14 errori che uccidono la tua crescita come networker.

Fai network marketing da almeno 6 mesi, hai ottenuto risultati ma ti senti come se non riuscissi ad andare oltre, nonostante tutti i tuoi sforzi? Ecco perchè.

Se fai network marketing da qualche mese, e hai già ottenuto nuovi clienti e nuovi distributori, potresti ritrovarti ad un punto in cui ti senti bloccato; ti senti come se non riuscissi ad andare oltre, nonostante tutti i tuoi sforzi.

I distributori nella tua downline lavorano, ma ti sembra che non crescano abbastanza o abbastanza in fretta.

Queste sensazioni nascono da uno o più degli errori che andremo a vedere insieme, e sono ciò che uccide la tua crescita come networker.

Punto 1: Scarsa Mentalità.

La mentalità non ha a che fare con la motivazione. E’ ciò che pensi di te stesso, ogni giorno. Se hai pensieri del tipo:

  • Non mi merito il successo
  • Sono solo questo, non posso essere di più
  • Non voglio una squadra di cui dovermi preoccupare
  • Non ho bisogno di più di quello che ho
  • Non credo di piacere ciò che sono diventato

Allora hai un serio problema. Fai pace con te stesso, un passo alla volta, o nulla avrà reali conseguenze positive. Nulla migliorerà la situazione in cui già ti trovi.

Punto 2: Scarso sistema stampa-contatti.

Adesso stai basando tutta la tua attività sulla lista nomi, che è un sistema genera-contatti guidato per intero dalla fortuna, dal caso, e non da una strategia replicabile che ti porta nuovi contatti interessati ogni giorno.

Se non crei un sistema che generi nuovi contatti interessati a saperne di più sulla tua opportunità e sul tuo prodotto, la tua crescita sarà sempre una questione di fortuna. La lista nomi pota te a cercare interessati. Un sistema stampa-contatti porta gli interessati a cercare te.

Punto 3: Scarso pubblico.

L’obbiettivo principale delle tue azioni quotidiane dovrebbe essere quello di raccogliere attorno a te, alla tua idea, al tuo prodotto, alla tua opportunità, un pubblico di affezionati lettori, una comunità di persone disposte ad ascoltare ciò che hai da dire, e poi a comprare ciò che hai da vendere loro.

Se non stai costruendo la tua comunità, la tua tribù, il tuo circolo, non sarai mai in grado di proteggere la tua attività dalle incertezze del futuro.

Punto 4: Scarsa cassa contante e costante.

Fatturato e guadagno non sono la stessa cosa.

Devi sempre avere la possibilità di attingere a denaro che entri nelle tue tasche mese dopo mese.

Ti serve avere un minimo di entrate “garantite” da investire nella tua attività.

Finché non riesci ad ottenere questo flusso di denaro dalla tua attività, devi avere un lavoro “tradizionale” almeno part-time.

Questo, non solo ti garantirà di avere denaro sempre fresco in tasca, da investire nella tua formazione e nella costruzione della tua attività, ma ti consentirà di creare relazioni con persone che non conosci, di fare esperienza di vendita e assistenza clienti, e di iniziare a ragionare come risolutore di problemi all’interno di un’impresa commerciale reale.

Far crescere un’attività nel network marketing richiede denaro. E non puoi contare sul denaro degli altri. Deve essere denaro che fai entrare nella tua cassa e che non dovrai restituire.

Se credi di non saper vendere, o se non hai mai venduto in vita tua, trova un lavoro, anche solo da lavapiatti. Quando servirà, o se ne presenterà l’occasione, chiedi di poter fare il cameriere. Impara a relazionarti con il prossimo in un rapporto di “assistenza all’acquisto” e non di semplice “vendita“.

Se hai difficoltà a gestire una telefonata con sconosciuti, trova lavoro presso un call center e fai pratica di telefonate a freddo per loro. Impara a prendere qualche vaffancuore, e impara a mantenere il sorriso e la calma interiore anche quando li riceverai.

