti, ma favorisce il sorgere di truffe, a prescindere dalla buona volontà dell’azienda, a causa di distributori meno onesti o autentici truffatori, più interessati al tuo portafogli che alla tua crescita po al tuo guadagno.

Questo è importante, perché per Herbalife tu ottieni il tuo prodotto dalla persona sopra di te, che riceve una commissione dalla vendita. Quindi sei responsabile della vendita del prodotto che hai acquistato.

Per questo motivo, sarebbe  bene acquistare prodotti da utilizzare solo come campionario per realizzare le prime vendite, visto che non ti viene data alcuna garanzia che riuscirai a realizzare queste vendite.

Considerata la quantità di persone che cercano di vendere i prodotti Herbalife in Italia, effettivamente le difficoltà nella vendita possono essere abbastanza simili. Come ha sottolineato anche un articolo della NBC:

“Molte delle persone intervistate hanno scoperto come vendere i prodotti fosse più difficile di quanto pensassero. Dopo aver provato a interessare parenti e amici per vendergli i prodotti, i distributori spesso hanno provato a investire centinaia e anche migliaia di dollari per comprare contatti, che per lo più non portavano risultati”.

Già, perché i contatti che ti vendono, sono gli stessi che vengono venduti agli altri distributori. Non comprare mai contatti! Non serve a nulla!

Da questo, dovresti aver compreso come vendere per Herbalife sia più complicato di ciò che sembra ad una prima occhiata.

Chi guadagna con Herbalife?

Chi fa soldi oggi da Herbalife (qui trovi un articolo su quanto si guadagna con Herbalife), ha reclutato in passato centinaia, migliaia di persone, e una ogni 100 di quelle persone gli portano risultati ancora oggi. Dagli altri 99, guadagnano solo una piccola percentuale sull’autoconsumo, e a volte zero, e moltiplicando questi piccoli importi per centinaia di distributori reclutati, riesci ad ottenere una piccola fortuna.

Ma servono anni, e a volte decenni di lavoro, per ottenere risultati del genere, solo con la lista nomi e con il passaparola con amici e parenti.

E non penso sia nemmeno molto etico, reclutare tanta gente sapendo che molti di loro alla fine butteranno solo soldi nell’illusione di fare soldi, consentendo solo a te di guadagnare.

Come ti sentiresti a reclutare, illudendole, altre persone, magari amici e parenti, in un’azienda in cui l’unico vero modo di fare profitto è quello di reclutare altri parenti e altri amici?

È anche un sistema poco pratico, perché più in basso sei nell’organigramma aziendale, meno profitti otterrai.

Ed alla fine, visto che tutti fanno autoconsumo e nessuno vende, avrai creato una piramide illegale in un’azienda che non è uno schema piramidale.

Se vuoi fare soldi con Herbalife, in maniera etica e legale, devi imparare a vendere. E a generare contatti di clienti interessati a comprare il prodotto.

Il vero punto critico sta tutto nella domanda:

Come trovo clienti per Herbalife?

La risposta è: come troveresti clienti per qualunque attività di vendita. Con una strategia di marketing da professionista.

Avere successo con la propria attività richiede davvero l’indipendenza da tutto e tutti, e lo sviluppo di un’attività in grado di resistere a qualsiasi cambiamento drammatico. Che resista anche ai colpi e all’intervento del Governo.

Questo è il motivo per cui raccomando di imparare a fare marketing e vendita, perché hai il controllo completo sulla tua attività e puoi investire il meno possibile.

Imparando a fare marketing, generi contati di potenziali clienti e distributori interessati.

Imparando a vendere, chiudi vendite e recluti nuovi distributori senza bisogno di illuderli che guadagneranno senza fare nulla.

Le strategie di marketing più comuni, che il tuo sponsor ti dirà di seguire per espandere la tua attività con nuovi distributori saranno invece quelle di fare una lista dei tuoi amici e familiari, e poi fare un elenco dei loro amici e parenti: la chiamano “la tua lista nomi calda”.

Ora, una volta che avrai fatto questa lista, sarai invitato a parlare con ognuna delle persone presenti sulla tua lista nomi e potrai invitarli ad assistere ad una presentazione a casa loro, dove dovrai far conoscere loro il prodotto e l’opportunità di guadagno che Herbalife ti offre, nella speranza che loro vogliano acquistare il prodotto e/o unirsi come distributore indipendente, proprio come te.

Questa strategia di marketing, come puoi ben vedere, è molto limitante, perché una volta che esaurirai i tuoi contatti presenti nella tua lista calda, cosa farai?

