Quanto si guadagna davvero con Herbalife?

L’analisi dell’opportunità di guadagno Herbalife. E del perchè devi piantarla di credere, dati alla mano, che puoi diventare milionario grazie alla lista nomi.

In un articolo precedente, ho già scritto una recensione senza peli sulla lingua a proposito dell’opportunità Herbalife.

Oggi invece vedremo, dati alla mano, perchè confidare solo sulla lista nomi e sul passaparola, per costruire la tua attività, è un suicidio imprenditoriale.

Prima di scavare nei numeri, ti consiglio di approfondire in questo articolo la differenza tra provvigioni dirette, indirette e bonus.

Cominciamo? Prepara i sali.

Devi sapere che ogni azienda di network marketing corretta, per amore di trasparenza, ogni anno, o al massimo ogni due, pubblica un report dei compensi lordi medi corrisposti ai propri membri, iscritti come incaricati alla vendita.

In USA si chiama “income disclosure statement”, è obbligatoria per le aziende di network marketing, e serve ad informare correttamente i potenziali distributori sull’effettiva potenzialità di un’azienda in un settore delicato come quello delle vendite a domicilio.

In Europa non è ancora obbligatoria, se non sei un’azienda quotata in Borsa, ma comunque resta un documento molto gradito alle autorità nazionali.

Considera che quelli indicati sono gli importi lordi, ovvero le provvigioni prima di aver pagato le tasse.

Quindi, per avere il guadagno netto, ad ogni cifra comunicata va sottratto il 17,93% di ritenuta alla fonte sulle provvigioni (ovvero 23% del 78% delle provvigioni); qui trovi una tabella più dettagliata.

Dal report di Herbalife Nutrition del 2017, relativo alla sola Italia, scopriamo quanto segue (trovi il PDF in originale sul sito ufficiale Herbalife).

Analisi delle dichiarazioni ufficiali Herbalife.

Scopriamo intanto che, secondo i dati Herbalife, il 12,5% risulta avere una qualifica da Supervisor o superiore, e il compenso medio è equivalente a 3.122 euro lorde nel 2017.

Facciamo i primi calcoli: ogni distributore attivo che abbia almeno una qualifica da Supervisor, grazie ad Herbalife ha guadagnato in media nel 2017, 2.563 euro nette, ovvero 213 euro al mese.

Andiamo più nel dettaglio:

Membri senza Downline.

I membri senza downline, che fanno quindi solo autoconsumo e vendita a parenti e amici, sono 93 mila in totale. Ovvero il 77.5% del totale.

Il loro guadagno da provvigioni indirette è zero.

Non è chiaro e non viene specificato se questi 93 mila membri siano iscritti come clienti fidelizzati o qualcuno anche come incaricato alla vendita.

Significa comunque che 93 mila persone hanno guadagnato solo le provvigioni dirette, e ZERO indirette.

Tra questi 93 mila, circa 4,7 mila hanno raggiunto la qualifica di Supervisor, ma senza downline.

Per guadagnare qualcosa da questa attività, queste 93 mila persone iscritte a Herbalife hanno dovuto imparare a VENDERE.

Distributori Indipendenti non Supervisori.

In questa categoria rientrano tutti i membri Herbalife registrati come distributori indipendenti, che abbiano reclutato almeno un altro distributore in struttura durante la loro attività, ma che non abbiano raggiunto ancora la qualifica di Supervisor.

Questi sono 12 mila. Ovvero il 10% del totale.

Fra questi, 9.500 hanno strutture attive, e fra questi, 2640 hanno ricevuto una provvigione (quindi, indiretta o bonus) nel 2017, grazie alle loro strutture. La media dei pagamenti in un anno a questi 2640 è stato di 76 euro lorde.

Facendo i calcoli del caso, significa che con Herbalife:

  • 9,4 mila distributori di livello inferiore a Supervisor, hanno guadagnato ZERO provvigioni indirette da Herbalife nel 2017.
  • 2,6 mila distributori di livello inferiore a Supervisor, hanno guadagnato meno di 5 euro al mese, nel 2017.

Supervisor e Qualifiche Superiori.

In questa categoria rientrano tutti i membri Herbalife, registrati come distributori indipendenti, che abbiano reclutato almeno un altro distributore in struttura, e che abbiano raggiunto almeno la qualifica di Supervisor, o ottenuto una qualifica superiore.

Secondo la tabella, parliamo di 15 mila distributori, ovvero il 12,5% di tutti gli iscritti a Herbalife.