Se sei troppo timido per parlare in pubblico, frequenta un corso di teatro, poi inizia a fare una diretta al giorno su argomenti assolutamente banali, come se parlassi in video-chat con un amico che non può risponderti.

Punto 5: Scarse procedure e operatività.

Se non inizi a costruire la tua attività basandoti su procedure che potrai condividere con i tuoi distributori, attraverso ad esempio un manuale, dovrai sempre fermarti e ricominciare da zero con ogni persona che farai entrare nella tua struttura.

Networker Avvisato, Mezzo Salvato” è un manuale di formazione per i nuovi distributori.

Finché non sarai in grado di crearne uno tuo, puoi usare quello per formare le tue downline.

Punto 6: Travolti da un insolito destino nell’azzurro mare d’agosto.

Se trascuri i punti 4 e 5, ciò che otterrai, anche in caso tu riesca ad avere una buona struttura e tanti clienti, è di ritrovarti in perenne corsa contro il tempo.

Impara a delegare, e inizia a farlo fin da subito. Non puoi gestire tutto da solo.

Punto 7: Scarso modello di guadagno.

La maggior parte dei networker ragiona solo su due tipi di guadagno: diretto, dalla vendita personale, e indiretto dalle vendite della propria struttura.

Ma questo non basta, quando inizi a diventare un leader riconosciuto, per una semplice ragione. Più la tua struttura crescerà, meno potrai vendere personalmente.

E meno potrai vendere personalmente, meno soldi entreranno, più fonti di guadagno ti serviranno per avere una crescita sostenibile e non farti scavalcare dalle tue downline.

Ti serve non solo un sistema che continui a generare contatti e denaro, ma anche un sistema che fidelizzi i tuoi clienti, per non perderli lungo la strada, e per non dovere sempre cercare nuovi clienti ogni mese, mentre segui i leader della tua struttura.

Punto 8: Mancanza di un piano B.

Cosa faresti se domani la tua azienda di network marketing chiudesse?

Come potresti continuare a guadagnare?

Probabilmente, se sei già un leader nella tua azienda, fai il networker a tempo pieno.

Quindi, se la tua azienda dovesse chiudere domattina, perderesti tutti i soldi derivanti da guadagni diretti e indiretti. Non solo, ti ritroveresti a gestire clienti e distributori scontenti, senza sapere quale alternativa offrirgli per toglierli dai guai.

Ti occorre un piano di emergenza per casi come questi. Se non ci stai già pensando, rischi di trovarti a sedere scoperto da un giorno all’altro.

Se non hai un qualche tipo di guadagno alternativo, stai giocando a dadi con il destino.

Soprattutto in una nazione, l’Italia, dove le aziende di Network Marketing posso essere obbligate a chiudere nel giro di 3 mesi. Basta un giornalista con tanto tempo da perdere.

Punto 9: Scarsa Ereditabilità.

Si, le aziende di network dicono che il tuo codice è vendibile/ereditabile. Ma se fossi costretto a farlo, avresti già un degno erede che non fa parte del tuo network?

Hai già una persona che potrebbe seguire la tua squadra senza perdere fatturato e fedeltà dei componenti del Team?

Hai qualcuno che ti consenta di andare in ferie per un mese, tre o sei, senza farti perdere fatturato o distributori?

Se non stai lavorando all’ereditabilità della tua struttura, non hai un’azienda, hai un lavoro da impiegato.

Punto 10: Scarsa Autorità.

Se i networker delle altre aziende non sono a conoscenza di te come leader del settore, stai perdendo il treno più importante che tu possa mai vederti passare davanti.

Se non sei un’autorità per il settore, non lo sarai mai davvero nemmeno per i tuoi networker, che non saranno mai davvero fidelizzati. E, in qualunque momento, potrebbe arrivare un’autorità e portarteli via, una gamba alla volta.

Ecco perchè le aziende crollano. Perché i leader non ritengono necessario diventare autorità nemmeno per il loro stesso team.

Punto 11: Scarsa Personalità.