Considera e stai attento che un effetto collaterale di questa strategia sarà l’allontanamento di alcuni tuoi amici e parenti. Con loro, potresti perdere la faccia. Ecco perché si è diffusa l’idea che Herbalife sia una setta!

A questo punto, ti verrà consigliato dal tuo sponsor, come strategia di marketing, di distribuire volantini, distribuire biglietti da visita e attaccare adesivi della compagnia sulla tua auto.

Per carità, queste strategie di marketing potrebbero funzionare per alcune persone, ma è molto limitante per la dimensione che può assumere la tua attività con questi espedienti.

Non è così che si vende Herbalife. Non è così che si guadagna davvero.

La migliore strategia Herbalife.

La migliore strategia di marketing che puoi adottare per far crescere la tua attività Herbalife è fare marketing online e marketing locale, nella tua città, combinandoli insieme: grazie a internet puoi raggiungere le persone che sono alla ricerca di prodotti per la perdita di peso, o di un’opportunità di guadagno, da tutto il mondo; se desideri un potenziale illimitato per espandere e far crescere il tuo business, hai realmente bisogno di imparare a pubblicizzare la tua attività imprenditoriale utilizzando il web.

Ci sono alcune grandi strategie di marketing gratuito che puoi utilizzare per trovare potenziali interessati per la tua opportunità di guadagno, come scrivere articoli, scrivere nei gruppi Facebook (senza fare spam!), video marketing, blog, e social marketing: esiste davvero una varietà enorme di modi per pubblicizzare la tua attività gratuitamente utilizzando la rete.

Esistono anche strategie di marketing a pagamento, che è possibile utilizzare se disponi di un budget da investire nel marketing online.

Puoi anche pensare a campagne locali di marketing a risposta diretta.

Se stai pensando ad Herbalife come scelta per l’azienda con cui iniziare la tua attività di guadagno da casa, allora spero che questa recensione dell’opportunità Herbalife ti abbia aiutato a prendere una decisione.

Ti raccomando di crearti un programma di marketing in Herbalife, che ti possa guidare nell’utilizzare internet per avere 20, 50 anche 100 nuovi contatti per il tuo business ogni singolo giorno e poterli sponsorizzare con il pilota automatico.

Le strategie che dovrai imparare per il tuo progetto di network marketing ti daranno la possibilità di portare il tuo business Herbalife a nuove vette che non hai mai immaginato possibili.

In conclusione…

Se deciderai di unirti a Herbalife, è VITALE che generi contatti di clienti interessati, per far crescere la tua attività.

Diciamocelo, i meeting aziendali sono noiosi perché tutti uguali, e a nessuno piace il fastidioso amico di Facebook che ti contatta via messenger per proporti l’ennesima opportunità di guadagno.

Ecco perché spero tu comprenda l’importanza di generare contatti al di fuori della tua cerchia di amici e parenti, e di scoprire cosa significa veramente costruire e possedere la tua attività, piuttosto che essere solo l’ennesimo tifoso dell’ennesima compagnia di network marketing.

D’altronde, come rivela l’azienda stessa sul suo sito, chi guadagna davvero dall’opportunità Herbalife è solo una piccola minoranza. Il resto si accontenta di consumare, con uno sconto sull’autoconsumo.

Herbalife ha dimostrato prestazioni finanziarie e di crescita costanti negli ultimi anni; tuttavia, l’impatto di cause legali e indagini federali ha influito sulla credibilità del Brand Herbalife e dei suoi distributori indipendenti.

Ascoltami, sono coinvolto nel network marketing da quasi dieci anni, ed ho raggiunto il livello di President nella mia azienda, quindi so cosa cercare quando c’è da valutare una nuova opportunità.

Se stai incontrando difficoltà a vendere i tuoi prodotti, e a far crescere la tua struttura, o nel formare la tua struttura per aiutarli a produrre risultati, non sei solo.

Il 100% delle aziende di network marketing commette errori nel formare i suoi distributori su come catturare l’interesse di potenziali clienti online e offline.

Smettila di assillare i tuoi amici su Facebook e inizia a generare contatti che sono interessati al tuo prodotto e che vogliono unirsi alla tua struttura.

Aziende come Herbalife, hanno davvero il potenziale per fare la differenza sul mercato e nella vita dei suoi distributori.

Il problema è che hanno talmente poca confidenza nel potere del marketing a risposta diretta, da aver puntato tutto sul fare passaparola con parenti e amici.

E questo ha permesso a gente senza scrupoli, ai vampiri del network marketing, di fare soldi puntando tutto sull’opportunità anziché sulla vendita.

Illudendo tante persone bisognose, di poter fare un mucchio di soldi senza vendere uno spillo.

