Lyoness censurata dall’Antitrust per “schema piramidale”.

L’antitrust ha pubblicato la conclusione di un procedimento contro Lyoness/Lyconet. Scopriamo insieme cosa c’è da sapere e cosa c’è da fare.

Contenuti:

In passato ammetto di non aver speso belle parole verso l’azienda che nel corso degli anni si è fatta conoscere al grande pubblico con i brand Lyoness/Lyconet/Cashback World (oggi myWorld).

Anzi, per dirla tutta, ho sempre nutrito più perplessità che certezze sul modello di business di questa azienda.

Ma con il mio lavoro, ho avuto modo di conoscere più di un allievo che seguiva e segue ancora oggi con passione questa azienda, allievi che tutto sono fuorché acchiappagonzi o vampiri del network marketing.

Alla domanda se Lyoness/Lyconet /Cashback World sia una truffa, non posso rispondere, perchè solo un tribunale può stabilirlo con certezza.

Certo, quando in passato prospettavo un caso come questo, l’unica certezza dei suoi incaricati era sempre la stessa: Lyoness/Lyconet è in piedi da anni, se fosse una piramide l’avrebbero già chiusa.

Beh, mi piace deluderti,ma non è così: ricordo che la truffa Madoff è durata oltre 50 anni, nonostante ci fossero state indagini del SEC già nel 1992, e quella di Belfort, il lupo di Wall Street,  oltre 10 anni. Se giudichi la tua azienda solo sul fatto che è in piedi da anni, beh, in bocca ai lupi!

Comunque, in attesa di futuri sviluppi, mi limiterò a chiarire quanto riscontrato in base ai comunicati AGCM degli ultimi mesi.

Per chi non lo sapesse, l’Agcm è l’Autorità garante della concorrenza e del mercato, che può infliggere multe, sospensioni o condanne senza necessità di ricorrere al tribunale ordinario.

Ma cerchiamo di fare chiarezza, anche per dare una risposta ai distributori Lyoness/Lyconet.

L’Antitrust applica i regolamenti comunitari, e può avviare istruttorie o indagini conoscitive verso le aziende ritenute “in errore”, che possono concludersi con una diffida (una sorta di ammonizione del tipo “piantala subito o ti multo”), o una multa amministrativa vera e propria, come accaduto nei casi di Vemma, Organo Gold e Asea.

L’Antitrust e il Network Marketing.

L’Antitrust quindi interviene in caso di reati amministrativi, come possono essere la la pubblicità ingannevole o le pratiche pubblicitarie scorrette.

Può anche ordinare alle Aziende la sospensione della distribuzione o della fornitura dei propri servizi in Italia, e può attivare in casi estremi la Guardia di Finanza in caso si riscontrino reati penali (leggi “fregature per gonzi”) che comportino il ricorso ad un tribunale apposito.

Nei procedimenti avviati per presunte violazioni della disciplina in materia di concorrenza, le sanzioni possono arrivare sino al 10% del fatturato dell’impresa.

In caso di violazioni della normativa a tutela del consumatore, invece, come nel caso di Lyoness/Lyconet, l’Autorità può irrogare sanzioni fino ad un massimo di 5 milioni euro.

In caso di particolari situazioni di necessità e urgenza, l’Autorità può emettere, inoltre, provvedimenti cautelari, anche senza necessità di sentire le parti coinvolte, per la tutela di interessi generali, ordinando quindi la sospensione dell’azienda per qualche mese.

Cosa viene contestato a Lyoness/Lyconet da AGCM?

Chiarito l’aspetto “chi fa cosa”, vediamo di analizzare insieme il documento. L’Antitrust, si dice nel documento, ha aperto un fascicolo, PS11086, in cui la sigla PS chiarisce che si contesta all’azienda un reato amministrativo del tipo:

PRATICHE COMMERCIALI SCORRETTE. Si chiarisce che si tratta di un “Avviso di avvio di procedimento istruttorio”, quindi nulla è ancora deciso.

Aprendo il documento, e leggendo, scopriamo in questo paragrafo:

Che l’autorità ha ricevuto una serie di segnalazioni, a proposito di presunte pratiche pubblicitari scorrette, che sarebbero riconducibili all’azienda che rappresenta in Italia la multinazionale Lyoness, ovvero Lyoness Italia SRL, con sede a Verona.

Ok, ma cosa viene contestato in soldoni a Lyoness? Lo possiamo leggere nel paragrafo successivo:

Ok, qui potrei cercare di ammorbidire la contestazione, ma mi piace parlare schietto.

Qui si contesta all’azienda di aver venduto l’azienda come opportunità di guadagno virtualmente senza fatica e senza rischi.

Di aver richiesto soldi in anticipo, in in cambio di promesse future di guadagni. Di aver chiesto soldi oggi in cambio di più soldi domani.

Quindi, non solo si contesta a Lyoness/Lyconet di aver venduto u’opportunità di investimento ad alto rischio,  senza chiarire che si trattasse di un’opportunità ad alto rischio, ma gli si contesta anche la possibilità che si tratti di uno schema piramidale.

A Lyoness/Lyconet vengono contestati gli articoli più “pesanti” del Codice del Consumo, perchè nella fattispecie, ricadrebbe anche un “sistema di promozione a carattere piramidale nel quale il consumatore fornisce un contributo in cambio della possibilità di ricevere un corrispettivo derivante principalmente dall’entrata di altri consumatori nel sistema piuttosto che dalla vendita o dal consumo di prodotti”.

Per riepilogare, a Lyoness/Lyconet vengono contestate le seguenti violazioni del Codice del Consumo:

  • Pubblicità ingannevole
  • Pratiche commerciali scorrette
  • Violazione dei diritti del consumatore
  • Violazione del divieto di discriminazioni
  • Clausole vessatorie per i consumatori

Quali sono i rischi che corre Lyoness/Lyconet e quali rischi corrono gli incaricati?

In linea di massima, avvertendoti che quello che sto per dirti non costituisce parere legale ma solo una mia considerazione, basata sulle precedenti sanzioni ad aziende presenti in Italia, Lyoness rischia (ma qui entriamo nel campo delle ipotesi, perchè bisognerebbe leggere bene cosa dicono le istanze presentate):

  • Nel caso più favorevole, una semplice multa di qualche centinaio di migliaia di euro, con diffida. Ovvero, Lyoness/Lyconet dovrà provvedere a presentare un piano di correzioni da presentare alle autorità e poi ai sui incaricati, come accaduto di recente nella vicenda Herbalife, e in passato con Asaea, Vemma e Organo Gold.
  • Nel caso più probabile, ma qui siamo davvero nel campo delle ipotesi, Lyoness potrebbe essere multata, e sospesa per qualche mese, per consentire alla Guardia di Finanza di acquisire ulteriori documentazioni, in vista di un’eventuale indagine per sospetto schema piramidale. A quel punto, Lyoness/Lyconet potrebbe decidere di chiudere la sede Italiana, e continuare a operare da un’altra sede Europea, sempre che non prenda decisioni più drastiche (tipo sospendere il servizio in Italia, come capitato con Asea e Vemma, in passato).
  • Il caso peggiore è una richiesta di messa in accusa per schema piramidale, ma in Italia sono rarissime, e solitamente l’azienda che annusa questa possibilità, preferisce chiudere la sede Italiana, e nei casi più vistosi le sedi Europee, e continuare le proprie attività in Paesi meno regolati.

Lyoness/Lyconet rischia davvero di chiudere in Italia?

In Norvegia, Lyoness/Lyconet è stata già bandita. In Italia, la piattaforma Lyconet è “bloccata”.

Quindi, le conseguenze possono essere importanti.

A livello mondiale, attualmente la community Lyoness raggruppa oltre 120.000 imprese, mentre in Italia le piccole e medie realtà convenzionate che possono offrire i vantaggi d’acquisto della Shopping Community sono oltre 22.000.

Il network italiano, che conta più di 1.500.000 iscritti, è in costante crescita e si avvale della collaborazione di

Secondo Alexa, il sito Lyoness riceve il 46% delle sue visite dall’Italia; il sito Lyconet il 32%.
Da questi numeri si deduce che l’Italia sia il mercato principale dell’azienda, pertanto è difficile che Lyoness rinunci facilmente all’Italia.

Parliamo di un fatturato dalla sola Italia tra il 65 e il 70% del fatturato globale.

Probabilmente si arriverà ad un accordo per restare attiva almeno a livello di servizi. Anche se non so quanto possa restare appetibile, senza il comparto “network”.

Cosa farei io, se fossi un incaricato Lyoness?

Per prima cosa avvertirei del procedimento gli incaricati nella mia struttura, consigliandogli calma e prudenza, e di attendere almeno la fine della fase istruttoria, tenendoli aggiornati in ogni momento su ogni sviluppo.

La cosa migliore che ogni incaricato o struttura può fare, è aprire un proprio gruppo Facebook riservato, e magari una mailing list riservata, in cui mandare aggiornamenti settimanali sugli sviluppi della vicenda.

In casi come questi, molti networker sbagliano perchè vivono questi momenti con un profondo imbarazzo, e questo porta a interrompere i rapporti con le proprie strutture, favorendo lo sgretolarsi più della vicenda in sé.

Ricorda che i momenti no capitano a tutte le aziende, ciò che non devi assolutamente fare è smettere di informare. E’ in casi come questi che si consolidano le relazioni.

Perché aprire un proprio gruppo o una una propria mailing list? Perché se non lo farai tu, lo farà qualcun altro. Manterrà aggiornati i tuoi clienti e i tuoi distributori al posto tuo, e creerà al posto tuo  una relazione che li porterà a fidarsi più di loro che di te.

E se questa situazione di stallo durerà per qualche mese, sarà semplice per qualunque leader più smaliziato di te, soffiarti l’intera struttura e farla iscrivere altrove, senza attendere l’esito della vicenda.

Ricorda che il mondo del network marketing non è fatto di unicorni e orsetti del cuore, ma di squali e vampiri pronti ad intervenire, non appena sentono l’odore del sangue.

E’ così che Herbalife e Organo Gold hanno perso migliaia di distributori in Italia, nel momento in cui sono arrivate le indagini e le sanzioni.

Consolidate le relazioni, deciderei poi con calma cosa fare della mia vita, in base a quanto verrà deciso dall’Antitrust.

Per dirla diversamente, fasciarsi la testa ora non ha nessun senso, semplicemente perchè fare qualcosa ora, o farlo solo dopo la decisione, non cambia nulla.

Ma, tuttavia, aspettare mesi rimanendo inattivi, ha ancora meno senso.

Per precauzione, eviterei, nel massimo della trasparenza, di iscrivere nuove attività o nuovi incaricati, anche per evitare imbarazzanti situazioni di rimborsi e contestazioni, fino al giorno del pronunciamento. Ma questa è una scelta etica che spetta al singolo incaricato.

Valuterei nel frattempo un piano B. Sembra una carognata, ma tutti gli imprenditori hanno un piano B, per casi come questi.

Si tratta di essere lungimiranti, soprattutto se il tuo unico guadagno dipende da Lyoness.

Evitando accuratamente altre schede cashback, nel frattempo, proverei a utilizzare le mie capacità di fare marketing e vendita per un’altra azienda, non per forza nel network marketing.

Manterrò questo articolo aggiornato man mano che l’Agcm o Lyoness rilasceranno comunicati o aggiornamenti.

Quanto si guadagna davvero con Lyoness/Lyconet?

Qui trovi l’analisi dell’opportunità di guadagno Lyoness. E il perchè devi piantarla di credere, dati alla mano, che puoi diventare milionario grazie alle tessere sconto.

Chiarimento.

Siamo stati accusati di “esserci inventati” l’accusa ad opera dell’AGCM di schema piramidale per Lyoness.

In realtà, l’avvio delle indagini riguarda anche quello. Non a caso, si dice nell’avviso:

L’articolo 23, comma 1, lettera p), del Codice del Consumo menzionato, riguarda proprio:

“avviare, gestire o promuovere un sistema di promozione a carattere piramidale nel quale il consumatore fornisce un contributo in cambio della possibilità di ricevere un corrispettivo derivante principalmente dall’entrata di altri consumatori nel sistema piuttosto che dalla vendita o dal consumo di prodotti”.


Puoi trovare riscontro qui: Articolo 23 Codice del consumo.

Aggiornamento 2 ottobre 2018.

Fonti interne a Lyoness ci fanno sapere che oggi, 2 ottobre 2018, si terrà un incontro fra i due AD di Lyoness Italia, l’AGCM e il Codacons.

L’incontro, ufficialmente, verterebbe su come poter vendere sul mercato italiano i “buoni sconto”.

Chiariamo il discorso Lyoness – Norvegia.

Lyoness in Norvegia non risulta condannata, perchè l’autorità che ha imposto il blocco, non ha questo potere.

E non può procedere, finché non viene presentata una denuncia da parte di uno o più (ex) distributori Lyoness.

Quello che ha fatto Lottstift, l’autorità che equivale all’AGCM in Norvegia, è congelare l’azienda, lato network, in attesa di sviluppi.

Ciò significa che, sebbene Lyoness in Norvegia possa ancora operare come azienda:

  • Non può reclutare nuovi distributori.
  • Non può inserire nuove aziende.
  • Non può vendere buoni sconto.
  • Non può vendere quote Cloud.

Puoi approfondire leggendo qui.

Aggiornamento 6 ottobre 2018.

Le indagini, nonostante tante fake news messe in giro dai vari President, vanno avanti.

Dal 12/09, è stato disattivato l’easy Shop sul portale per i nuovi incaricati, mentre resta attivo per i vecchi.

Cos’è l’easy shop? Si tratta di una sorta di autoship di Lyoness, in pratica ordine continuativo mensile dei buoni sconto.

I vertici Agcm, i vertici del Codacons, e i vertici di Lyoness Italia si sono incontrati settimana scorsa, ed è emerso come i buoni sarebbero “illegali”, secondo i regolamenti Europei.

Che poi è lo stesso motivo per cui il network è stato bloccato in Norvegia.

Quindi è previsto un incontro in Austria per la definizione di un nuovo “prodotto” che li sostituisca.

Chi vi aveva detto “tuttappò”, non aveva capito molto della gravità della situazione, ma aumentano le possibilità che si arrivi ad un accordo per non chiudere Lyoness.

Aggiornamento 6 novembre 2018.

Pubblicate le condizioni del nuovo buono sconto Lyconet/Lyoness.

Qui un approfondimento.

Aggiornamento 22 novembre 2018.

Uno dei nostri allievi ha provato a esercitare il diritto di recesso dall’azienda, chiedendo il contestuale rimborso dei buoni non utilizzati.

Considerando che l’AGCM contesta a Lyoness anche il mancato rispetto delle imposizioni contenute nell’articolo 66-bis sui rimborsi, la risposta che ha ricevuto l’utente non solo ci sembra fuori luogo, ma anche preoccupante, perchè indice di una mancata flessione dell’azienda alle norme che tutelano i diritti degli Incaricati alla Vendita a Domicilio in Italia.

Eccola:

“L’accordo Lyconet, che ha accettato in data XX/XX/XXXX, ha durata un anno, quindi sarà possibile recedere dall’accordo solo a partire da un mese prima della scadenza dell’accordo. 
L’importo che ha versato pari a € X.XXX,XX è stato utilizzato per l’acquisto di buoni sconto/discount voucher; 

I Buoni Sconto sono regolati dalle condizioni di utilizzo che trova in allegato e che ha accettato in fase di conferma dell’ordine; come può vedere al punto 5.6 e 6 i buoni non possono essere rimborsati”

Cosa dicono questi punti lo puoi leggere qui:

“5.6 Il Marketer non può richiedere la restituzione di buoni sconto non utilizzati, ma può fare una richiesta di Re-Cash in conformità a queste disposizioni.

6. Restituzione di buoni sconto

Buoni inviati da Lyoness o emessi online sono esclusi dalla restituzione e, in linea di massima, i pagamenti effettuati non vengono rimborsati cosí come la maggior parte dei buoni sul mercato. La responsabilità giuridica per i vizi della cosa non viene intaccata. Le rivendicazioni per i vizi della cosa si prescrivono entro un anno dall’acquisto del buono sconto”.

Ultime notizie su Lyoness/Lyconet/Cashback World/MyWorld.

Trovi le ultime notizie aggiornate qui.

Lyoness nel mondo. 