Se non hai costruito una tua personale visione del settore, ma ti limiti a condividere quella di qualcun altro all’interno della tua squadra o, peggio, la visione comune del settore, basata sul “ci devi crederci forte forte e condividere”; se non stai coltivando una tua personalità, sarai solo l’ennesimo venditore dell’azienda, che le persone non faranno fatica ad abbandonare, nei momenti più difficili o di crisi.

Non solo devi essere un’autorità credibile per il settore, ma devi essere una personalità a cui aggrapparsi nei momenti difficili, per il tuo team.

Punto 12: Mangiare l’uovo oggi.

La maggior parte delle aziende, e quindi dei leader, ti costringe a ragionare di 30 giorni in 30 giorni.

  • “Inizia oggi, e a fine mese avrai 300 euro in più in mano, per mangiare la pizza con la fidanzatina”
  • “Fai la lista nomi oggi, così a fine mese avrai ottenuto la qualifica”
  • “Ti mancano solo 300 punti per ottenere la qualifica di fine mese”.

I venditori ragionano di mese in mese, perchè pensano solo ad intascare le provvigioni per poter fare la spesa al supermercato a fine mese. Questo non è sbagliato, per carità.

Ma è ragionare da venditore di auto.

Un imprenditore effettua scelte e decisioni basandosi su periodi di almeno 90 giorni. Costruisce sistemi oggi, per raccogliere frutti fra 90 giorni. Investe oggi, per far cassa a 3 mesi da oggi.

Punto 13: Scarsa conoscenza dei tuoi numeri.

Uno degli errori più letali è trascurare i tuoi numeri.

Se nei 6 mesi precedenti hai ottenuto un solo cliente al mese, e hai reclutato una sola persona ogni mese, e guadagni 300 euro al mese, e hai ottenuto un solo scatto di qualifica, come puoi pensare di raggiungere le vette del tuo network in un solo anno?

Si, lo so, è un bel sogno, ma è tutto basato sulla speranza di avere il colpo di fortuna magico.

Non funziona così. Gli imprenditori non costruiscono obbiettivi sul colpo di fortuna.

Pensa prima a come puoi passare dallo sponsorizzare una sola persona a sponsorizzarne 2 al mese; da come fidelizzare un solo cliente a come fidelizzarne due al mese; e rifletti su quanto tempo ti servirà e quale cambiamento ti servirà per farlo, basandoti sul tempo investito per ottenerne 1.

Solo se conosci i tuoi numeri, puoi capire come migliorarli. Se vai a fortuna, puoi migliorare contando solo sui colpi di fortuna.

Punto 14. Non avere un piano di lavoro.

La lista nomi, per chi ha tanti amici, può sembrare un’ottima scelta. Ma a parte che non lo è, se non hai certe conoscenze, a lungo andare finisce. E a meno che tu non voglia provare a tirare dentro anche l’edicolante o il barista, ti occorre avere un piano di lavoro che ti permetta di trovare contatti extra ogni mese, senza perdere la faccia con amici e parenti.

Potrei elencarti altri 100 punti, ma per ora bastano questi. Se pensi di essere caduto anche tu in questi errori, ben, tranquillo.

Ci siamo passati tutti.

Dimmi cosa ne pensi lasciando un commento qui sotto, o sul nostro gruppo Facebook.

Se vuoi scoprire come applicare in maniera efficace e produttiva ciò che hai appreso in questo articolo, clicca subito qui, e ti mostrerò il PRIMO (l’originale!) sistema professionale e duplicabile per fare network marketing in Italia, SENZA LISTA NOMI, senza telefonate a freddo e senza perdere la faccia con amici e parenti, anche se hai poca o nessuna esperienza.

Che stai aspettando? Clicca qui ==> Networker avvisato, mezzo salvato!

Written by Antonio Russo

[g1_socials_user user="2" icon_size="28" icon_color="text"]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Le 10 Regole d’oro del Networker Professionista (e dell’azienda di network marketing seria).

Herbalife International: È una truffa, o è davvero possibile guadagnare con Herbalife?