E qui, tocca dividere ulteriormente in fasce di guadagno:

  • 2 mila membri, ovvero il 14% circa di questi, hanno guadagnato ZERO provvigioni indirette da Herbalife nel 2017. Significa che non basta scattare di qualifica per avere una garanzia di guadagno. Tocca comunque lavorare e, soprattutto, vendere.
  • 8,2 mila membri, ovvero il 55% circa, hanno guadagnato 362 euro lordi nel 2017. Meno di 25 euro netti al mese.
  • 3,2 mila membri, ovvero il 22% circa, hanno guadagnato 362 euro lordi nel 2017. Meno di 151 euro netti al mese.
  • 673 membri, ovvero il 4,5%, hanno guadagnato 6.987 euro lordi nel 2017. Meno di 478 euro netti al mese.
  • 430 membri, ovvero il 2,9%, hanno guadagnato 15.127 euro lordi nel 2017. Sembrano tanti? Sono meno di 1000 euro netti al mese, considerando che a questi livelli, tocca pagare anche l’INPS.
  • 168 membri, ovvero l’1% circa, hanno guadagnato 35.141 euro lordi nel 2017. Sono meno di 2,5 mila euro netti al mese.
  • Solo 154 membri invece, ovvero l’1% di tutti i distributori iscritti come incaricati alla vendita Herbalife, nel 2017 hanno guadagnato più di 50 mila euro. In media, hanno guadagnato infatti 127.261 euro lordi, nel 2017. Circa 8 mila euro netti al mese, se togliamo le spese INPS.

Tirando le somme…

Mantenendoci fedeli ai numeri indicati nel report, possiamo quindi ricavare delle statistiche trasversali a tutti e tre i macro-gruppi, che possiamo riassumere così…

Di 31,7 mila membri registrati come incaricati alla vendita a domicilio (ma l’azienda ne dichiara ai meeting almeno 100.000, includendo anche i clienti fidelizzati, che biricchini!):

  • 16 mila membri, ovvero quasi il 51% degli incaricati, hanno guadagnato ZERO euro da provvigioni dirette. Niente indipendenza finanziaria!
  • 8 mila membri hanno guadagnato meno di 25 euro al mese. Niente indipendenza finanziaria per loro!
  • 3,2 mila membri hanno guadagnato meno di 151 euro al mese. Anche per loro, niente indipendenza finanziaria!
  • 673 membri hanno guadagnato meno di 478 euro al mese. Ancora, niente indipendenza finanziaria!
  • 430 membri hanno guadagnato meno di 1000 euro al mese. Niente indipendenza finanziaria, nemmeno per loro, ma almeno ci sono quasi, soprattutto se hanno ottenuto abbastanza provvigioni dalla vendita ai clienti diretti.
  • 168 membri hanno guadagnato meno di 2,5 mila euro al mese. Già qui iniziano a vedere la luce, ma sono ancora lontani dal potersi permettere la Ferrari. A meno che non siano anche ottimi venditori.
    151 membri hanno guadagnato circa 8 mila euro al mese. Sono gli unici ad aver raggiunto l’indipendenza finanziaria. Costituiscono l’1% di tutti i distributori iscritti.

E’ ovvio che questi sono i guadagni netti, che non tengono conto delle spese personali di ogni distributore, nella promozione di Herbalife. 

Se dovessimo togliere da queste cifre le spese per biglietti da visita, biglietti di treni e aerei, benzina, volantini, pranzi di lavoro, meeting, eventi etc… Le cifre sarebbero molto più tristi.

In Conclusione.

Se deciderai di unirti a Herbalife, è VITALE che tu impari a generare contatti di potenziali clienti interessati, per far crescere la tua attività, senza affidarti esclusivamente alla lista nomi.

Diciamolo di nuovo: i meeting aziendali sono noiosi perché sono tutti uguali, e a nessuno piace il fastidioso amico di Facebook che ti contatta via telefono o via messenger per proporti l’ennesima opportunità di guadagno.

E una volta terminata la lista nomi, ti tocca comunque andare in giro a cercare di convincere gli sconosciuti che hai un’opportunità di guadagno per loro per le mani.

Se però gli mostrassi questi numeri, probabilmente ti prenderebbe per pazzo.

Sono numeri aziendali ufficiali, quindi facilmente consultabili da chiunque, online, oggi, con un semplice cellulare.

E con questi numeri, sostenere la tesi che con il network marketing si diventa ricchi facilmente, basta crederci forte forte, è pura follia.

Ecco perché spero tu comprenda l’importanza di generare contatti al di fuori della tua cerchia di amici e parenti, e di scoprire cosa significa veramente costruire e possedere la tua attività di vendita e sponsorizzazione, piuttosto che essere solo l’ennesimo tifoso dell’ennesima compagnia di network marketing.

D’altronde, come rivela l’azienda stessa sul suo sito, chi guadagna davvero dall’opportunità Herbalife è solo una piccola minoranza. Il resto si accontenta di consumare, con uno sconto sull’autoconsumo.

Se vuoi guadagnare, devi lavorare: devi imparare a VENDERE, e devi imparare a reclutare distributori che sappiano vendere o che siano disposti ad imparare.

Se vuoi vendere, e reclutare, devi imparare a farlo correttamente. Come hai potuto leggere, non basta fare lista nomi e passaparola. Non basta per 99 incaricati Herbalife su 100.

Se vuoi fare la differenza, c’è un sistema che puoi utilizzare, per vendere i tuoi prodotti e la tua opportunità, solo a gente realmente interessata e che ti porterà denaro in tasca ad ogni vendita, senza bisogno di tirare tutti dentro con promesse di facili ricchezze.

Un sistema che ti permette di catturare contatti e clienti online e offline, e incontrare solo persone già interessate a ciò che hai da proporre, senza sprechi di tempo, denaro o fatica.