C’è molta confusione online, sui Paesi in cui Lyoness è operativa, e in quali non può operare a causa di condanne. Quindi, ricapitoliamo:

  • Lyoness in Austria è aperta? Lyoness è già stato contrassegnata dall’Autorità come schema piramidale. Sono infatti ritenuti illegali i contratti, che violano la legge austriaca sugli schemi piramidali in 61 clausole del contratto.
  • Lyoness in Germania è aperta? Sebbene sia ufficialmente aperta, l’Autorità ha avviato un’indagine preliminare contro l’amministratore delegato di Lyoness Germania. È accusato di frode e di condurre uno schema piramidale sul territorio nazionale. Secondo l’articolo pubblicato sul Bild, che cita due casi ad esempio: Christoph Heitmann avrebbe investito 17 mila euro tra il 2011 e il 2013,  chiesti in prestito alla banca; Frank Köhler (60 anni), avrebbe investito circa 30.000 euro negli anni passati. E nessuno dei due avrebbe mai visto un euro.
  • Lyoness in Norvegia è aperta? Si, è aperta come comunità d’acquisto esistente (cashback), ma non può operare come opportunità di guadagno (Lyconet), e non può inserire nuove aziende nel circuito.
  • Lyoness in Repubblica Ceca è aperta? Sebbene sia ufficialmente aperta, è sotto indagini per motivi di privacy e gestione dei dati personali.
  • Lyoness in Svezia è aperta? Sebbene sia ufficialmente aperta, il suo business model è stato condannato come schema piramidale. Ma a causa del sistema societario di gestione dei Paesi, il pubblico ministero sta ancora indagando per capire chi perseguire legalmente.
  • Lyoness in Svizzera è aperta? Sebbene sia ufficialmente aperta, le indagini hanno mostrato come il contratto Lyconet violi le leggi svizzere (qui la fonte). Quindi, i partner sono invitati a chiedere i rimborsi.
  • Lyoness in Ungheria è aperta? Sebbene sia ufficialmente aperta, è stata condannata per pubblicità ingannevole.
  • Lyoness in Polonia è aperta? Sebbene sia ufficialmente aperta, le indagini hanno mostrato come il contratto Lyconet violi le leggi nazionali.
  • Indagini su Lyoness/Lyconet/Myworld risultano in corso anche in Francia, Polonia, Grecia e altri Paesi Europei, Italia compresa.
  • Trovi maggiori informazioni sugli altri Paesi, aggiornate, qui.

La famigerata “certificazione Codacons” a favore di Lyoness.

Codacons non ha “certificato” Lyoness.

In Italia, determinate tipologie di aziende che lavorano con i privati sono obbligate a pubblicare una “Carta dei Servizi“, una sorta di impegno tra l’azienda e i suoi clienti, che non è altro che un’adempimento burocratico.

Ciò che ha fatto Lyoness è adottare una Carta dei Servizi sul modello suggerito dal Codacons, carta che Codacons ha approvato.

Lo fanno le aziende proprio per farci su un po’ di marketing, come quelle che si uniscono ad Avedisco per poter mettere il loghetto sul sito.

Quindi, è un pezzo di carta fine a sé stesso.

In più, la Carta dei Servizi “approvata da Codacons”, non riguarda il network Lyconet, ma la Shopping Community Lyoness.

Nessuna autorità ha mai contestato la Shopping Community. E’ sempre finita sotto indagine, e condannata, la Lyconet, ovvero l’opportunità di guadagno legata a Lyoness.

Qui trovi la carta dei servizi “certificata da Codacons“.

Fra le altre cose, la carta neppure cita Lyconet.

Per inciso, Codacons e Avedisco non sono enti pubblici. Sono associazioni private.

Sarebbe come vantarsi di essere certificati dal circolo “Associazione Bocciofila Manca Uno”. Sarà pure figo da dire, ma all’Agcm o alla Guardia di Finanza interessa tanto quanto.

Aggiornamento 23 novembre 2018: Sospeso l’OK CODACONS.

Il Codacons, con un breve comunicato sul suo sito, annuncia di aver sospeso il suo OK Codacons all’azienda Lyoness.

Ecco le parole del comunicato ufficiale (fonte):

Aperta Istruttoria Antitrust su Lyoness Italia SRL: Sospeso l’OK Codacons. 

Dal momento che è stata aperta un’istruttoria davanti all’AGCM a carico di LYONESS ITALIA S.R.L., per nostro regolamento siamo costretti a sospendere l’Ok Codacons.Ovviamente ci auguriamo che gli accertamenti che saranno svolti dall’Antitrust si definiscano in favore dell’azienda e che quindi questa sospensione possa avere una durata limitata.Come doveroso, però e per intanto, diamo notizia dell’accaduto così da garantire la massima trasparenza nei confronti dei consumatori.

Aggiornamento 06 dicembre 2018: Data di chiusura delle Indagini AGCM in Italia.

Secondo quanto comunicato ufficialmente dall’autorità norvegese per le lotterie, l’AGCM in un colloquio telefonico avrebbe specificato che sarà comunicato l’esito della fase istruttoria entro la fine di dicembre 2018.

Aggiornamento 14 gennaio 2019: Lyoness condannata per Schema Piramidale.

Oggi Lyoness  è stata condannata per SCHEMA PIRAMIDALE, ad una sanzione complessiva di 3 milioni e 200 mila euro, a rimborsare tutti gli aventi diritto e a sospendere l’attività di reclutamento, finché non presenterà un nuovo piano marketing che soddisfi i requisiti richiesti dal Codice del Consumo.

Leggiamo quanto dichiarato nel comunicato stampa:

“L’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato, a conclusione di un complesso e articolato procedimento istruttorio, nella riunione del 19 dicembre ha accertato che il sistema di promozione utilizzato dalla società Lyoness Italia S.r.l. per diffondere fra i consumatori una formula di acquisto di beni con cashback (ovvero con la restituzione di una percentuale del denaro speso presso gli esercenti convenzionati) è scorretto in quanto integra un sistema dalle caratteristiche piramidali, fattispecie annoverata dal Codice del Consumo tra le pratiche commerciali in ogni caso ingannevoli.

Il sistema di promozione, utilizzando il pretesto del descritto vantaggio degli acquisti con cashback, si sostanzia in realtà nel reclutamento di un numero elevato di consumatori ai quali viene richiesto, dopo aver assunto la veste di incaricato alle vendite, di pagare una fee di ingresso particolarmente elevata per accedere al primo livello commissionale (pari a 2.400,00 euro) e iniziare la “carriera” come Lyconet Premium Marketer. Successivamente, essi devono reclutare altri consumatori, nonché effettuare ulteriori versamenti per confermare e progredire nella “carriera”.

L’istruttoria svolta ha consentito di appurare che la possibilità di ottenere uno sconto differito sugli acquisti sotto forma di cashback costituisce in realtà un aspetto secondario del volume economico generato dal sistema Lyoness (pari a circa 1/6 dei ricavi complessivi). Infatti, il conseguimento di elevati livelli di Shopping Points – il meccanismo di remunerazione del piano di compensazione – è in sostanza possibile solo con versamenti di somme di denaro da parte dei consumatori aderenti o da parte dei soggetti da questi ultimi reclutati. Da quanto emerso, numerose decine di migliaia di consumatori hanno versato le predette somme di denaro per entrare, partecipare e rimanere nel sistema e solo pochissimi soggetti sono effettivamente riusciti a conseguire posizioni rilevanti.

L’Autorità ha, inoltre, accertato le modalità ingannevoli con le quali sono prospettate le caratteristiche, i termini e le condizioni del sistema di promozione Lyoness, aspetti non adeguatamente chiariti sia sui siti internet che negli eventi promozionali, nonché l’assenza in detti siti internet di talune informazioni essenziali richieste nelle vendite a distanza, quali quelle sulle modalità di trattamento dei reclami, sul diritto di recesso e sul foro competente.

Pertanto, alla luce delle numerose evidenze raccolte anche grazie alla collaborazione del Nucleo Speciale Antitrust della Guardia di Finanza, l’Autorità ha concluso il procedimento comminando una sanzione complessiva di euro 3.200.000”.

Qui il testo originale, con il link al testo completo (37 pagine!) del provvedimento:
Vendita piramidale e promozione ingannevole, sanzione da oltre 3 milioni a Lyoness.

Aggiornamento 30 Gennaio 2019: Chiarimenti su Lyconet, contro bufale e mistificazioni.

Ho scritto un nuovo articolo, che trovi in questa pagina, in cui chiarisco le conseguenze reali per Lyconet, in seguito alla decisione dell’AGCM. E cosa fare se sei un Marketer Lyconet attivo.

Aggiornamento 12 Febbraio 2019: Lyoness bannata dalla Norvegia.

Il tribunale per il riesame respinge il ricorso. Lyoness bannata definitivamente dalla Norvegia. Qui la notizia.

Aggiornamento 8 marzo 2019: fioccano le cause per riottenere i soldi.

Nonostante l’AGCM abbia sanzionato Lyoness per le sue politiche sui rimborsi che violano le leggi a tutela dei consumatori, l’azienda continua a rendere arduo per le proprie vittime riavere indietro i loro soldi.

Ecco le class action attualmente attive o in fase di attivazione di cui siamo a conoscenza:

Aggiornamento 13 marzo 2019.

L’autorità Norvegese ribadisce la natura di SCHEMA PONZI per Lyoness/Lyconet/myWorld.

Aggiornamento 21 marzo 2019.

Sono terminati i 60 giorni di osservazione, e l’AGCM ha decretato in via definitiva su Lyoness/Lyconet, secondo quanto comunicato da un funzionario del servizio ACGM.

Serviranno probabilmente altri 20 giorni, perchè questa decisione venga pubblicata ufficialmente sul sito dell’Antitrust, ma fonti informate sostengono che il verdetto sia stato pronunciato.

3 maggio 2019: Aggiornamento sul ricorso al Tar in Italia.

“Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Lazio, Roma, Sezione Prima, sospende parzialmente, nelle more, l’efficacia del provvedimento gravato mantenendo fermo tuttavia l’obbligo di cessare l’attività di reclutamento di altri membri della community.

Fissa, per la trattazione del merito, l’udienza pubblica del 25 marzo 2020″.

Ciò significa che fino al 25 marzo 2020, pur potendo continuare ad operare in Italia, Lyoness non può più reclutare nuovi membri nella community.

Dal nostro gruppo pubblico su Facebook puoi scaricare il file della decisione (in PDF):

https://www.facebook.com/groups/propagalo/permalink/397040307694304/

4 luglio 2019: Aggiornamento Class Action in Italia.

Il quotidiano del Verona Network “Daily” comunica che è patita ufficialmente la class action contro Lyoness promossa da “Studio 3A-Valore S.p.A”.

Cito:

“Le fiamme gialle contro Lyoness, in gioco 1,8 milioni.

Partiti i primi esposti alla Guardia di Finanza nei confronti di Lyoness, che ha sede a Verona. Sono 241 le persone da tutta Italia che chiedono la restituzione di quasi due milioni di euro.

L’azione è stata promossa da Studio 3A-Valore S.p.A. a cui i cittadini si sono affidati, dopo che l’Autorità garante della concorrenza ha sanzionato la shopping community Lyoness Italia per il suo sistema piramidale. La class action coinvolge centinai di cittadini italiani, per un totale di somme reclamate che supera la cifra di 1,8 milioni di euro.

Sono già stati depositati i primi esposti presso i comandi della Guardia di Finanza di BolognaTorino e Corsico nel milanese, a cui ne seguiranno molti altri presso i presidi di tutto il Paese, per finire con una citazione in causa generale avanti al Tribunale di Verona, provincia dove ha sede legale la società“.

Qui la notizia completa.

Aggiornamento Giugno 2019: Lyoness condannata in Svizzera. Di nuovo.

Il tribunale nazionale di Werdenberg-Sarganserland, nel Cantone San Gallo (di lingua tedesca), ha condannato Lyoness di nuovo per schema piramidale.

Qui la notizia completa, con le parti salienti della sentenza.

Luglio 2019 – Aggiornamento dall’Austria: La Corte Suprema Austriaca condanna il “gioco delle tre carte” di myWorld/ Lyoness/ Lyconet!

Nonostante la massiccia opposizione, l’avvocato viennese Dr. Josef Fromhold è riuscito a concretizzare una sentenza della corte suprema austriaca che porrebbe fine al gioco delle tre carte di Lyoness/Lyconet/myWorld.

Con la risoluzione 4 Ob 69/19d del 28 maggio 2019 la corte suprema austriaca di Vienna ha confermato un’importante sentenza e respinto il ricorso di Lyoness.

Cliccando qui puoi leggere l’articolo completo.

Luglio 2019 – Aggiornamento dall’Austria: Il marketer lyconet svizzero Ede Buser condannato in tribunale per diffamazione.

Diffamare chi fa divulgazione, negando condanne e sanzioni ricevute da Lyoness nel mondo, è reato. Condannato il marketer lyconet svizzero Ede Buser in tribunale per diffamazione.

Qui la notizia.

Luglio 2019 – Aggiornamento dalla Germania: Riaperta indagine preliminare contro Guido van Rüth.

La “Procura della Repubblica” di Colonia, avvia nuovamente l’indagine preliminare contro Guido van Rüth, amministratore delegato della Lyoness Germany GmbH, per il presunto reato di truffa.

Qui la notizia.

Agosto 2019 – President Lyoness afferma: “promuovere gli acquisti è un errore”

In un video pubbliato sui Social, il President Lyoness Daniel Gergics, afferma che “promuovere gli acquisti è un errore”, e che i suoi marketer devono puntare agli anticipi.

Qui la notizia.

Agosto 2019 – Aggiornamento dall’Italia: A Lucca e Vicenza, aperte indagini contro ignoti, per truffa aggravata, che vedrebbero coinvolta Lyoness.

A Lucca: “Anche la procura di Lucca ha aperto un fascicolo d’inchiesta, al momento contro ignoti, per truffa aggravata, per valutare e verificare la denuncia presentata giorni fa alla Guardia di Finanza da un imprenditore cittadino. 

Quello dello scorso 24 agosto è il primo esposto in Toscana (ma sarebbero in tutto 22 pronti a denunciare in regione) contro Lyoness nell’ambito dell’azione promossa da Studio3A-Valore S.p.A”.

Qui la notizia ufficiale.

A Vicenza: “È stato depositato il 27 agosto alla Guardia di Finanza di Vicenza – il primo nel Vicentino – da una 55enne residente in un centro della provincia l’ennesimo esposto contro Lyoness nell’ambito dell’azione promossa da Studio3A-Valore”.

Qui la notizia ufficiale.

Dimmi cosa ne pensi lasciando un commento qui sotto, o sul nostro gruppo Facebook.

Se vuoi scoprire come applicare in maniera efficace e produttiva queste lezioni alla tua attività, clicca subito qui, e scoprirai il PRIMO (l’originale!) sistema professionale e duplicabile per fare network marketing in Italia, SENZA LISTA NOMI, senza telefonate a freddo e senza perdere la faccia con amici e parenti, anche se hai poca o nessuna esperienza.

Che stai aspettando? Clicca qui ==> Networker avvisato, mezzo salvato!

Written by Antonio Russo

[g1_socials_user user="2" icon_size="28" icon_color="text"]

285 Comments

Leave a Reply
  1. Sei un grande 🙌🏻,sempre molto corretto nei confronti di altri network analizzando oggettivamente le varie anomalie e dinamiche che vengono innescate a causa di decisioni poco ortodosse.
    Soddisfatto ampiamente di aver trovato e di seguire un vero Professionista del settore come te Antonio.

  2. La cosa bellissima di questo post è come lo affronti. Analisi -> non disperare -> come comportarsi.
    Dovrebbero leggerti molti più utenti del network marketing in generale.

    Cmq ci sono troppe aziende di importanza rilevante in mezzo (motogp, squadre di calcio, ecc..) ed il mercato ha già preso una piega troppo importante per chiudere.

    Secondo me faranno qualche multina e fine. Anche se personalmente non vedo tutta questa irregolarità. Il problema secondo me è che tanti hanno divulgato queste notizie come opportunità di investimento quando in realtà sono promesse d’acquisto (cioè un impegno.. una caparra quasi). Sicuramente qui nella comunicazione e nel sistema. Verranno penalizzati, ma non di certo chiusi.

    Cmq bravo, grande articolo.

  3. Bravo Antonio Russo. Sei un bel vampiro o squalo del network mascherato da professionista “saone” diciamo a Verona…colui che vuol sapere tutto!!ahahah
    Dimmi Antonio…che network fai te? Di quale struttura sei a capo??

      • Caro Antonio Russo…allievo di Frank, sei solo un allievo di Frank, non sei Frank Merenda..vola basso e rispondi alle domande visto che hai aperto il blog..o ti serve solo per raccolta dati??😂😂l allievo di Frank oltretutto lo stai facendo molto male..😂😂

        • A parte che sono stato il direttore marketing operativo di Frank, oltre che suo allievo, sai chi di solito scrive “Sei solo un allievo di Frank”? Chi rosica.
          Ti ho già risposto. Sono uno squalo che divora altri squali.
          Buona giornata.

  4. Sul fatto che qualcuno abbia venduto le promesse di futuri acquisti one investimenti …probabile . Ma rileggendo i dati che lei ha fornito risalgono a circa 1 anno fa . Le az in Italia sono cerca 17000 e a livello globale oltre 140000 . Sono entrate inter e Roma con altre 20 circa tra B e C. le 20 piattaforme online chepiu grandi esclusa Amazon sono presenti . E poi non si trova l’articolo sulla pagina ufficiale cell ‘ Agcom.
    Lyoness fa paura a molti a troppi .

      • una fase di istruttoria di per sè, non è una sentenza; è semprlicemente avvisare:

        “guarda che ora sto controllando se quello che stai facendo è tutto regolare o meno”

        ovviamente mi aspetto che, quando e se l’istruttoria sarà archiviata, mi aspetto che tu, Antonio, pubblichi un grosso e visibile aggiornamento in merito.