Ma purtroppo ti sarai già reso conto che non va affatto così.

Se vuoi guadagnare, devi lavorare: devi VENDERE. Se vuoi vendere, devi imparare a farlo correttamente.

Se vuoi fare la differenza, c’è un sistema che puoi utilizzare, per vendere i tuoi prodotti e la tua opportunità, solo a gente realmente interessata e che ti porterà denaro in tasca ad ogni vendita, senza bisogno di tirare tutti dentro con promesse di facili ricchezze.

Un sistema che ti permette di catturare contatti e clienti online e offline, e incontrare solo persone già interessate a ciò che hai da proporre, senza sprechi di tempo, denaro o fatica.

E senza perdere la faccia con parenti e amici.

Ho racchiuso le basi del sistema nel manuale “Networker Avvisato, Mezzo Salvato”, che puoi fare tuo cliccando qui (non lo trovi da nessun’altra parte).

Questo è letteralmente “Il Manuale che le aziende di Network Marketing NON ti farebbero leggere MAI”: ignorare il suo contenuto vuol dire ignorare come guadagnare dalla tua attività di network marketing in Herbalife.

Se vuoi una mano perché non sai da dove iniziare, contattami pure lasciando un commento, e ti indicherò un distributore Herbalife che già applica il sistema Propagalo. Se vuoi condividere la tua opinione, lascia pure un commento.

Domande più frequenti su Herbalife.

  1. Cosa vende Herbalife? Integratori alimentari per la nutrizione, pasti sostitutivi per la gestione del peso e prodotti da bagno per la cura della pelle.
  2. Quali sono i prodotti più popolari di Herbalife? Herbalife consiglia di iniziare con Formula 1 (il prodotto più venduto, un frullato sostitutivo del pasto da assumere come colazione); Formula 2 (complesso multi-vitaminico): Formula 3 (attivatore cellulare).
  3. Quanto costa iniziare con Herbalife? Iscriversi a Herbalife come distributore non richiede grosse spesse, oltre al pacchetto iniziale, il kit d’avvio, che costa tra le 100 e le 150 euro, a seconda del pacchetto scelto. Hai diritto al rimborso totale in caso di ripensamento, spese di spedizione incluse.
  4. Herbalife è una truffa? No, nel corso dl tempo Herbalife ha affrontato numerose cause e class action con questa accusa, riuscendo sempre ad evitare una condanna per questo reato. Negli ultimi anni ha inoltre investito molto, lavorando con le stesse autorità nazionali, per ristruttura il proprio business in favore di una maggiore trasparenza e inattacabilità legale.
  5. Quando è nata Herbalife? Da quanto tempo è in attività? Herbalife è in attività dal 1980.
  6. Quanti distributori conta Herbalife nel mondo? Secondo i dati aziendali, Herbalife avrebbe circa 2 milioni e mezzo di distributori, e circa 5 milioni e mezzo di clienti fidelizzati. Secondo le fonti accusatorie, avrebbe invece 8 milioni di distributori che sono anche unici consumatori.
  7. Cosa ne pensano i medici di Herbalife? Come per tutti gli integratori, i pareri dei medici sono soggettivi e contrastanti.
  8. Come si guadagna, con Herbalife? trovando clienti che acquistino i prodotti, e trovando nuovi incaricati che aiutino l’azienda a vendere i prodotti.
  9. Chi guadagna con Herbalife? Chi sa fare marketing e vendita, come in qualunque azienda di vendita diretta o negozio o attività locale.
  10. Dove si compra Herbalife? Pupi acquistare i prodotti da un distributore indipendente, ma trovi anche alcuni e-commerce online, e ormai i prodotti sono in vendita anche su Amazon e Ebay. Non esistono negozi a Roma, Napoli, Milano o altre città italiane autorizzati a vendere direttamente questi prodotti. La consegna avviene direttamente a domicilio.

Ultime Notizie su Herbalife.

  • Settembre 2019 – USA L’Antitrust multa Herbalife con una sanzione da 20 milioni di dollari per la truffa in Cina. E la obbliga ad un “cessa e desisti”. Qui la notizia.

Se vuoi scoprire come applicare in maniera efficace e produttiva ciò che hai appreso in questo articolo, clicca subito qui, e ti mostrerò il PRIMO (l’originale!) sistema professionale e duplicabile per fare network marketing in Italia, SENZA LISTA NOMI, senza telefonate a freddo e senza perdere la faccia con amici e parenti, anche se hai poca o nessuna esperienza.

Che stai aspettando? Clicca qui ==> Networker avvisato, mezzo salvato!

Antonio Russo
 

Click Here to Leave a Comment Below 10 comments