E senza perdere la faccia con parenti e amici.

Ho racchiuso le basi del sistema nel manuale “Networker Avvisato, Mezzo Salvato”, che puoi fare tuo cliccando qui (non lo trovi da nessun’altra parte a questo prezzo).

Questo è letteralmente “Il Manuale che le aziende di Network Marketing NON ti farebbero leggere MAI”: ignorare il suo contenuto vuol dire ignorare come guadagnare dalla tua attività di network marketing in Herbalife.

O, come hai potuto vedere dai dati ufficiali Herbalife, sei destinato a fare la fame nel 98% dei casi.

Considera che, come viene detto anche nel report dei distributori Herbalife Nutrition in USA, questo 1% di distributori racchiude una media di President’s Team che hanno speso per la loro attività da 3 a 35 anni di impegno, con una media di 13 anni di fatiche.

13 anni, in media. Non 1, non 2, non 5.

Certo, puoi sempre scegliere di nutrirti dei tuoi beveroni per gli anni a venire, in attesa di maturare l’età per una bella pensione minima dallo Stato, dopo decenni di illusioni vissute nel miraggio dell’indipendenza finanziaria.

A te la scelta.

Dimmi cosa ne pensi lasciando un commento qui sotto, o sul nostro gruppo Facebook.

Se vuoi scoprire come applicare in maniera efficace e produttiva ciò che hai appreso in questo articolo, clicca subito qui, e ti mostrerò il PRIMO (l’originale!) sistema professionale e duplicabile per fare network marketing in Italia, SENZA LISTA NOMI, senza telefonate a freddo e senza perdere la faccia con amici e parenti, anche se hai poca o nessuna esperienza.

Che stai aspettando? Clicca qui ==> Networker avvisato, mezzo salvato!

2 Comments

Leave a Reply
  1. Ciao Antonio,
    ti seguo da tempo e sto leggendo il tuo fantastico libro, per cui sento di farti i miei veri e sincerissimi conplimenti perché mi piace davvero molto il tuo modo di comunicare e di approcciare ai vari argomenti che affronti di cui ci rendi eruditti e partecipi; grazie per tutto questo!
    Ci tenevo da tempo a ringraziarti, ma devo confessarlo che da ex iconsulente finanziaria per 14 lunghissimi anni ed ex imprenditrice , fino all anno scorso , anche qui per altri 18 anni nel settore della formazione , ho creato un’ Accademia di barman ecc ., mi sono decisa ad accettare la sfida del Network Marketing, dopo anni di innumerevoli proposte dalle più svariate società del settore, ma mai nessuno mi aveva veramente ” chiuso”…a fine 2015 ho conosciuto Roberto Grandis e da qui… eccomi in Wellstar!!
    Felicissima, convinta, determinata, e più che mai orientata a diventare una networker competente fino a voler creare e raggiungere ciò che in tutti i miei anni di esperienze, per quanto, anche se non sempre naturalmente, di buone soddisfazioni, ma lontanissima dal raggiungimento della cosiddetta libertà finanziaria.
    Essere qui, adesso, con persone al mio fianco come Roberto e te, mi sento davvero molto più forte e serena ad affrontare questa avventura che amo immensamente, ma sicuramente, mi sto rendendo conto e ne sono veramente consapevole che sono ancora una neofita ed anche con pochissima competenza in questo mercato e questo sono i miei risultati ad evidenziarlo dopo 3 anni e nezzo; per cui , le uniche certezze che ho, sono la mia cocciutaggine, caparbietà e perseveranza nel voler raggiungere il mio scopo che non facilmente mollero’, ma in un certo momento qualche dubbio aveva cominciato ad insinuarsi , proprio nel momento in cui questo stava accadendo, Roberto ,ha rivitalizzato i Futus e con così tanta veemenza e stima nei tuoi confronti ha parlato del tuo libro ed io da brava e fedelissima studente, ho deciso di cercare di duplicarlo , duplicando anche te; per cui continuerò a mettercela tutta e fidandomi del mio istinto ma soprattutto confidando nella più completa comprensione dei tuoi consigli e dati oggettivi, che solo tu , da ciò che osservo, sei in grado di trasmettere talmente bene e chiaramente che se nei prossimi 5 anni non intravvedero’ un po’ di quella luce, di cui parlavi nell articolo di Herbalife,… credo che sarà il caso di sperare di rimanere la discreta venditrice che sono e dedicarmi agli sperati nipotini e gioire almeno nel rimanere sempre giovane con BYAS!! Ahaha!
    Scusa se sono stata prolissa.. prima o poi imparerò anche ad essere più breve…ma ci tenevo a dirti che se sono ancora nel network , anche se dopo soli 4 anni circa, è per Roberto e per te che mi state facendo vedere la Via…grazie ancora per tutto quello che fai e di cui ci rendi consapevoli!
    Ti auguro il meglio che tu voglia raggiungere e buon successo !
    Ciao!
    Sonia Pavanello

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Quello che i guru del web non vogliono ammettere: i 6 costi nascosti del network marketing Online

Quanto si guadagna davvero con Lyoness/Lyconet?