        • Intendi che oltre ad aver scritto “Avviso di avvio di procedimento istruttorio” “Avviso di avvio di procedimento istruttorio”, quindi nulla è ancora deciso, e alla fine “E tieni duro. Che nulla è ancora deciso”, dovevo scrivere anche “Avviso di avvio di procedimento istruttorio”?

          Va bene, la prossima volta, anziché scriverlo tre volte, lo scriverò 4 volte. Contento?

          • non è questione di contentezza mia o tua; quelle ora non sono importanti.
            E’ importante capire che, per un discorso di imparzialità, fare presente che

            – una fase istruttoria vuol dire solo che un ente viene e ti dice: “ti sto controllando perchè ho avuto delle segnalazioni e devo capire se fai tutto a norma; se è tutto a norma, ok, se c’è qualcosa che non va, poi vediamo come procedere”; e sarebbe stato più esaustivo da parte tua, farlo ben presente; anche solo una volta; perchè, molti non sanno, in pratica cosa implica; molti pensano ERRONEAMENTE che, se verso una società qualsiasi, è avviato un processo di fase istruttoria, allora quella società non è seria, o che rischia di chiudere, o che è meglio lasciarla perdere. E infatti dal tono del tuo articolo, il tono che si respira è questo; sembra quasi che stai dicendo: “non è una ditta seria, rischia di non poter operare più in Italia, cari imprenditori, meglio lasciarla perdere e cambiate bandiera.”

            – nel caso AgCom riscontri delle anomalie, la possibile chiusura in Italia è molto remota; è molto più facile che, sempre nel caso ci sia un provvedmento, che si risolva tutto con una multa; dal tuo articolo invece sembra che debba scatenarsi un Giudizio Universale.

            – quindi mi aspetto che, quando e se la cosa sarà archiviata, tu scriva “Ecco, AgCom ha deciso di lasciare perdere;questo significa che Lyoness ha ancora vita tranquilla ed è ancora in crescita e che è una ditta seria, stabile e affidabile; sono contendo per tutti i networker che che credono ancora in questo network perchè potranno aspirare alla libertà finanziaria grazie ad esso”; o è una aspettativa che va contro i valori di coaching, imparzialità e crescita personale?

          • Abbiamo scritto SOLO 3 volte che si tratta di una fase di avvio indagini. La prossima volta lo scriverò 6 volte, meglio?

            Ciò che scriverò dipenderà da ciò che pubblicherà l’Agcm. Non da ciò che ti piacerebbe leggere. Grazie per il tuo commento.

          • Ecco Giulio…inconsapevolmente hai scritto (sotto) una cosa esatta….”meglio lasciarla perdere!”
            La sola frase sensata in tutto quel groviglio di discorsi…

          • Hai scritto 3 volte che si tratta di avvio di indagini; il punto è il significato che si dà alle cose e il come si pone l’attenzione ad esse;

            Infatti non si tratta di pubblicare quello che “mi piacerebbe leggere”, come neanche quello che “piacerebbe a te scrivere”.

            Quando quindi ci sarà comunicazione ufficiale dle fatto che Lyoness ha cambiato piano marketing e che gli enti preposti avranno detto che è tutto OK, mi aspetto che, in coerenza con quanto hai scritto prima ( tipo quando hai scritto a caratteri CUBITALI se Lyoness rischia di chiudere ), che tu poi scriva, sempre a caratteri CUBITALI:

            “IN ITALIA L’INCHIESTA SU LYONESS SI E’ CHIUSA CON UN NULLA DI FATTO! PIANO MARKETING MODIFICATO! LYONESS CONTINUA E RIMANE APERTA COME SEMPRE!”

  5. Caro Antonio
    come vedi anche dai post, anche nel mio mondo ci sono personaggi che non sanno fare il loro lavoro, commentano aggredendo… e di media non conoscono pienamente il progetto e fanno casino.

    Lo dimostra il fatto che si parla di “ingenti somme per aderire”, cosa non vera ma che, se non sei un vero professionista, rischi di creare confusione, irritazione e pessima presentazione del progetto facendo passare questo tipo di comunicazione bacata.

    E, come hai detto tu, anche aziende come Herbalife, professioniste del loro settore, hanno dovuto gestire pessimi figuri che si avvicinano al mondo del Network Marketing come se fossero venditori di pentole. Loro fanno i danni e l’Azienda deve porre ripari.

    Penso che si risolverà tutto senza alcun problema (troppe le certificazioni presenti), ma sempre più convinto che bisogna marcare con più enfasi l’esigenza di professionalità nel settore, dove non si diventa ricchi senza fare nulla

    • Ciao, come vedi ho evitato di citare quel punto.
      Come detto sul gruppo, bisogna capire quante siano queste istanze, e quali siano i contenuti contestati. Fino ad allora, si può parlare di scarsa comunicazione, o cattivo addestramento dei singoli.
      Come accaduto proprio ad Herbalife.

  6. Ciao Antonio e complimenti per il tuo lavoro. Quali sono i concreti rischi di un incaricato? Per caso non sarà mica tenuto a rimborsare i membri – diretti e/o indiretti – della sua downline entrati nel network prima dell’inizio dell’indagine dell’Antitrust?

    • Ciao Giorgio, ottima domanda. In Italia la responsabilità ricade interamente sull’azienda, a meno che non vi sia una querela sul singolo incaricato. Quindi i rischi economici sono solo quelli legati alla perdita delle provvigioni non ancora riscosse.

      Su quanto già fatturato, ai rimborsi è tenuta l’azienda.

  7. a me fa paura gente come te invece, che ha ancora il coraggio di scrivere difendendo l’indifendibile. Roma e Inter non sono entrate. Lyoness/Cahsbackworld/My World/What Else? ha PAGATO per mettere su quattro cartelloni in croce il proprio nome, tra l’altro facendolo sparire dopo poco in quanto di cashbackworld non si vede + traccia allo stadio. e di stand per la famosa distribuzione delle vostre imbarazzanti tesserine non ce ne sono !!!!
    Inter e Roma, così come motogp e F1 servono da specchietto per le allodole per far mettere soldi dentro nel sistema. a tutto gas mi raccomando

  8. L’articolo è OK (complimenti Antonio)….commento i commenti:
    – ATTENZIONE MotoGP, squadre di calcio (tresette freccette e chi + ne ha + ne metta) NON SONO PARTNER di Ly, percepiscono solo uno sponsor; se domani sparisce Ly lo spazio pubblicitario lo occupa qualcun altro…PUNTO!
    – ATTENZIONE Tamoil, Simply, Euronics, Yoox, Ebay, Booking e Groupon (le GDO per capirci) NON SONO PARTNER di Ly (quindi non comparabili alle PMI), nel loro caso Ly altro non fa che acquistare (neanche direttamente da loro) buoni (in passato cartacei ora gestiti on line…nulla di così fantasmagorico….capiamoci) e rivenderli ai consumatori PUNTO!…è una pratica abbastanza consueta.

    • ATTENZIONE non capisco perchè commentate tanto per commentare. Premetto che Io non sviluppo il progetto, mi è stato presentato e per varie ragioni personali non ho deciso di svilupparlo. Motop gp e le società sportive SONO partner e non sponsorizzazioni come dimostra motogp-cashback.com/it-gp e che da questo anno la TESSERA DEL TIFOSO di Roma e Inter sono delle cashback cards.
      Imprecisione ancora più grave è il tuo menzionare l’acquisto di BUONI che non è’ veritiero per quanto riguarda l’online shopping (eBay, Booking etc)

      • Relativamente a quanto commenti….la sola risposta che ritengo valga la pena darti si riferisce all’ONLINE SHOPPING (sul resto sorvolo…non ne vale la pena)

        Circa gli ONLINE SHOPPING
        in effetti….ho solo mal copia incollato la lista nomi di una risposta data sopra da qualcun altro.
        EBay, Booking (gli OnLineSh) non centrano con i SEMPLICI buoni Tamoil, Simply, Euronics etc…etc…etc…etc…etc…etc…etc..
        acquistati da Ly (e poi spacciati per altro)

        Non confondiamo comunque EBay, Booking (gli OnLineSh) con le PMI!!!!

  9. Convieni pure tu Antonio Russo che le Partnership decantate non sono in realtà Partnership…(se volete lo scrivo + volte x coloro che hanno partecipato al progetto solo perché c’erano queste “partnership).

    Non credo che queste aziende squadre o altro (ammesso sappiano cosa è Ly) ne piangeranno la mancanza….e non si metteranno certo a difenderla in fase di indagini…anzi è + probabile che tengano le distanze (come già sta succedendo in Europa)!

    • Vedi, il punto è che le collaborazioni con certe aziende si fanno a più livelli. Puoi cedere il marchio, puoi fare co-branding, etc. Ognuna con impegni economici diversi. Di certo Lyoness paga per essere lì. Gli accordi poi influiscono poco sulla sostanza. Sempre Partner d’affari restano.

      • Sempre accordi…sempre partner..vero:
        – Ly raccimola soldi;
        – cerca qualcuno a cui dare questi soldi;
        – scrive un accordo con questo qualcuno;
        – questo qualcuno incassa i soldi e pone in essere l’oggetto dell’accordo.

        MOLTO SEMPLICE…..in pratica ciò che ho detto fin dall’inizio!

    • Quindi scusa secondo te la Roma stampa una tessera del tifoso (obbligatoria per entrare allo stadio) con nome e cognome dell’aderente in più ci stampa un codice a barre di cb world senza sapere cosa sia lyoness? poi alla partita manda 100/200 signorine poco vestite con una maglietta di lyoness in giro per lo stadio a dare tessere e anche li nessuno si accorge di niente perchè la roma non sa cosa sia lyoness.
      Poi a fine partita in conferenza stampa parlano davanti ad un cartello di lyoness ma ancora nessuno sa cosa sia e in più passano l’annuncio sulle radio ufficiali della società.
      onestamente non mi sembra uno scenario molto realistico.

      • Non è assolutamente vero che la cashback card sia la tessera del tifoso. Basta una semplice chiamata al servizio utenti della Roma o ad una biglietteria per verificarlo. La cashback card serve Solo ad ottenere sconti per i Roma store dove non si vendono i biglietti, ma il merchandise. L’accordo con Roma è Inter prevede la sponsorship e in-store marketing fatto allo stadio. Quelle signorine le paga Lyoness non la Roma.

        • Confermo. Anche a me risulta così. Ho il sospetto che qualche networker abbia strumentalizzato le sponsorizzazioni di Roma e Inter parlando di “tessera del tifoso” per conferire ad esse un valore ulteriore che, però, non corrisponde al reale stato delle cose. Quanto ai concetti di “partner” e “partnership” essi si prestano a molteplici inquadramenti giuridici, finché non si analizzano i contenuti del rapporto contrattuale specifico.

          • Quindi riepilogando:
            – la tessera Ly CB etccc serve solo per acquistare qualche gadget e NULLA HA A CHE VEDERE CON LA TESSERA DEL TIFOSO (specchietto x le allodole)
            – partenership è un termine troppo generico; quelle tanto millantate da Ly non sono in realtà ciò che raccontano (Altro specchietto per le allodole); facciamo un esempio: dicono ad esempio che “MotoGP è entrata oppure si è interessata a Ly”, la realtà è ben diversa “MotoGP incassa soldi di sponsorizzazioni”
            ATTENZIONE sono entrambe partnership…ma con contenuti contrattuali completamente diversi.
            E ce ne sono molti altri di esempi simili che si riferiscono tipo a Banche/CatenediFastFood (e chi + ne ha + ne metta) con logo riportato nel sito Ly ma tutti questi hanno già imposto a Ly di togliere il loro logo dal sito…xchè non hanno nulla a che fare con Ly e (soprattutto) non vogliono averci a che fare….(McDonaldsGermania ne è un esempio).

  10. DATI UFFICIALI LY IN AMERICA
    Income statements Lyoness USA 2017 (dichiarazioni sul reddito), pubblicazione Aprile 2018
    cdnlarge.lyoness.net/downloads/pdf/us/info/lyo-ids-us .pdf

    ANNO 2017:
    – il QUARANTATRE’ percento (43%) di tutti i Marketers NON HA PERCEPITO ALCUN REDDITO
    – il CINQUANTACINQUE per cento (55,29%) ha percepito un reddito MEDIO ANNUALE DI 64 EURO
    PER IL 98,29% dei Marketers, non è stato un grande affare, che dite?

    – per l’UNO% (1,14 %) ha percepito un reddito MEDIO ANNUALE DI 1760 EURO (ovvero 146 euro al mese…..

    PER IL 99,43 % – LEGGASI NOVANTANOVE E QUARANTATRE PER CENTO – 99,43 % -99,43 % 99,43 % – Ly in America è stato un flop.

    Ricordo che in Norvegia Lyoness è stata dichiarata ILLEGALE in quanto riconosciuta come SISTEMA PIRAMIDALE –

    lottstift.no/om-oss/aktuelt/lyoness-ma-stanse-ulovle %20g-pyramideverksemd-i-norge/

    ” Lyoness deve interrompere IMMEDIATAMENTE tutte le attività illegali in Norvegia..”

    …” LE ENTRATE DI LYONESS IN NORVEGIA SONO DOVUTE PRINCIPALMENTE ALL’ACQUISIZIONE DI PARTECIPANTI E ALL’ASSENZA DI CONSUMO DI BENI, tenori o altri benefici. LE ENTRATE DI LYONESS IN NORVEGIA SONO DOVUTE PRINCIPALMENTE ALL’ACQUISIZIONE DI PARTECIPANTI E ALL’ASSENZA DI CONSUMO DI BENI, tenori o altri benefici.

    I partecipanti a Lyoness che acquistano buoni sconto, condividono spettacoli dei clienti, certificati regalo, materiale promozionale e seminari da Lyoness, non ricevono alcun bene, test o altri vantaggi che corrispondano al valore del pagamento. L’acquisto è, infatti, una considerazione per lo stato di partecipazione. ”

    ..”La conclusione della Lottery Authority è che Lyoness è un sistema di VENDITA ILLEGALE simile a una piramide ai sensi dell’articolo 16, secondo comma, della Lottery Act.

    Okkio che fra un pò vi trovate le gente sotto casa a chiedervi i soldi indietro.

    ANCHE IN GERMANIA LY E’ SOTTO INDAGINE

    bild.de/news/inland/instagram/system-lyoness-in- bild-sprechen-menschen-die-sich-betrogen-fuehlen-55506918.bi ld.html

    “Il sistema è già stato giudicato come Ponzi in Austria e Svizzera. Anche in Germamia la Procura di stato ha avviato un’indagine contro l’amministratore delegato di Lyoness”.

    • Scusami Antonio

      clicco sul link e non si carica nulla;
      che intendi dire con quei dati in America? che Lyoness non paga, oppure che semplicemente i networker non riescono a guadagnare?
      perchè se è per il fatto che i netwoker non riescono a guadagnare, allora :

      Ma scusami; è risaputo che in praticamente tutti i network marketing solo ( circa ) l’1% riesce a guadagnare parecchio; perfino Frank Merenda in un suo articolo di alcuni anni fa, quando era agli inizi, lo faceva notare; e non per colpa della struttura gerarichica degli stessi, ma per il fatto che per avere successo è necessario essere formati;

      e, infatti, non a caso, sono nati formatori che insegnano a fare network marketing; e uno di questi è proprio Antonio Russo, allievo di Frank Merenda, che scrive in questo stesso sito web in cui vende il suo corso di Network Marketing.

      Quindi quei dati in America, vanno visti nel contesto di TUTTI i network.

      • Le altre aziende, quando qualcuno non guadagna, rimborsano e chiudono il codice. Lyconet invece ti dice “attaccati al tram”.
        E comunque, il fatto che tutte le aziende abbiano il vizio di tirare dentro Gonzi e disperati, non lo rende certo un’abitudine da tollerare o da ignorare perchè “lo fanno tutti”.

        Il fatto che la metà degli italiani costruisca abusivamente, o che un quarto degli italiani evada le tasse, non ne fa un comportamento tollerabile a prescindere.
        Ed è una cosa che ho scritto anche per aziende come Jeunesse o Herbalife.

  11. Siccome l’esperto in NM è Antonio, lascio a lui l’onere/onore di rispondere circa le tanto millantate partnership (riesce ad esprimere con poche parole il concetto).
    Io invece, collaborando con gestionali contabili, posso quindi vantare una conoscenza ben sopra la media su bilanci e balle varie.

    Ho visto il bilancio degli ultimi due anni di Ly Italia……

      • Premessa…non seguo aziende di NM, ciò nonostante (tassazione agevolata a parte + altre agevolazioni o paletti vari) le regole contabili non cambiano….quindi:
        1) dal punto di vista patrimoniale il debito è elevatissimo,
        2) dal punto di vista economico gli interessi sono irrilevanti;
        3) deduco che tale debito non sia riconducibile a prestiti concessi da istituiti di credito o simili altrimenti (credetemi) gli interessi sarebbero di altri importi.
        Quindi da dove arrivano questi soldi? (Lo penso ma non lo dico…).

        Ciò premesso:

        PRIMO ASPETTO
        Premetto che con una sproporzione del genere una azienda normale non potrebbe esistere, non le sarebbe umanamente possibile restituire i soldi alle banche.
        A dire il vero nessuna banca darebbe a qualcuno una somma tale guardando fatturato e patrimonio documentato.
        Quindi deduco che “debito” sia solo un appellativo…

        SECONDO ASPETTO
        Bene….ora che Agcm ha comunicato l’avvio di un’indagine, sia chiaro non sappiamo il contenuto delle svariate istanze che Agcm ha ricevuto (dico svariate perché altrimenti manco si muovevano) , Ly si trova ad un bivio:
        – da una parte deve dimostrare che tali soldi non sono tutti “anticipi” da reclutamento (direi che anche nella migliore delle ipotesi, qualsiasi cosa si possa Ly inventare o qualsiasi cosa speri Ly venga interpretato dall’Agcm, la vedo dura che riesca a dimostrare che tali importi non superino il 50% delle entrate);
        – se non sono anticipi e non sono debiti cosa diventano? Diventano che L’Agenzia delle Entrate andrà a chiedergli di giustificarli e….(nella peggiore delle ipotesi) pagarci sopra le tasse….

        • PICCOLO APPUNTO
          “che L’Agenzia delle Entrate andrà a chiedergli di giustificarli e….(nella peggiore delle ipotesi) pagarci sopra le tasse….”

          L’ipotesi è stata buttata giù in modo frettoloso. Chiaramente si innesca un procedimento amministrativo volto a chiarire (quindi finanzieri che dormono negli uffici di Ly…etc…)….non “bididi badidi BU(MMM)”…sia chiaro!

          In questi casi la cooperazione tra il garante e la GdF/AdE non è detto sia automatica….staremo a vedere cosa succede…..magari (ma non credo) si risolve tutto con una “pacca” nella spalla e “d’ora in avanti rigate dritto”.

  12. Bene direi ma l’articolo è intrigante per chi ricerca la verità nel falso, per chi è scettico e vuole conferma sul suo pensiero negativo a riguardo.

    Dati sbagliati a parte, sono entrate 15.000 aziende solo a giugno, in Italia sono molte di piu, per non contare le aziende presenti in tutto il mondo tra PMI e GDO, 50 nazioni che sfruttano pubblicità di un circuito che da vantaggi a chi compra e chi vende.
    Un ciclo economico win – win non prevede vinti e vincitori ed uno squalo dovrebbe saperlo….
    In Norvegia nulla è bloccato, in Italia e nel mondo stanno potenziando e migliorando la rete degli sviluppatori e per questo alcuni acquisti o modifiche non sono permesse.

    Io consiglio a tutti di capire bene l’argomento prima di affrontarlo soprattutto se si vuol dare un giudizio o farne na critica.

    Saluti.

    • I numeri che hai riportato poco c’entrano con questo discorso, il blocco in Norvegia è stato confermato dai President Lyoness. Idem il resto dei dati. Stai facendo disinformazione. Saluti, e studia un po’ meglio la tua azienda, prima di salire in cattedra.

      • Antò, non ho mai risposto ad un post, sono eccitato da questa esperienza da leone della tastiera, ma visto che sei tu, dico la mia inutile frasetta delle 3:13

        I Presidenti Lyoness sono dei pinco pallino qualunque, anzi, dei Pinco Pallino erti a bandiera (o banderuola)
        Non li userei per portare referenza, il documento ufficiale parla da solo.

        Comunque ho detto ERTI, figata

        A presto

          • Comunque ti faccio notare che c’è un documento ufficiale del ministero norvegese, segnalato nell’articolo, che conferma questo blocco. Basterebbe leggere, in ogni caso.

          • e lo avvallo.

            Infatti nel mio commento mi pareva di aver scritto che

            “il Documento Norvegese parla da solo”

            Non so perché poi è andato tagliato quel pezzo

          • Hai scritto “confermato dai President Lyoness. “.
            Il presidente in Lyoness non è nessuno, un normale cliente a cui vengono date le stellette, ma non è né più competente né più bravo.
            Quindi è come dire che tuo cuggino ha detto che è così

          • Livio, dipende sempre di chi stiamo parlando. I president non li fanno in serie. Ci sono quelli onesti e quelli meno onesti.
            Il President in questione mi comunica le informazioni che girano in azienda, non ho detto che siano la verità assoluta, ma comunque un punto di partenza per approfondire.

      • come Idem per il resto dei dati? tu parli di 800.000 clienti in ITalia, quando siamo a circa 1.400.000. Per non parlare del numero di imprese

        • Portami i dati ufficiali. Ad oggi, Lyoness non ha pubblicato nemmeno il bilancio del 2017, e siamo a fine 2018.
          In base a cosa dovrei scrivere che ha 1.400.000 clienti? Sulla fiducia di ciò che scrivi tu?

    • Certo, nei presidente ci sono tutte le categorie,
      come negli immigrati, nei sardi etc.

      Per questo definire la categoria “presidente” ed usarla come referenza è al pari del dire “l’immigrato” ed appioppargli una casistica T.

      • Livio, non ci voleva tanto a comprendere che mi riferivo a President di cui mi fido, e che mi riportano le fonti originali, senza interpretazioni personali. Fai il bravo, che già me la devo vedere con gli invasati.

    • Ciao Francesca. Si, si possono fare anche in Italia da qualche anno, ma nel tuo caso non serve.
      Fai prima a chiedere un rimborso sfruttando l’articolo 4 punto 3 della legge N. 173 del 17.08.2005 – sulla VENDITA DIRETTA in Italia.

      Come incaricato alla vendita hai diritto al rimborso sugli anticipi senza sé e senza ma. Puoi approfondire leggendo qui: https://www.studioconsult.it/legge173.html.

      Dopo questa vicenda, faranno anche meno storie sui rimborsi.

      • A Francesca (e chi come lei)

        se vai sul sito
        sosonline.aduc.it/commenti?id_doc=220099&rubrica=lettera&L=0

        (discussione estremamente contro Ly….direi) c’è un partecipante molto preparato in materia (un certo “Aprigliocchi”) che:
        – aiuta a recuperare il 70% dei soldi anticipati;
        – aiuta a presentare istanze e materiale utile all’AGCM.

        • Ciao Nicola, ho letto quell’intervento. Purtroppo contiene un paio di imprecisioni sull’azienda (in Austria Lyoness è stata scagionata da ogni accusa, anche se ormai il brand è rovinato, e in Svizzera è ancora attiva, ad esempio).

          • I commenti sono circa 10000….tra i vari di sicuro ci saranno state imprecisioni ci mancherebbe….a parte ciò…l’intento era segnalare a Francesca (e chi come lei vorrebbe riavere quanto bonificato) che in questo sito + di qualcuno conferma di essere riuscito a riavere il 70,00% dei soldi bonificati.
            E quel qualcuno che ha aiutato loro ad ottenere questo risultato scrive in quella discussione con l’appellativo “aprigliocchi”.

            Le pratiche sono differenti a seconda dei casi….i + agevlati sono coloro che hanno fatto bonifici non più vecchi di un anno…

  13. AMBASCIATORE NON PORTA PENA…..!
    Riporto un appello scritto in altro sito…. un appello a GIANLUCA SPADONI…leggete

    “Se qualche Lyconet volenteroso ….. volesse recapitarglielo gliene sarei molto grato.

    Caro Prof. Spadoni,
    le scrivo a nome di tutti coloro che in questo momento di sbandamento sono in forte ansia per il futuro dei poveri Lyconet guys.
    Stiamo osservando un drammatico via vai di messaggi vocali su whatsapp, post du gruppi chiusi di FB, email, in cui alcuni personaggi di livello elevato (si fanno chiamare “presidenti” anche se non ho ancora capito cosa presiedono) chiamano la plebe alla calma e assicurano tutti sulla propria rettitudine, lamentando che gli “impicci” in cui sembra trovarsi l’azienda siano conseguenza delle malefatte di alcuni cattivoni senza scrupoli.
    “E’ tutta colpa di XXX, quel piazzista da strapazzo che vendeva i cloud in stile Vanna Marchi vantandone rendimenti stellari. Lo sapevamo che prima o poi quel genio della finanza ce alla fine ce la avrebbe portata in casa (la Finanza con la F maiuscola, pero’). Noi eravamo etici, puliti come il culetto di un bambino mentre lui ci portava alla rovina. Dobbiamo esigere che l’Azienda lo espella con disonore. Uniamoci e chiediamone la testa”.

    Caro Gianluca, lei che e’ una persona di mondo e conosce la storia e l’animo umano, la prego: organizzi al più presto un bel seminario in cui spiega a questi signori con la licenza elementare che non si fa cosi’. Il capro espiatorio, come noto dai tempi dell’Antico Testamento, libera le coscienze ma non e’ sufficiente a cancellare le prove.
    Spieghi a questi signori che esiste la responsabilità oggettiva e che il codice civile non prevede attenuanti se il tuo complice e’ più efferato di te.

    La prego Prof Dott Spadoni, faccia presto. Prima che il ridicolo ricopra tutti questi personaggi da operetta.
    Cordialità”

  14. INTERSPORT Germany proibisce a Cashback World di usare il logo!
    1 ottobre 2018/
    INTERSPORT è la più grande azienda di vendita per corrispondenza di medie dimensioni nel commercio al dettaglio di articoli sportivi in ??tutto il mondo. Sotto l’egida di IIC-Intersport International Corporation GmbH , la società di acquisti e gestione del Gruppo Intersport, sono combinate 5800 sedi in 65 paesi. Nel 2014, queste vendite hanno generato 10,5 miliardi di euro. Con una quota di mercato di circa il 36% in Germania e oltre il 20% in Europa, l’azienda leader a livello mondiale è al primo posto nella distribuzione sportiva.

    Come molte altre ben note aziende, anche INTERSPORT Germany è stata quotata con il proprio ID affiliato presso Cashback World. Che fosse solo un semplice socio del buono, era in gran parte nascosto. Pochi si rendono conto dell’importanza che fosse solo un partner di voucher e l’uso del logo era proibito dalla legge sui marchi.

    Su richiesta presso la sede di INTERSPORT è stato comunicato

    ————————————-

    Posta (disponibile) dal 01.10.2018:

    “Non c’è mai stata una collaborazione tra INTERSPORT Deutschland eG e Lyoness Europe AG. Inoltre, Lyoness Europe AG non era autorizzata a utilizzare il logo INTERSPORT in base alla legge sui marchi. Dopo il vostro riferimento, abbiamo sospeso la vendita di voucher INTERSPORT a Lyoness Europe AG. A causa dell’affermazione di una richiesta di ingiunzione relativa al marchio, il logo INTERSPORT non è più elencato a Lyoness. ”

    Cordiali saluti da Heilbronn

    INTERSPORT Germania eG

    Consulente Corporate Communications

    ————————————-

    Mostra ancora e ancora che diversi partner affiliati sono ovviamente nella gestione di Lyoness in “paga e pane”. Le continue smentite da parte di aziende ben note rendono anche molto chiaro quanto insignificante e basso sia il volume degli acquisti a Lyoness (Cashback World). Se questo enorme volume di acquisti presso Cashback World fosse effettivamente esistito, secondo quanto asserito, le società / società di grandi dimensioni e ad alto giro d’affari sarebbero certamente disposte a quotarsi su myWorld / Lyoness (Cashback World).

  15. INTERSPORT Germany:
    – secondo la versione di qualcuno qui dentro…dovrebbe essere un Partner (pare sia sufficiente un contatto telefonico xchè sorga una partnership);
    – secondo l’oppinione comune INTERSPORT Germany manco sa chi sia Ly, semplicemente Ly tramite terzi acquistava buoni sconto loro…indicandone il logo nel sito Ly come azienda convenzionata….loro richiamano all’ordine “la pulce (Ly)” x dirle che non possono usare il loro logo…ordinandole quindi di toglierlo…

    • Tu (Paolo) non ci arrivi proprio….!”
      Solo perché qui non c’è la possibilità di accodare un commento e quindi, onde evitare che lo stesso venga “shiftato” (spero tu sappia cosa sia un Cntrl-Shift in un PC), rispondo al mio commento…….tu parti in quanta scrivendo: “….come commenti e ti rispondi da solo…”

      Allora ti ripeto qui subito (altrimenti se mi ri-rispondo rischio di apparire un demente che si risponde da solo) “Tu (Paolo) non ci arrivi proprio…..!”

  16. Ciao Antonio, articolo fatto veramente bene. Dato che ti vedo molto attivo nei commenti vorrei fare una piccola riflessione ed avere un tuo feedback.

    Di recente una famosa piattaforma di affiliate marketing ( m**e) è stata indagata e hanno bloccato tutti i loro siti. Il punto in se non è se fossero colpevoli o meno, ma quando abbia influito l’indagine in se sulla piattaforma (praticamente li hanno fatti fallire). Volevo sapere se, secondo te, anche Lyoness rischia lo stesso esito, qui in Italia intendo. Va sottolineato che la piattaforma sopracitata lavorava esclusivamente tramite il loro sito, mentre lyoness è una realtà più offline che online. La mia riflessione è legata all’impatto che può avere un’indagine su un’azienda a prescindere dall’esito dell’indagine stessa.

    • Le indagini, basate su fatti riscontrati o meno, hanno sempre un impatto negativo. Sta poi all’azienda, e al suo ufficio marketing, saper gestire a lungo termine la faccenda. C’è proprio una branca della comunicazione chiamata crisis management.

      • Grazie per la risposta. Bisogna vedere l’esito dell’indagine e l’impatto mediatico di questa notizia.

        Dopo aver letto il tuo articolo sono andato ad approfondire e sembra che tutta l’azienda viva principalmente grazie agli anticipi sugli acquisti futuri che i networker sono obbligati a fare per poter diventare membri. A quale scenario si va incontro nel momento in cui l’Agcm decida di bloccare questa tipologia di “reclutamento”?

          • Prima di tutto grazie per questo articolo che mi ha aperto gli occhi su questo mondo (network) a me sconosciuto. Stavo giusto facendo le mie valutazioni e ricerche prima di aderire a Lyoness/lyconet su invito di un mio caro amico . Ho passato le info dell’ articolo al mio ” sponsor ” il quale mi ha detto che questo venerdì , i ” presidenti ” sono tutti convocati per ricevere nuove disposizioni.

        • Non esiste nessun obbligo. L’attività di network è completamente gratuita. Gli anticipi servono solo ad implementare una forma di guadagno chiamata bakance program. Ovviamente non tutti lo presentano nel modo corretto ma per la non correttezza di alcuni si puó mettere in discussione un’azienda. A me e stato presentato così e non avendo la disponibilità sto svolgendo la mia attivitá gratuitamente consapevole di rinunciare a parte dei guadagni che sarebbero derivati dall’attivazione del balance program.

          • (Post corretto)
            Paolo:
            Il balance program si attiva nel momento in cui sottoscrivi le condizioni Lyconet ed è del tutto gratuito, basta che effettui acquisti.

            Gli anticipi non esistono piu dal novembre 2015.
            Mentre i buoni sconto sono un discorso a parte e disgiunto dal career program.

            Chiedi al tuo referente un po’ di ripasso.

            A presto

  17. Buongiorno a tutti, se ho capito bene anche le aziende hanno entrate derivate dal cashback delle tessere emesse per esempio ai tifosi, nel caso della Roma. Prende l’1% sugli acquisti dei suoi tifosi che spendono nel circuito.

    L’attivazione del “network” piramidale tramite gli anticipi di 2400€, più 1500€ per ogni fetta di cloud e i 50€/mese per essere considerati attivi con ES+ che ancora non mi convincono..

    Dubbi:
    1) da come descritto e i numeri forniti ormai potrebbe reggersi su da solo il sistema..
    2) da come si pronuncerà l’antitrust sulla piramide e relativi anticipi

    Bo

        • Ti do un’anticipazione anch’io. Hanno detto che il business model va cambiato, che bisogna distinguere chiaramente tra Lyconet e consumatore, e che non sarà più possibile per i consumatori che non vendono, acquistare voucher. Ora vediamo come saranno i lyconet premium, che lanceranno il 31 ottobre.
          Che non chiudano, poi, è ancora tutto da vedersi visto che l’indagine è ancora in corso. Poi mi spieghi perchè usi un nome e una mail falsa. Hai paura di qualcosa? O non hai nemmeno il coraggio delle tue parole?

  18. Pare che l’indagine sia chiusa. Lyconet deve rivedere e rendere più chiaro il discorso ” anticipi” . Per il resto sembra tutto in regola . Risulta anche a voi?

    • Non proprio. Anzi, in regola non c’è nulla, di Lyconet.
      Pare che le prime notizie dall’Agcm si avranno intorno a Natale. Si parla di una multa “concordata” tra Agcm e Lyoness, a detta dei President. Vedremo.

  19. “Hanno detto che il business model va cambiato, che bisogna distinguere chiaramente tra Lyconet e consumatore, e che non sarà più possibile per i consumatori che non vendono, acquistare voucher. Ora vediamo come saranno i lyconet premium, che lanceranno il 31 ottobre.”
    Ciao Antonio, ci sono aggiornamenti in merito?

    • Aggiornamenti ufficiali da Lyoness giorno 6 novembre.
      Pare che le prime notizie dall’Agcm invece si avranno intorno a Natale. Si parla di una multa “concordata” tra Agcm e Lyoness, a detta dei President.

  20. Hanno messo i Marketer di fronte al fatto compiuto stravolgendo le regole e camuffandole per migliorative, quando di migliore c’è solo il fatto che finalmente le quote di ingresso si sono nettamente dimezzate. (perché parliamoci chiaramente tanti senza buttar dentro i “premium” non avrebbero fatto neanche la metà della carriera che invece hanno fatto). Critico il fatto che la comunicazione non è avvenuta con ufficialità e nelle tempistiche corrette, quindi neanche “accettata” da chi ha abbracciato questo business investendo soldi e spesso fatica e che in questi mesi di blocco ha continuato a fare il proprio lavoro in maniera onesta. La serietà di un’azienda si vede anche da queste cose. Voglio ben sperare che ci sia la possibilità di recedere dall’incarico e riavere indietro quanto investito. Qualcuno ha notizie in merito al diritto di rimborso?

  21. In base al ultimo articolo (….gazzettadiretta……) cosa consigli Antonio per chi volesse avere il rimborso dei soldi per diventare premium, fare una richiesta scritta a Lyoness appellandosi al art.4 comma 6 della legge 173/2005, oppure di farsi seguire da un avvocato per avere questo rimborso?

    • Ciao, di base consiglio di informare sempre e comunque l’azienda prima, della propria volontà di dimetterti, via PEC o raccomandata. Così ti metti il ferro dietro la porta, come si sul dire.

      Poi aspetti 30 giorni, e visto che non ti avranno risposto, vai di avvocato.

      Lyoness tende a rimborsare in questo momento solo chi fa causa, perchè vuole evitare di andare in tribunale, visto che i suoi contratti sono già stati dichiarati illegali in Austria, Svizzera, Polonia e Norvegia.

  22. Un altro finto professionista del network che vuol solo gettare fango addosso ad’una grande azienda . Perché tanto si sa , ormai l’hobby dell italiano medio è solo quello di disprezzare e distruggere qualsiasi cosa funzioni e susciti interesse nelle massa . Senza invece occuparsi di capire e comprendere come questa grande azienda ad oggi si ritrovi tra i più grandi nomi altisonanti del network marketing, come abbia scalato le vette e di conseguenza essendo una grande azienda , soggetta a controlli e quant’altro . Vi faccio presente che fino all’altro giorno la grande Apple era di nuovo sotto inchiesta e ha risolto tutto pagando una gran multa eppure non vedo nessun cittadino disgustato , anzi tutti in fila per il nuovo iPhone .Quanta ipocrisia .Scegliete di informarvi in maniera corretta e ABITUATEVI A PENSARE CON IL VOSTRO CERVELLO !!!!! Lei e tutta la cricca a cui appartiene , una massa di buffoni che sfrutta l’effetto leva del dilagare della imponete ignoranza della massa che naviga sul web . Tanti cari saluti rosiconi spargifango

    • La Apple non è stata mai condannata per schema Piramidale in Norvegia, per contratti capestro in Austria, Svizzera e Polonia, o ricevuto una valanga di querele per mancato rimborso.

      Ma continua pure ad illuderti di lavorare per la Apple dello shopping. O magari, togli le fette di prosciutto dagli occhi, e informati, prima di lusingarmi con le tue offese.

      • Premetto che non sono un networker, ma uno che cerca di capire se ne vale la pena o meno…capitato su questo blog al fine di documentarmi al massimo…nelle ultime riunioni fatte alla lyoness hanno spiegato che a causa di controlli sino state apportate modifiche al sistema x evitare di avere vendite di pacchetti introduttivi ingannevoli. Con il nuovo sistema, sostengono di essere a norma con la legge 173 del 2005…e da marzo 2019 si potrà partire con le nuove regole. Ambasciator non porta pena. E grazie Antonio i blog rimangono ancora una buona fonte di informazioni sia pro che contro.

    • Mi dispiace contraddirti….ma praticamente questa azienda non la conosce nessuno (vedi il link sotto)…non so quale vette abbia scalato…di sicuro non quelle dei migliori network marketing. E poi smettiamola con questa associazione: “siccome siamo grandi è normale che ci controllino” è banale tanto quanto quella de “se grosse aziende come Amazon, Booking etc. si associano con noi ..pensi davvero che ci sia qualcosa di illegale?….Loro hanno fior di avvocati che avranno controllato quindi…”….Tutto fumo e niente arrosto…Se scrivi ad Amazon o Booking (cosa che io ho fatto) te rispondono che non vi conoscono proprio….

      https://www.netetica.com/classifica-migliori-network-marketing-2017/

      • I numeri di Lyoness sono dichiarati da Lyoness, ma non hanno mai avuto riscontro reale. Non hanno nemmeno pubblicato il bilancio del 2017 (la legge imponeva che lo pubblicassero entro marzo 2018), e entro il 2019 devono pure preparare il successivo.

  23. Salve a tutti, è la prima volta che scrivo un post qui, ma ritengo sia utile farlo perché purtroppo leggo un sacco di informazioni incomplete o addirittura scorrette senza che un utente comune possa comprendere ciò di cui si parla, facendo sì che venga danneggiata l’immagine di un’azienda oltre quelli che sono i reali limiti.
    Premetto che non sono un Lyconet, circa un mese fa sono venuto a contatto con Lyoness attraverso il classico invito e ho deciso di approfondire perché sono intenzionato ad entrarci. Quindi parlo da esterno all’azienda, però da uomo di marketing e venditore professionista da 15 anni.

  24. V In primis vorrei fare chiarezza sull’indagine avviata dell’Agcom: quello che si analizza non è il modello di business in sé, poiché il network marketing è legale e normato dallo Stato. Ciò di cui si tratta sono due sistemi che POTREBBERO configurare delle pratiche commerciali scorrette: 1) una parte degli anticipi (gli mvoucher), il cui meccanismo è farraginoso e genera incomprensioni tra coloro che non hanno dimestichezza con cose del genere; 2) l’Easy shop plus, anche in questo caso un anticipo strutturato come abbonamento mensile che ha un risvolto nello sviluppo della carriera di un marketer. Tutte le altre cose di cui si parla sono riconducibili a queste due presunte anomalie.
    Il punto su cui ho riflettuto io e voglio far riflettere chi legge questo post è il seguente: nessuno di questi due strumenti è obbligatorio: ogni lyconet marketer può raggiungere i suoi obiettivi di carriera senza anticipare i 2500 per diventare immediatamente Premium e allo stesso tempo può far fruttare il Balance program anche senza attivare l’Easy shop plus. E allora qual’è il problema? Il problema è semplicemente il tempo che ognuno di noi vuole dedicare a questa attività, che a sua volta determinerà quanto tempo ci vorrà per raggiungere degli obiettivi di guadagno importanti. Questi due strumenti aiutano il nuovo entrato ad accorciare sensibilmente questi tempi. Punto e stop.

  25. V E mi voglio ricollegare a chi in mezzo a tutti questi post ha messo i dati di guadagno dei networker negli USA: è ovvio che i dati siano quelli, poiché in questi sistemi c’è un’alta percentuale di abbandono. Chiediamoci perché… La prima risposta che tutti danno qual’è? “È una truffa … Sono sistemi piramidali … vogliono spillarti dei soldi e basta …” ecc ecc… In realtà il vero problema siamo noi, ognuna di quelle persone che dice queste cose ha sbagliato la sua valutazione di questa opportunità: siccome alla riunione dove hanno presentato il sistema lyoness vi hanno detto che lo potete fare come secondo lavoro, che si tratta di promuovere un prodotto anche mentre fate altro ecc ecc, allora vi siete cullati che bastava entrare, magari investire 2500 euro per essere Premium e come per magia avreste avuto una rendita mensile. La verità è un’altra: NON ESISTE GUADAGNO SENZA IMPEGNO!!! E ogni guadagno dipende da quanto tempo ed impegno dedicate a questa opportunità. Questa regola vale per tutto ciò che facciamo nella vita: per me, che sono nella vendita da 15 anni, è la prima regola che ho imparato a mie spese.

  26. V Vorrei poi focalizzare il discorso sulle attività che un nuovo marketer lyconet deve attivare. Le attività su cui un marketer deve impegnarsi sono essenzialmente tre: 1) consumatori diretti, ossia tutte quelle persone a cui diamo la carta che facciamo entrare nel circuito come semplici consumatori. Legate a questa attività ci sono delle forme di guadagno, che sono il bonus amicizia e l’acquisizione diretta degli shopping point per la carriera (Quindi senza regola del 50%). Sembra l’attività più semplice ma ha una importanza cruciale nello sviluppo futuro della carriera di ognuno. 2) la seconda attività è quella di convenzionare le aziende per farle aderire al circuito. Anche in questo caso sono legate delle forme di guadagno: anzitutto una provvigione importante sulla stipula della convenzione che va dal 20 al 35% a seconda del pacchetto che stipula l’azienda (questo riconoscimento è solo se sei un Premium marketer); in secondo luogo acquisisci tutti gli Shopping Point che genererà quell’impresa e i suoi consumatori; questi SP genereranno un guadagno economico (Sono pagati in base al livello di carriera che hai) e si accumuleranno sulla tua carriera (con la regola del 50%). È chiaro che questa seconda attività è fondamentale nel lungo periodo: l’azienda ha grande capacità di acquisire consumatori, dunque amplifica fortemente il potenziale della tua carriera nel tempo, rappresenta le fondamenta. 3) l’ultima attività è la tua struttura, ossia reclutare nuovi marketer da inserire nella tua struttura per costruire la tua impresa, facendo im modo che ogni marketer cresca e faccia crescere tutta la struttura, quindi anche te. Questa attività è fondamentale ma, rispetto alle altre, va pianificata con grande attenzione, perché da questa attività saprai se hai costruito una rete di successo, è quindi guadagnerai, oppure se navigherai sempre nei bassi livelli di carriera, alla ti stancherai e diventerai anche tu un sostenitore dell’equazione network marketing = lyoness = truffa.
    TUTTE QUESTE ATTIVITÀ SONO IMPORTANTI, il giusto mix genererà una struttura di successo, lo sbilanciamento su una delle tre attività rallenterà o bloccherà la crescita della tua struttura.

  27. V Molto spesso, quando partecipiamo agli incontri Lyoness sentiamo parlare i relatori, e dai loro discorsi percepiamo quanto sia importante inserire nuovi marketer nella struttura. È chiaro che dicano così, magari sono ad un livello di carriera tale per cui la crescita della loro struttura passa essenzialmente da un aumento della profondità attraverso il reclutamento di nuovi marketer. Tuttavia ognuno di noi che approccia al sistema DEVE farsi un proprio piano a prescindere da ciò che sente. Se nel tuo normale lavoro devi svolgere 10 attività non le farai a caso, non salterai di palla in frasca, ma ti organizzerai per priorità e di darai dei tempi per farle. Allora per quale motivo nel caso di lyoness pensi che non occorra una giusta pianificazione.
    Anzi pensandoci bene potrei anche affermare che i relatori lyconet hanno ragione quando sottolineano l’importanza di creare la propria struttura. Sapete perché? Perché questa è la Potenza del network marketing: la possibilità di fare del tuo limite un punto di forza. Mi spiego meglio: se sei una persona che sta molto a contatto con il pubblico per lavoro, magari sarai bravissimo a trovare iscritti nel ruolo di consumatori diretti, magari in mezzo a questi potresti anche trovare dei marketer da inserire nella tua struttura, ma magari non sei bravo nella vendita, quindi hai difficoltà a convenzionare aziende, è probabilmente una volta convenzionate quelle che conosci perché dentro il circuito parentale non ne convenzioni più. Se riconosci questo limite hai già fatto il primo passo. Se poi hai pianificato la tua attività, magari cercherai di inserire nella tua struttura NON qualunque marketer, bensì persone che possono sopperire al tuo limite, quindi abili nella vendita che POTREBBERO convenzionare le aziende.
    Se ti sei fatto un tuo piano non c’è il rischio che il tuo sponsor ti possa prendere in giro dandoti i consigli che vanno bene per lui piuttosto che per te. Perché tu sai cosa devi fare.

  28. V Questa ultima frase mi introduce per il prossimo argomento, una nota dolente del sistema del network marketing, e quindi anche di Lyoness: bisogna essere consapevoli che OGNI MARKETER È IMPRENDITORE DI SÉ STESSO. Se questo è un grande vantaggio per tante cose, l’altro lato della medaglia è un punto particolarmente doloroso: sebbene l’azienda ti possa dare delle indicazioni su come condurre la tua attività per raggiungere obiettivi di carriera, ogni marketer è indipendente e non può essere controllato in quello che dice e che fa. Se un marketer vi dice che potete avere guadagni facili in pochissimi mesi, se vi vende le quote Cloud come un investimento che renderà tanti soldi, se non ti spiega bene il meccanismo degli mvoucher e ti fa fare gli anticipi, se non ti fa capire come funziona l’Easy shop plus ma ti fa fare l’abbonamento, beh ragazzi quel marketer è una persona avida e scorretta, che non pensa a costruire la sua struttura di successo ma solo ad avere successo. Ma quel che è peggio è che quel marketer contribuisce a danneggiare l’immagine di tutta l’azienda, e fa pagare il conto a Lyoness.
    Ebbene in tutti i commenti che ho letto ci sono tantissime persone che si lamentano degli anticipi, che chiedono come averne la restituzione facendo pagare il conto all’azienda, e mi chiedo: se le persone che si lamentano sono state ingannate da un marketer lyconet, che per contratto è un promotore indipendente, c’è qualcuno qui che chiarisca che va denunciato il marketer e non lyoness? Questa è un’attività in cui la comunicazione è il primo strumento, se ti comunico cose inesatte, parziali o completamente false, il primo responsabile sono io…

  29. V L’ultimo punto riguarda la situazione lyoness negli altri Stati, visto che vi è dedicato un articolo è un’infinità di commenti.
    Parto dalla conclusione: quello che succede in Norvegia, Austria, USA o altro paese non ci riguarda assolutamente, non è indicativo di ciò che può succedere in Italia, e non condiziona lyoness Italia.
    Chi ha avuto a che fare con multinazionali, ed io sono un venditore di queste realtà, sa perfettamente che queste aziende creano delle strutture diverse in ogni stato in cui operano perché si deve confrontare con le leggi di quello stato. Dunque, sebbene la filosofia di fondo sia uguale per tutta l’azienda, è chiaro che gli adempimenti burocratici, il regime contributivo, i contratti di lavoro, i requisiti per fare impresa saranno adattati dalla multinazionale alle leggi dello stato in cui operano ed investono. Allo stesso modo lyoness, mantenendo inalterata la struttura del network marketing, adatta il modo di convenzionare le aziende, quello di stipulare delle partnership, nonché l’inquadramento dei marketer alle leggi vigenti nel singolo stato in cui opera. Ed infatti, anche quando in questo articolo si fa una descrizione della situazione negli altri Stati si può vedere che in un caso c’è un problema contrattuale legato alle infinite clausole, in un altro si parla di schemi piramidali, in un altro della pratica commerciale scorretta con le aziende convenzionate, nel caso italiano si tratta di alcuni meccanismi della struttura operativa. Quando si fa questa analisi, inoltre, bisognerebbe andare a vedere i sistemi legislativi dei vari paesi: c’è per es. una differenza abissale tra il caso italiano e quello di Svizzera, Polonia ed Ungheria, sapete perché? Perché in questi tre paesi non c’è una legge ad hoc che regolamenta il network marketing in maniera organica. Sono presenti solo delle disposizioni autonome. È perciò più facile trovare delle situazioni di violazione delle leggi nazionali quando una forma strutturale particolare come il network marketing viene ad essere analizzata alla luce di leggi fatte per altri contesti aziendali. In Italia, invece, c’è una specifica legge molto chiara sia per il network marketing che per il piano retributivo di questa struttura: non è un caso che L’AGCM analizzi degli strumenti operativi e non delle situazioni contrattuali o della struttura in sé.
    Dunque se è vero che si tratta comunque di una indagine istruttoria che ha il suo peso, è altrettanto vero che bisogna contestualizzare la situazione e non mettere nel mezzo tutto quello che capita solo perché non ci garba. Seguendo questa logica chi mette in mezzo la situazione lyoness degli altri Stati sta solo amplificando una situazione che è diversa per definizione rispetto a quella italiana con la scusa di fare una buona informazione.

  30. V L’ultima parola che voglio dire riguarda tutta la discussione che qui è stata messa in piedi sui partner moto GP, Inter Roma ecc. Ragazzi questo è il marketing: se si conclude una partnership tra due aziende, la partnership conviene ad entrambi. Chi sostiene che lyoness paga e quindi mette qualche cartellone non capisce niente di marketing. Ma davvero pensate che una partnership sia a senso unico? Quando si chiudono grosse sponsorizzazioni balla molto più che la semplice transazione economica per sponsorizzazione: ci sono questioni di immagine, blasone dei brand in questione, accordi di piani futuri su cui si fondano parte delle strategie aziendali ecc ecc. Banalizzare accordi del genere significa non dare valore al merito (e capisco perché il merito in Italia sia una chimera): per essere chiari è come dire che non importa chi siede alla carica di top manager, perché può farlo anche l’operaio; se c’è qualcuno che si ritiene tanto bravo da sedersi al tavolo dell’organizzazione della Moto GP e chiudere un accordo di sponsorizzazione così importante sappia che è fuori dal pianeta terra. Chi ha scritto che lyoness ha pagato per avere dei cartelli che altrimenti occuperebbe qualcun altro non ha guardato l’altro lato della medaglia: proprio perché gli spazi di questi tipi di palcoscenici sono pochissimi, l’organizzazione non li concede semplicemente a chi paga di più, ma a chi può dare valore a tutta la moto GP nel tempo, e dunque l’organizzazione fa delle valutazioni del medio-lungo periodo che sono da considerare estremamente positive per lyoness. Sapete che Yamamay ha diffuso il dato che la sponsorizzazione chiusa con CR7 ha accresciuto il suo fatturato mondiale del 43% in 18 mesi? Secondo qualcuno di voi è una casualità? Siamo tutti figli del marketing, ricordatelo, se non ci credete basta che guardate lo smartphone che avete o l’auto che possedete e come ne parlate ai vostri amici: siete la copia delle caratteristiche tecniche o degli optional che state descrivendo per come ve li hanno propinati (Se avete una Peugeot parlerete al vostro amico dell’icockpit senza sapere in realtà com’è e come è stato fatto, ma solo quello che vi ha detto la pubblicità)

    Chiudo dicendo a tutti di valutare sempre attentamente sempre le opportunità che vi propongono, di fare un vostro piano qualora decideste di sfruttare l’opportunità e di considerare sempre che non esiste guadagno senza impegno.

    In bocca al lupo a tutti

    • Grazie per il tempo che hai impiegato ad esprimere la tua opinione, ma forse dovresti rileggere bene il comunicato AGCM di avvio indagini.
      Inoltre, in Austria risulta che Lyconet abbia violato una legge Europea, che quindi si applica anche in Italia.

  31. Ciao Antonio, se vogliamo scendere nei tecnicismi, spieghiamo come funziona con le leggi Europee.
    Le tipologie sono 2: ci sono i regolamenti europei e ci sono le direttive europee. Tra le due cose c’è un abisso. I regolamenti sono immediatamente esecutivi in tutti gli stati dell’UE senza se e senza ma. Le direttive, invece, vanno recepite da ogni singolo stato con una legge nazionale che si deve armonizzare con le altre leggi statali.
    Quindi dire che in Austria la violazione è di una legge europea quindi vale anche per l’italia è profondamente errato, perché il principio di fondo è contenuto nella direttiva, poi ogni stato fa una legge ad hoc per integrare quel principio nel contesto nazionale.

    Saluti
    Simone

    • Simone, a parte che se viola una direttiva Europea, è ininfluente in che modo sia stato recepito. Non a caso dice che viola la direttiva, e non l’articolo che ha recepito la norma. Comunque, non ti affannare a difendere Lyoness con i cavilli. Tra il 17 e il 19 Agcm si pronuncerà e vedremo.

      Intanto puoi leggere qui com’è stata percepita, e nel frattempo puoi confrontare com’è stata recepita in Austria e come in Italia.

  32. Ciao Antonio, mi puoi dare una informazione: quali sono le condizioni per essere Premium marketer? Come avevo scritto (anche in un’altra pagina forum) ho intenzione di entrare, ieri ho provato a chiamare il mio sponsor che è ad una riunione fuori sede (Ci saranno altre novità in pentola?), mi ha scritto che rientra giovedì sera e ci sentiamo venerdì. Io però ho bisogno di questa informazione per pianificare il mio ingresso, definire il quantum del bonifico ecc..

    Grazie mille

    • amico mio.. sto lavorando al progetto e non mi cambia niente che tu entri a far parte di questo mondo o meno. anzi probabilmente va contro i miei interessi. Valuta a pieno e ragiona con la tua testa. Tralasciando il fatto Lyconet che ha i check legali in 47 paesi al mondo oltre l’Italia, il progetto lyconet è una cosa seria per due motivi:
      il primo è che paga
      e il secondo è che paga solo se le persone della tua rete effettivamente volturano le loro spese verso imprenditori del circuito per ricevere dei vantaggi che i suddetti imprenditori pagano di tasca loro per aver attirato quei clienti. Non è piu sensato cosi piuttosto che dare milioni a gente come Cristiano Ronaldo per pubblicizzare un prodotto o servizio? Con tutto il bene che si può volere a Cristiano Ronaldo… E anticipare dei soldi per guadagnarne di piu in futuro, in Lyconet è ETICO. Quei soldi li riprendi spendendo nel circuito.. con che faccia vai da un imprenditore dicendogli di aderire ad un meraviglioso circuito con già 13 milioni di aderenti se non sei tu il primo a spendere in quelle attività? Se spendi nel circuito (RISPARMIANDO), li rivedi tutti fino all’ultimo centesimo come nel mio caso.
      Il Network Marketing è il lavoro del futuro. Siate curiosi
      Iacopo

        • Vorrei capire una cosa, dato che sul regolamento lyconet c’è scritto che è gratuita l’entrata, il fatto che la gente mettesse i soldi sono cazzi LORO. Io pure ho investito, tutt’ora non ho ripreso i miei soldi e lo sto facendo pian piano, al tempo l’upline mi disse investi e cazzate varie poi appena ho capito come funziona effettivamente il sistema a parte lasciar perdere quel gruppo di marketer falliti ho iniziato a lavorare e strutturare da solo col mio sponsor. L’unica colpa diretta che può aver Lyoness è quella di non essere abbastanza dura con i suoi marketer che personalmente avrei già sbattuto fuori dall’azienda. Inoltre attualmente credo che sia sbloccato tutto, dato che io e il mio team stiamo continuando.

    • amico mio.. sto lavorando al progetto e non mi cambia niente che tu entri a far parte di questo mondo o meno. anzi probabilmente va contro i miei interessi. Valuta a pieno e ragiona con la tua testa. Tralasciando il fatto Lyconet che ha i check legali in 47 paesi al mondo oltre l’Italia, il progetto lyconet è una cosa seria per due motivi:
      il primo è che paga
      e il secondo è che paga solo se le persone della tua rete effettivamente volturano le loro spese verso imprenditori del circuito per ricevere dei vantaggi che i suddetti imprenditori pagano di tasca loro per aver attirato quei clienti. Non è piu sensato cosi piuttosto che dare milioni a gente come Cristiano Ronaldo per pubblicizzare un prodotto o servizio? Con tutto il bene che si può volere a Cristiano Ronaldo… E anticipare dei soldi per guadagnarne di piu in futuro, in Lyconet è ETICO. Quei soldi li riprendi spendendo nel circuito.. con che faccia vai da un imprenditore dicendogli di aderire ad un meraviglioso circuito con già 13 milioni di aderenti se non sei tu il primo a spendere in quelle attività? Se spendi nel circuito (RISPARMIANDO), li rivedi tutti fino all’ultimo centesimo come nel mio caso.
      Il Network Marketing è il lavoro del futuro. Siate curiosi
      Iacopo

  33. Premettendo che credo fermamente nell’informazione online e apprezzo persone come Antonio.
    Valutate a pieno la cosa e ragionate con la vostra testa che ci metto la mano sul fuoco: Lyoness è solida come la roccia e questa cosa è una bolla di sapone. Tralasciando il fatto che Lyconet ha i check legali in 47 paesi al mondo oltre l’Italia, il progetto che ormai sta in piedi è una cosa seria per due motivi:
    il primo è che paga
    e il secondo è che paga solo se le persone della tua rete effettivamente volturano le loro spese verso imprenditori del circuito per ricevere dei vantaggi che i suddetti imprenditori pagano di tasca loro per aver attirato quei clienti. Non è piu sensato cosi piuttosto che dare milioni a gente come Cristiano Ronaldo per pubblicizzare un prodotto o servizio? Con tutto il bene che si può volere a Cristiano Ronaldo… E anticipare dei soldi per guadagnarne di piu in futuro, in Lyconet è ETICO.. con che faccia vai da un imprenditore dicendogli di aderire ad un meraviglioso circuito con già 13 milioni di aderenti se non sei tu il primo a spendere in quelle attività? Se spendi nel circuito (RISPARMIANDO), li rivedi tutti fino all’ultimo centesimo come nel mio caso. Si chiama promessa di acquisto per questo.
    Tutto questo è semplicemente un sistema distributivo. Il Network Marketing è il lavoro del futuro. Siate curiosi
    Iacopo

  34. amico mio.. sto lavorando al progetto e non mi cambia niente che tu entri a far parte di questo mondo o meno. anzi probabilmente va contro i miei interessi. Valuta a pieno e ragiona con la tua testa. Tralasciando il fatto che ha i check legali in 47 paesi al mondo oltre l’Italia, il progetto lyconet è una cosa seria per due motivi:
    il primo è che paga
    e il secondo è che paga solo se le persone della tua rete effettivamente volturano le loro spese verso imprenditori del circuito per ricevere dei vantaggi che i suddetti imprenditori pagano di tasca loro per aver attirato quei clienti. Nessuno spende? nessuno guadagna. Hai fatto capire ai clienti che spendere nel circuito è vantaggioso? vieni premiato con delle provvigioni. Non è piu sensato cosi piuttosto che dare milioni a gente come Cristiano Ronaldo per pubblicizzare un prodotto o servizio? Con tutto il bene che si può volere a Cristiano Ronaldo… E anticipare dei soldi per guadagnarne di piu in futuro, in Lyconet è ETICO. Quei soldi li riprendi spendendo nel circuito.. con che faccia vai da un imprenditore dicendogli di aderire ad un meraviglioso circuito con già 13 milioni di aderenti se non sei tu il primo a spendere in quelle attività? Se spendi nel circuito (RISPARMIANDO), li rivedi tutti fino all’ultimo centesimo come nel mio caso.
    Il Network Marketing è il lavoro del futuro. Siate curiosi
    Iacopo

  35. Ho letto il comunicato AGCM. Dice “DELIBERA…che la pratica commerciale descritta al punto II del presente provvedimento…costituisce, per le ragioni e nei limiti esposti in motivazione, una pratica commerciale scorretta…e ne vieta la diffusione o continuazione”. Al punto 3 e 4 del punto II si parla solo di cashbackcard senza alcun riferimento a Lyconet, quindi mi sorgono delle domande:
    1. È sospesa anche la possibilità di fare nuove tessere? (a me sembra di si)
    2. Chi le fa cosa rischia? (non credo sia verosimile che ogni tesserato sia a conoscenza di questa sentenza)
    3. È sospesa la possibilità anche del semplice utilizzo della tessera? (come sopra, non credo tutti lo sappiano)
    4. Eventuali provvigioni derivate da acquisti (ad esempio il bonus amicizia) continueranno ad arrivare, è un problema per chi le percepisce?

  36. Grazie mille, molto chiaro. Ovviamente l’uso della tessera genererà del bonus amicizia. Su questo tipo di provvigione non si rischia nulla giusto? Anche se si parla di pochi euro vorrei essere sicuro che personalmente non avrò nessuna grana legale. Nel frattempo attendo i benedetti 60 giorni, ma con troppa poca fiducia visto i precedenti

      • Beh certo, ma onestamente al momento mi preoccupo per me e per quelle persone che ho coinvolto come clienti e che mi sento di dover tutelare al massimo. Di chi vuole fare porcate in barba alle sentenze mi sono già liberato molto tempo fa.

        • L’azienda stessa ha fatto porcate fino ad oggi. Se i contratti in dieci anni sono stati dichiarati illegali in 4 Paesi Europei, perchè hanno aspettato che accadesse anche in Italia prima di prendere provvedimenti? Dai, sù.

  37. Vorrei capire per favore come mai, con la delibera appena uscita, non si parli assolutamente nel mondo Lyoness dei punti a e b e quindi della sospensione cui tu hai dato spiegazione già sopra con il link in risposta ad Andrea….purtroppo ho gente nella mia rete che si ostina, poiché rassicurata da presidenti, ad andare a fare eventi in questi giorni….cosa potrei fare per convincerli a veder la verità, e cosa rischiano? Forse così capirebbero di aspettare almeno le novità nei prossimi 60 giorni….
    Comunque il punto più ostico risulta quello in cui i vari presidenti si ostinano a dire che le nuove regole, cioè il CRP, sono pulitissime e al di fuori della delibera…..
    Grazie

    • Basta chiamare l’AGCM al numero verde gratuito 800 – 166 – 661 e chiedere.

      Questo è quanto scrive il giornalista Ben Ecker, che segue la vicenda Lyoness da anni.

      “Lyoness Italia ha due mesi per presentare un nuovo piano marketing, che deve quindi essere approvato dall’AGCM.

      Diversi presidenti di Lyconet italiani sostengono di aver già implementato tutti i punti critici nella decisione “ricevendo un OK dall’AGCM”.

      Dopo aver consultato l’AGCM, possiamo confermare che questa affermazione è falsa.

      L’AGCM non ha ricevuto o approvato nulla di simile”.

      Al momento è possibile utilizzare il circuito Cashback come cliente e come azienda.

      Ma tutto ciò che riguarda Lyconet, quindi Premium, ESP, Cloud, EC1 ed EC2, è proibito.

      Così com’è proibito farne pubblicità online o offline.

      Esattamente come in Norvegia.

  38. Mi potresti spiegare come mai non danno valore nel mondo Ly alla delibera della Agcm? Dicono che non sia una sentenza e non abbia valore legale!!!!!!
    Tutti i vari presidenti!!!! Così le persone possono far gli eventi…..senza correr rischi perché le nuove regole sono a posto….
    dicono che in Austria al loro “Tar del Lazio” LY ha vinto la causa e certificato quindi che sono in regola…. e l’antitrust austriaca era in errore come lo è adesso la nostra antitrust
    Così anche in Norvegia

  39. Complimenti Antonio. Chiaro ed esaustivo. Mi domando come alcune persone riescano ancora a difendere un azienda del genere.

  40. Dopo aver letto un po’ di news, non avendo una upline diretta ed essendo un team che si è fatto da sé per così dire (abbiamo basato praticante sempre tutto sul consumo e abbiamo fatto vermante pochi anticipi non di grandi proporzioni, la nostra ex upline praticamente svolgeva un “ponzi” interaziendale con trattative segrete e altre bassezze che non elenco). Premesso che (secondo me) a presidenti è leader della suddetta struttera o ad altri networker che lavorano così andrebbe chiuso il codice se non peggio. Non trovando risposte per vie ufficiali (oltre alle notizie che ho trovato qua dove ho trovato un ambiente cordiale, professionale e non di parte) ho deciso di interpellare la sede lyoness, che di tutta risposta mi ha detto che in realtà è tutto normale ed mi è stato riferito solo Dell’impossibilità di comprare i discount voucher. Sto facendo fatica a capire se Lyoness se ne stia fregando altamente Dell Agcm o se ho capito male la situazione nella quale versa l’Azienda adesso.

    In ogni caso compliementi per il tipo di informazione che porti, pulita e professionale, per il mondo del network seguirò sicuramente le news qua.

  41. Antonio molti Marketer sono perplessi…potresti metter chiarezza per favore?
    la situazione attuale, riassumendo un po’ il tutto è quella che si trovano di fronte a praticamente tutti i presidenti che assicurano che si possa continuare a fare L attività…. poiché i nuovi vaucher cioè i C.R.P……sono perfettamente in “”regola””…..
    Quindi non si rischia nulla e ….. avanti tutta!!!!!
    Se tu potessi fare un po’ di chiarezza su tutto te ne sarei grato

  42. qualcuno saprebbe dirmi perchè è meglio comprare i voucher al posto che usare semplicemente la card? per il valore che danno agli SP?

  43. Mi è stato spiegato che contabilmente comprare i vaucher di benzina (esempio Q8) permette di avere 100€ in fatturato LY anzi che andare in pizzeria e spendere 100€ e aver in fatturato LY solo 8% cioè 8€
    così quando si compra un CRP a 100€ di m-vaucher (i vecchi vaucher per intendersi) vi sono anche 100€ di e-vaucher (esempio di Q8) per cui il “reclutato” nuovo spende 50% di buoni e il 50% in consumi
    infatti quando si compra un Crp si devono fare per forza consumi in e-vaucher e non invece in attività convenzionate

    corrisponde al vero tutto ciò e che si risolve il problema della Vendita piramidale’ così?

    Nell’articolo per fare un po’ di chiarezza ANTONIO potresti spiegare anche questo? Sei L unico credibile in questo momento, vista la tua imparzialità…..

  44. Antonio ti ringraziamo tutti per l’aggiornamento del 30 Gennaio 2018 dove fai il punto chiarissimo della situazione. Adesso come dici tu: networker avvisato, mezzo salvato

  45. Sono stato appena contattato da lyconess. Fortunatamente ben documentato da questo articolo di Antonio mi sono “salvato”…grazie Antonio

          • Su padovaoggi e non solo , si legge della ” truffa” lyoness e della causa che uno studio di avvocati sta portando avanti per la restituzione degli anticipi, articolo interessante dove si leggono cose già note ma anche qualche altro spunto. Intanto il team tororosso della F1 ha legato una partnership per il 2019…come mai tutto va avanti come se nulla fosse…incontri formazione convenzioni di nuovi esercizi???

          • Domanda da ingenuo.
            Hai mai sentito di comportamenti illegali che smettono di essere illegali perchè hanno beccato una multa? Lyoness è stata sanzionata già in più Paesi, e non ha mai cambiato i contratti.
            Basta guardare OneCoin.

  46. Sebbene Sebbene Sebbene……
    Io credo che prima di fare dichiarazioni si debba capire di cosa si stia parlando.
    La parola INVESTIMENTO in Lyoness non esiste.
    Nessuna allusione a facili guadagni se uno vuol capire cosa sta’ facendo.
    Comunque sia dove Lyoness ha avuto attacchi ha sempre avuto ragione alla fine SEBBENE incolpata senza cognizione di causa.

    • Sebbene non so’ chi tu sia da come rispondi con offese personali posso capire il livello di educazione di cui fai parte e mi dispiace che anche altre persone nel 2020 si rendano conto di ciò.

      Detto questo ricordo che non serve aver superato esame della patente di guida per considerarsi un abile automobilista SEBBEYsi crede di esserlo.

      Quindi alla fine che contano sono i fatti e al momento dove le cause giudiziarie sono concluse definitivamente Lyoness è sempre stata giudicata NON COLPEVOLE.

      Fin che si parla di multe e accuse non confermate da sentenze meglio risparmiare fiato perché i boomerang tornano sempre

      Confido in risposte fondate sull’ educazione della persona

      • Educato con chi difende uno schema piramidale? Solo quando imparerai a non difendere l’indifendibile. E’ gente senza pudore e ritegno come te, che ha rovinato il network marketing diffondendo schemi piramidali illegali come Lyoness. Vergognati.

        • Esistono sentenze ?
          Dati certi ?
          Se un banchiere truffa dei clienti della banca la banca chiude ?
          Ma sai come funziona Lyoness/Lyconet o tuo scopo e movimentare tua pagina web ?
          Chiedi all’ antitrust se ha incassato le provvigioni per la sentenza Lyoness ?
          Le parole si possono distorcere e cambiare
          Numeri e fatti no
          Quindi ti consiglio di sparare a fucile carico
          Ora stai facendo cilecca ad ogni replica

          • Le multe si pagano a sentenze emesse.
            Forse se ti aggiorni chi ti legge e sostiene può credere in quel che dici altrimenti passi come un Taylor Mega che deve generare traffico.
            PS complimenti per i vocaboli educati con cui comunichi tipico dei leoni 🦁 da tastiera

          • Pretendi di parlare senza averne le basi. Sei ridicolo e arrogante, da bravo seguace di uno schema piramidale. Roba già vista.

            Ti ricordo che la tua setta vi ha vietato di dialogare con me, tramite comunicato del buon Moretti.

  47. Infatti un motivo ci sarà.
    Ci si sente più avanti sperando rimanga tutto scritto così godrai a rileggerti.

    PS per quanto riguarda la comunicazione verbale male educante quella la puoi rileggere subito

    Bye bye

    • E’ da anni che vi sento dire “più avanti”. Intanto in Norvegia siete stati bannati definitivamente. E in Austria continuate a perdere cause civili sul recesso.

      Speriamo che questo avanti non sia dopo la chiusura in Italia, allora. Tranquillo che anche il tuo nome e cognome restano registrati.

  48. Ciao Antonio, forse non ho capito bene ma mi sembra di aver capito, da ciò che leggo sopra, che in Norvegia Lyoness sia stata buttata fuori praticamente dal paese e non può più operare? Se fosse così altro che vincere sentenze!!!!! E non esser considerati colpevoli!!!!
    Prima in Norvegia ciò riguardava solo la parte Lyconet e ora invece riguarda tutto? Aziende, tessere eccetera eccetera?
    Quindi…. se mi e ci confermi questo, in Italia sta e può avvenire la stessa cosa? Perché adesso la parte Lyconet è stata sospesa giusto? E può avvenire dopo anche qui da noi, come in Norvegia, che anche aziende e tessere e tutto il resto venga buttato fuori dal paese?
    Ultima domanda:
    Hai detto che la multa è stata pagata giusto? I 3,2 milioni.
    E hanno presentato già (il termine era 60 giorni) le modifiche per regolarizzare la parte fuori legge?
    Grazie in anticipo per le tue chiare e documentate risposte coi fatti, con link che attestano ciò che dici. Questo solo dovrebbe far capire chi gode o no di credibilità
    (non come altre persone che sparano opinioni, spesso senza senso, addirittura non confortate da un link che attesti ciò che dicono)
    E questo dovrebbe far riflettere in tanti
    Daniela

  49. Grazie per i contributi, sono illuminanti e ben argomentati.
    Ho avuto un contatto per entrare in Lyconet, sono contento di aver declinato: ricordo quanto mi avesse colpito il fatto che si celasse l’oggetto della “presentazione”, del “progetto”. Fortunatamente scavando un pò sono riuscito a capire di cosa si trattava prima del’incontro e sicuramente mi ha aiutato. Mi sembra evidente, dopo qualche ragionamento sulle cifre, che il vero obiettivo di un marketer lyconet/lyoness non è la diffusione delle tessere quanto tirare dentro la rete nuovi agenti, è decisamente più redditizio. Il 2% di sconto negli esercizi convenzionati è cosa di poco conto: ci sono parecchie altre forme di agevolazioni, spesso negli stessi negozi, (cral aziendali, offerte a tempo ecc) che riescono a garantirti anche fino al 10 %. Senza considerare che questo 2% di sconto magari è compensato abbondantemente dalla scelta di un altro esercizio che offre un prezzo di mercato migliore.

    • Purtroppo la natura piramidale emerge anche dalle ultime scelte aziendali. In questo momento stanno incentivando la conversione dei marketer lyconet iscritti gratuitamente offrendo 100 euro per ogni marketer che riusciranno a convincere ad anticipare denaro per diventare premium.

      RETTIFICO: pare fosse una bufala messa in giro nelle chat WA dei marketer.

      • Perché…siccome con il nuovo metodo, oltre a perdere aderenti (paganti) che chiedono pure rimborso delle quote, non riescono a farne entrare di nuovi (paganti)…o meglio non in quantità rilevante……(troppo complicato x quanto ancora illegale), si rivolgono ai vecchi marketer (NON paganti) già dentro!

      • Sai che te hai ragione e io guadagno da un piramidale che lo stato consente di operare.

        Comunque sia ricordo che :

        La chiesa è un piramidale
        Esercito è un piramidale
        Ospedale è un piramidale
        Il tuo lavoro è un piramidale
        La tua vita è un piramidale
        Etc etc

        • Ah sì?

          Mi fai vedere il bollettino:
          – Dove agcm sanziona la chiesa per schema piramidale?
          – Dove agcm sanziona l’esercito per schema piramidale?
          – Dove agcm sanziona l’ospedale per schema piramidale?
          – Dove agcm sanziona il mio lavoro per schema piramidale?
          – Dove agcm sanziona la mia vita per schema piramidale?

          Cialtroni a dismisura.

          • Da EC Lyoness non risulta il pagamento multa AGCM

            Comunque ripeto voi avete tutti ragione ma quel che per me conta è che ogni settimana vedo arrivare sul mio C/C soldi già tassati alla fonte e fino a che allo stato paghi tasse e iva di illegale vedo gran poco

            Voi tenetevi la ragione (e la maleducazione comunicativa) e io mi tendo il DINERO

          • Anche gli spacciatori ragionano come te, idem gli sfruttatori della prostituzione.
            Pensa, anche quelli che vendono merce contraffatta o stampano banconote false, dicono lo stesso.

            Finché ci guadagnano loro, tutto ok. Bravo!

          • Infatti quanto menzionato pagano tasse e iva alla luce del sole e fatturano milioni e milioni di €.

            Disse la volpe 🦊 all’ uva 🍇…….SEI ACIDA……

            Torno ripetere VOI AVETE RAGIONE……IO GUADAGNO

            E avanti popolo vediamo se AGCM a fine mese ti paga le bollette

          • Marco, che per caso hai paura di chiamare l’AGCM e chiedere? “Azienda sanzionata per schema piramidale”, ti dice niente?

            C’è sempre chi guadagna dagli schemi piramidali, e poi c’è chi ci perde, per far guadagnare gente come te. Complimenti, fai parte dei vampiri e non delle vittime.

            Tu guadagni? Ottimo, appena uscirà il verdetto finale, fra 15 giorni, e verranno a cercarti per rimborsare le vittime, vedremo se riuscirai tu a pagare le bollette.

            Continua pure a scrivere, servirà come materiale contro di te, davanti alla Polizia Postale, Marco Fasoli.

        • Altra cosa che e’ stata detta in una riuniuone per convincere le persone, ma non e’ cosi’ io ho un capo e io son un sottoposto ma non sono io a pagare il capo come in una piramide e’ il capo a pagare me e questo non e’ piramidale.

      • Non ci credo…ma veramente hai “linkato” questi video?
        Li ho pure “cliccati” pensando a chissà che testimonianze di fidelizzazione…e invece….le solite “baggianate”!

        • Se dici Marco….mi sganci 100000 euro e ti faccio un video dove affermo di tradire la mia compagna con Ly…..che dici farebbe effetto?
          + fidelizzato di così….

  50. Ciao Antonio
    Ci sono novità riguardo la decisione che dovrebbe uscire ufficialmente, dopo i famosi 60 giorni passati che erano scaduti il 14/3/19?
    Grazie

  51. Salve a tutti,
    18-4-2019,
    sentenza del Tar del Lazio che vieta il reclutamento dei membri della community quindi Antonio potresti fare chiarezza per favore? Perché ci sono presidenti che dicono si possa reclutare poiché il Tar dice che si tratta delle vecchie regole e adesso invece tutto è regolare
    Grazie Daniela

  52. Scusa Antonio, ma come membri della community nella sentenza del tar del Lazio cosa si intende? Che non può esser tesserato proprio nessuno? Come membri sembrano siano tutti.
    Oppure che si possano ad oggi, dopo la sentenza far entrare clienti e aziende si, mentre invece niente marketer, neanche marketer gratis? Fai un po’ di chiarezza per favore. Perché a me risulta che stiano tutti ancora entrando, marketer gratis (pochissimi) e marketer (quasi tutti) con i soliti pacchetti a pagamento che prevedono 299€ di LPR (Loyalty Program Reseller) più 2200€ (1100 di mVoucher e 1100 di eVoucher) per un totale di 2500€, o anche di più.
    La motivazione/scusa è quella che la sentenza del tar riguardava il provvedimento dell’antitrust, che a sua volta verteva sulle vecchie regole.

    E seconda domanda: cosa rischiano quelli che hanno accettato le nuove condizioni Lyconet, facendo entrare questi marketer, visto che trasgrediscono forse alla sentenza del TAR?

    Grazie anticipato per la tua risposta

    • Cosa devo chiarire? Ho già scritto ovunque che si parla di reclutare marketer, visto che la parte sotto indagine AGCM è sempre stata Lyconet e non la shopping community.

      Il TAR ha chiaramente confermato che non si può reclutare, quindi ovviamente non si può né con le vecchie né con le nuove.

      Se credete ancora ai President che vi hanno trascinato fino a qui, meritate di essere presi in giro.

      E’ ovvio che ignoreranno la sentenza, come hanno sempre ignorato le sentenze negli altri Paesi.

  53. Vi faccio spero almeno sorridere , un conoscente mi stressa con sto Lyconet vado agli incontri bla bla bla … e gli dico no io prima di mettere 700 e in un progetto e portarci dentro gli amici devo essere super sicuro che non sia un ponzi .. rassicurazioni etc ma io non mollo sono genovese e come si Sa siamo di braccino corto ,io insisto guarda che è un ponzi.. lui no ,io si .. la faccio breve ,io non entro nel progetto poi arriva la multa .. ovviamente gli dico. Ma ti avevo detto che era un ponzi !. la risposta : no non è stara l’agcom a fare il
    Controllo ,Lyconet a chiesto all’agcom si fare un controllo dell’azienda per vedere se Lyconet era apposto per il mercato italiano . Sono scoppiato a ridere ma sta gente ci crede veramente ?

    • Digli di leggere meglio la sentenza. C’è scritto chiaro è tondo che è stato il Codacons a presentare la prima istanza. Ma anche andando a senso… Chiedono di essere controllati dopo 10 anni di attività?

      Ci credono, perchè ci vogliono credere per forza.

      • Ma infatti andando a senso io azienda mondiale non ho 4 persone che mi possono dire se siamo ok per il mercato italiano ? E vado Dalla coda in a dire : scusate potete venire a casa mia a controllare ?? . Un Po come se un ladro andasse con la refurtiva dalla polizia a chiedere scusate mi controllate se sono cose di valore ?

    • Carissimo GIO

      Non so’ se sei un lavoratore autonomo o un dipendente fatto sta’ che l’ Azienda che tu ritieni usare il PONZI SYSTEM mi sembra (correggimi se sbaglio) che sia main sponsor di eventi importanti tipo Formula 1 🏎 MotoGP gare di sci etc etc.

      La tua azienda che non è Ponzi fa’ questo.

      Credo inoltre che queste grosse realtà abbiano qualche avvocatuccio a cui chiedere informazioni sugli sponsor.

      Senza contare che ora questa PONZI COMPANY ha aperto il suo Market Place ed è pronta al lancio della criptò valuta numero 1 al mondo perché già spendibile in 50 paesi anche per bere un caffè o mangiare un panino.

      Però dico però per fortuna che la massa la pensa come te altrimenti resterebbe gran poco per chi crede nel progetto.

      Da buon genovese tieniti stretto i 700 € che sicuramente ti danno la tranquillità economica per il futuro.

      • L’azienda di cui parli è stata di recente condannata di nuovo sia in Austria che in Svizzera, per schema piramidale.
        E i gestori del MotoGP sono già sotto indagini della GdF per riciclaggio di denaro sporco.

        Fossi in te, prima di fare il gradasso con altri utenti, mi terrei aggiornato, giusto per non fare la figura del pollo da batteria.

          • Ma vedrai cosa?

            Lyoness è stata condannata due volte in Svizzera in sede civile per schema piramidale, è stata condannata in sede civile in Austria con 90 sentenze diverse, in aumento, sempre per schema piramidale. E’ stata bandita dalla Norvegia, community compresa, per schema piramidale.

            In Germania siete sotto indagine. In Italia vi attende il responso del Tar a Marzo, e avete il divieto di reclutamento. Vengono presentate ogni giorno presso le procure di tutta Italia esposti contro Lyoness, e hai ancora il coraggio di scrivere in difesa?

            trovati un lavoro vero, cialtrone, e recupera un po’ di dignità.

          • Carissimo

            Mettici anche la Turchia visto che ci sei.

            Poi tranquillo che ho già la mia rendita automatica senza dover vendere corsi in internet come ormai la moda impone.

            Inoltre senza offendere nessuno non capisco perché uno che fa corsi di network marketing non sappia che duplica quel che che è.

            Ad ogni modo fino a prova contraria siamo sempre in doppia cifra per aziende e aderenti nonché sviluppatori che entrano a far parte del progetto.

            Quel che conta è quello che sta sotto la riga dopo l’ uguale =

            Tutto il resto è noia 🤣🤣🤣

          • Noto che le risposte sono offensive invece di professionali.
            Mi spiace per chi legge perché se una persona è la media delle persone che frequenta le risposte parlano da sole.

            Pensavo che i nani fossero 7 ma a quanto sembra dopo Brontolo c’è Propagalo

          • Chi ha la faccia di bronzo di frodare le persone, al limite della circonvenzione, non merita né rispetto, né professionalità.

            Ti ricordo che questo è il blog di un’azienda Svizzera, dove Lyoness è stata già condannata per due volte in sede civile come schema piramidale.

            Ripeto, cialtrone. Vai a frodare altrove. Le offese di chi ha bisogno di ingannare le persone, per campare, valgono quanto la dignità a cui ha rinunciato. Trovati un lavoro vero. Cialtrone e parassita.

          • Complimenti per il tuo lessico.
            Mi auguro che chi ti legge si faccia la giusta opinione sull’ ottano nano.
            Propagalo

          • Carissimo Fabrizio
            Mi fa piacere parlare con persone educate e pro attive che vogliono sentire entrambi le campane.
            Ti posso dire essendo in contatto con la sede Italia e i più alti vertici del network che :

            1)la multa è stata pagata ed è stato fatto pure ricorso

            2)AGCOM ha chiesto di rivedere il piano marketing che è stato riproposto secondo loro indicazioni ed accettato

            3)le carriere sono sempre attive ed ad ottobre l’ azienda ci dara’ dei booster incredibili per avanzamenti graduali

            Questo è quanto ti posso dire e se mi contatti privatamente do’ mia ampia disponibilità a portarti in sede per parlare con di dovere

            Preferisco non parlarne qua’ perché come vedi oltre ad essere un luogo contro l’ azienda di cui parliamo vengono usati termini offensivi per la persona

          • Continui a diffondere bufale pur di frodare.

            Per giunta in un mesaggio precedente di cevi che la multa non era stata pagata, ed ora che è stata pagata. Per tua informazione, la vicenda è sospesa in attesa di decisione del TAR. Persiste il divieto di reclutamento e di versare anticipi.

            Vergognati, parassita.

          • Esatto Marco, dici bene, mi piace sentire le due campane …anche io ho sentito ciò che viene detto in lyoness…multati come Sony cone walkswagen etc…la storia del piramidale in tutte le aziende compresa la Chiesa etc…e per carità come consumatore sfrutto la tessera e ne ricavo del cashback , ma lei Marco oltre ai vertici ha sentito personalmente l’altra campana?? Ha letto personalmente la sentenza, solo così avrà la visione chiara dei fatti e di conseguenza trarne le conclusioni. Io attendo speranzoso di leggere che non si tratti di una truffa x lei x il mio sponsor e per tutti coloro che x ora ci stanno rimettendo soldi …ma dubito fortemente. E attenti che ne sta nascendo un altra dove si stanno spostando intere linee di marketer. NEXYIU…Saluti e grazie a tutti x il confronto.

          • Salve Marco e Antonio seguo con interesse e divertimento la vostra diatriba e forse sbagliando intervengo x avere maggiori chiarimenti. Io sono un marketer inattivo , perché quando stavo x iniziare a coinvolgere persone in lyoness mi sono imbattuto in questo blog che ha attirato la mia attenzione e che mi ha allertato. Io ho chiamato la AGCOM che mi ha confermato quanto detto dal sig. Antonio e ho letto e riletto la sentenza contro lyoness…ho anche chiesto delucidazioni al mio sponsor che onestamente mi ha confermato il tutto…ovvero si può solo regalare tessere e far aderire attività commerciali di ogni genere…detto ciò la carriera e la rendita diventano molto difficili da mandare avanti se non impossibili. Sperando di non aver offeso nessuno attendo la conclusione della vicenda senza esercitare l’attività per non perdere la faccia.

      • Ciao Marco ,non voglio far polemica io ti auguro come ho augurato al mio conoscente di far soldi e tanti ,solo a me non sembra un sistema valido specie se chi mi spinge in questo progetto fa di tutto per non dire l’evidenza cioè è stata multata punto ,non lo dirà mai e questo mi fa dubitare della serietà della persona e dell’azienda che rappresenta perche’ sicuramente è stata l’azienda a dirgli di dire sta boiata. Per il fatto dello sponsor del moto gp sai cosa è stato detto in una riunione da un livello massimo credo sua il 7 correggimi se sbaglio .. con grande enfasi diceva non faccio nomi : da oggi siamo Soci alla pari riferendosi al moto gp.. io so stronzo e vado a controllare e scopro che come dici tu sono solo sponsor e un po’ diverso essere sponsor o essere soci alla pari e come posso fidarmi di gente del genere che dice casualmente sempre imprecisioni ? Io non mi fido . E questa era a detta loro un guru molto vicino al capoccia di liconet, Mi spiace sono solo squali .con questo ti auguro di farti la villa con piscina ci mancherebbe . Per i 700 euro io che ho prole al seguito mi servono e devo pensare bene se buttarli o no. Buona giornata

      • Scusa ancora MARCO ho dimenticato di dire che il mio conoscente dopo avergli fatto capire che forse con la sincerità si acchiappa più persone perche’ alla fine basta poco per controllare e gli ho posto l’esempio del fatto che lui diceva che sto tipo è un genio della finanza e la mia risposta è stata ma così genio che a già fatto fallire 7 società ? Alcune lo stesso anno minkia un genio.
        Mi a risposto è un po’ che non ci fanno questa domanda etc etc questo cosa vuol dire? che sono indottrinati cioè se ti chiedono questo rispondi così .. se ti fanno questa resistenza fai così .. ma come fai a fidarti di gente del genere ? E alla fine mi a detto si gio è uno schema piramidale però. Etc etc . Hooooo evviva un po’ di sincerità poi ognuno può scegliere se accettare o meno ma almeno sai come stanno le cose .
        Ti aggiungo anche questo sono andato a sentire un po’ le prime istruzioni di quelli che entrano mi è stato dato un foglio per fare le chiamate per prendere altri gonzi sotto di me … nel foglio c’era scritto una serie di domande che possono farti e cosa rispondere con tanto di qui fai una pausa… e sai la cosa divertente ? Alla possibile domanda : ma è un sistema piramidale ? Risposta :ma nooo pausa. Ti sembra che io ti proporrei una cosa del genere ?. E indovina un po’ chi mi aveva a suo tempo dato quella risposta con tanto di pausa ?? Siii esatto il mio conoscente e quindi ti ripeto come può una persona fidarsi di gente e di in azienda del genere ?. Io sono del parere che se un progetto è pulito non c’è bisogno di sotterfugi lo proponi così come è fine .
        Ti auguro sempre di fare soldi a palate ma si cauto a mettere soldi nei cloud .

  54. Comunque visto che a qualcuno piacciono i video date un occhiata a questo e’ vecchio ma fa almeno ragionare su alcuni modi di lavorare di questa azienda.

  55. novità a settembre?e se reclutare è in questo momento proibito perché continuano a farlo?quando finirà sta storia (se mai finirà)?personalemente vedo che continuano a farlo

    • Se rubare è proibito, perchè i ladri continuano a rubare?
      Se rapinare una banca è proibito, perchè i rapinatori continuano a rapinare?
      Se parcheggiare in sosta vietata è proibito, perchè gli incivili continuano a parcheggiare in sosta vietata?

          • Al momento ci indagano ci sanzionano poi perdono e rimborsano con gli interessi come già successo.

            Più sei grande e più dai fastidio e più dai fastidio e più la strada è giusta

          • Quando le racconti…..raccontale tutte fino in fondo è spiega perché al contrario di quel che sostiene comunque CBW Lyconet MyWorld etc etc continuano operare ?

            Non è che predichi bene e razzoli male ?

            Perché questa azienda continua crescere ?

            Perché a breve lancia (non lancerà) la sua criptò già spendibile e stable Coin e convertibile e e e e …….

            Perché ha aperto un Market Place ?

            Spiegami senza offendere possibilmente

          • Tranquillo che a breve uscirà un articolo su Lyoness Australia. Perché i ladri continuano a rubare, gli assassini ad uccidere e i rapinatori a rapinare?

            Per lo stesso motivo per cui un cialtrone parassita come te, continua a parassitare questo blog. Siete sanguisughe senza dignità. Sapete di portare avanti uno schema piramidale, e come non ve ne fregava prima di frodare le persone, ve ne infischiate oggi, nonostante siate stati beccati.

            Continua pure: se non sarà davanti ai tribunali, prima o poi dovrai rendere conto ad un’autorità ben superiore. Chiamalo pure Dio, Karma, o semplice tua coscienza. Mi chiedo come gente come te riesca a guardarsi allo specchio, al mattino, senza sputarsi in un occhio.

            Non ti offendo, mi limito a definirti in base ai dati di fatto. D’altronde, chi non ha onore, non può sentirsi offeso.

          • Spiega a tutti perché Ladri Assassini e Rapinatori vengono messi in galera mentre questa azienda continua a cresce operare e chiudere contratti su contratti con realtà forse più importanti del tuo blog.

            PS perché sui palchi di MotorGP e Formula 1 🏎 a premiare ci va’ il fondatore di questa azienda e non il fondatore di questo blog ?

            Spiegalo a tutti sempre possibilmente senza offendere visto che credo ci sia gente rispettabile che segue e legge

            Grazie

          • Ho già spiegato abbondantemente perchè, sia sul blog che nel gruppo, in più di un intervento. Basterebbe leggere, ma capisco che chi crede a Lyoness sia ben oltre l’analfabetismo funzionale. E e se tu non fossi un parassita senza morale né dignità, conosceresti la differenza tra penale e amministrativo.

            Giusto per ricordare:
            Bandita dalla Norvegia, bloccata nel reclutamento in Italia, condannata per Schema Piramidale in Austria e Svizzera, condannata per contratti illegali in Austria, Svizzera e Polonia, e devo ancora spiegarti io perchè è illegale?

            Cialtrone. E parassita.

    • Salve Marco, premetto che non voglio prendere le difese di nessuno, ma solo sfruttare il blog x avere più informazioni possibili…ha già provato a scrivere su Google ,sentenza lyoness e leggere il primo articolo che dovrebbe essere quello ufficiale della Agcom…oppure quello dell ‘ ansa…io non credo che ci si possa limitare solo a dire che è una multa e basta , mi corregga se sbaglio.

      • Prova scrivere su google
        AGCOM Vodafone
        AGCOM Sky
        AGCOM Enel
        AGCOM……
        L’unica differenza con la multa inflitta a Lyoness è che queste realtà pagano e comunque continuano loro business mentre Lyoness ha fatto ricorso con richiesta danni.

        Non per questo la gente smette di telefonare guardare la tv accendere la luce

        Inoltre vorrei che qualcuno mi spiegasse perché il CEO di un’ azienda di truffatori e main sponsor di eventi di Formula 1 🏎 motoGP e tanti altri e mette la faccia sul palco delle premiazioni.

        A breve vedrai che come le carte di credito e bancomat tutti avranno la card

        È solo questione di tempo poi vedrai quanti blog spariranno

          • Carissimo Blogger (vedi che bello essere gentili e cordiali nel comunicare )

            Il fatto che conti le risposte vuol dire che ti è rimasto solo quello da fare mentre io sfrutto il tempo di quando almeno una volta al giorno sei costretto a sedersi ti per espletare pensa te che effetto mi generi.

            Anyway applicandolo alla strada e come chi non sa’ guidare che ti dirà sempre che una Lamborghini è una macchina di M……

            Oppure come la volpe 🦊 che dice che l’ uva 🍇 è acerba.

            Vedi con quale eleganza nella terminologia si riesce comunicare ?

          • Vedi che sei pure ignorante, oltre che parassita e cialtrone? Il blog conta automaticamente i messaggi di ogni singolo utente.
            Per il resto, ti ricordo che la tua parola conta ZERO, essendo tu uno degli ultimi a difendere un’azienda già sanzionata per frode.

            Tranquillo che quando uscirà la condanna definitiva, sarà mia premura pubblicare il tuo nome e cognome come promotore di uno schema piramidale.

            Poi vediamo chi riderà, con eleganza.

        • “A breve vedrai che come le carte di credito e bancomat tutti avranno la card”

          UUUAAHHHHHHHAAAAHHH AHHHHHHHH HAHHHHH AHHHHhhaaaa…!
          Non ci credo ancora…..le scrivi queste cose Marco?!

    • HAHAHHAHAHAH
      CASA DI JACK LO SQUARTATORE, SUONA IL TELEFONO
      DRIIIN
      Jack lo sqartatore: “Pronto”
      Interlocutore: “Salve, è lei Jack lo suartatore, l’assassino di prositute?”
      Jack lo sqartatore: “Ehm….no!”
      Interlocutore: “Quindi lei mi conferma di non avere mai ucciso nessuno?”
      Jack lo sqartatore: “Confermo! Mai ucciso nessuno!”
      Interlocutore: “Grazie mille! Ora sono più tranquillo.”

  56. io posso solo riportare la mia esperienza personale sebbene mi stia informando tanto,posso solo riportare la mia esperienza personale:un mio amico mi ha chiesto di entrare in lyoness/lyconet e mi ha spiegato come lui intende fare livello 5 subito da soli anticipi dei collaboratori,pensate sia una cosa fattibile?e se si,tuttavia da quello che ho capito leggermente fuori dalle regole.ho provato a sentire l’agcm e purtroppo non sono riuscito,riproverò.oltre a questo,dico una cosa che forse per ovvi motivi non dovrei dire,ho provato a sentire lo studio che segue la class action e mi hanno spiegato come vogliono procedere,mi sembrano tuttavia decisi,ma magari i rimborsi,se avveranno potranno placare la cosa e non portarla in tribunale.o al tar ci andranno comunque?

    • Certo che è possibile, come sarebbe possibile guadagnare ventimila euro rapinando una banca. Tecnicamente, tutto è possibile.

      Peccato che in entrambi i casi sia illegale farlo. Così com’è illegale al momento sia fare anticipi che reclutare nuovi marketer.

      Il TAR ormai è stato attivato, dalla stessa Lyoness, quindi a marzo 2020 inizierà ufficialmente il processo.

    • E solo questione di persone.
      Quanti in banca ti consigliano investimenti e poi si rivelano spazzatura.
      Solo parlando con professionisti (in questo blog non ne vedo) puoi avere un’ analisi a 360 gradi che ti permette di decidere.
      Io posso dire con numeri certi che il progetto sta’ andando avanti ancor più di prima.
      Alle cose illegali oscurano il web è mettono dentro gli artefici cosa che non mi risulta sapendo da professionista come funziona.

      • Tranquillo, qui nessuno ti reputa un professionista, quindi la tua considerazione su questo blog o il suo autore è pari a zero. In compenso questo è il 23esimo commento che scrivi.

        Sarò pure poco credibile, ai tuoi occhi da parassita cialtrone difensore di frodi, ma abbastanza da dedicarci il tuo tempo. Si vedeche vanno male le cose, da quando hanno scoperto il vostro Ponzi.

  57. rimane il fatto che 90% se rapino una banca mi arrestano.inoltre se rapino una banca lo faccio con la consapevolezza di rapinare soldi assicurati,e infine in questo caso chi lo fa lo fa con la faccia di folla e arrivano con tanto di macchinoni.e penso che ciò continuerà ancora e dubito smetteranno

  58. volevo chiedere se fosse uscito il bilancio del 2018 e del 2019,l’ultimo che ho trovato è del 2017.inoltre avevo sentito di articolo su lyoness in Australia,deve uscire?infine continuo a pormi una domanda,ma se a me bloccano un’attività (reclutare) e continuo a farlo,automaticamente è leggermente sintomatico di poca professionalità (ovviamente parlo di chi lo fa)

  59. Quanti anni ha sto articolo? 1 anno e qualcosa? E dopo un anno siete ancora qui a parlarne.
    E il mese prossimo si tirano le conclusioni
    E a marzo…
    E a settembre…
    E a ottobre…
    E l’anno prossimo…
    E la Norvegia…
    E l’Australia..
    Bla bla bla ..
    .
    Veramente di una noiosità mortale dal momento che son cambiate le regole (in meglio) e tutto va avanti.
    .
    Anto’… Ma chi te lo fa fare!! 😂

    • In un anno Lyoness è stata bandita dalla Norvegia, è di nuovo sotto inchiesta in Germania, hanno congelato il reclutamento in Italia, è stata condannata due volte in Austria e una in Svizzera (per la seconda volta). Ha perso decine di cause in Austria; sono state avviate una decina di Class Action in Italia contro questa azienda…

      La vera domanda è: cosa convincerebbe cialtroni come te a mollare l’osso, e cercarsi un lavoro serio, anziché continuare a divulgare uno schema piramidale?

      • Non mi conosci. Neanche sai se sono un utilizzatore o no. Mi dai del cialtrone e mi suggerisci di cercarmi un lavoro serio. Domanda: cosa ne sai tu della mia vita per permetterti di dire una cosa del genere?
        .
        Mi aspettavo una risposta migliore da te. E invece hai dimostrato quello che vali.

        • Non so nulla di te e non mi frega neanche di saperlo.

          Se difendi una truffa conclamata, cosa devo pensare di te? Che si un truffatore.
          Ora, puoi essere un truffatore in buona fede, e allora sei pure fesso;oppure sei in malafede, e quindi sei un cialtrone.

          Scegli tu quale preferisci, come insulto. Chi difende una truffa non merita né stima né rispetto. Per colpa di frodi come quelli che tu difendi, avete distrutto un intero settore.

          Secondo te davvero mi importa di avere la stima di un parassita della peggior risma come chi difende ancora Lyconet, dopo tutte le evidenze acquisite nel mondo?

          Secondo te davvero mi importa di avere la stima di chi ha distrutto il settore del network marketing in Italia? Ma fammi il favore.

    • Sabato 21 settembre chiedete a AGCOM se viene a Bologna .

      Siamo oltre 3’000 persone a presenziare alle news su Ecredits e ci sarà anche il CEO.

      Se non vedo nessuno mi sa’ tanto che qua’ si vive su articoli di giornalisti che per campare devono scrivere qualcosa.

      Due cose non tornano nella vita
      1 freccia lanciata
      1 treno perso

      Però continuiamo a scrivere che i nani di Biancaneve sono 7 e che il lupo a mangiato cappucetto rosso

      • Anche da una truffa conclamata non si torna indietro. E da quel momento tocca convivere con la propria coscienza e la propria dignità umana.

        Per chi le ha, ovviamente.

        Chi ancora oggi promuove Lyoness non solo mente a sé stesso, viste le sanzioni e condanne già ricevute da TRIBUNALI, ma tradisce anche chi dona loro fiducia. Parliamo di nient’altro che traditori dell’altrui fiducia, e truffatori.

        Parliamo di gente che si è venduta, parenti, amici e conoscenti: guarda caso, Dante nella sua Commedia li collocava all’inferno, nella zona Caina, nel posto che più meritavano: accanto a Satana in persona.

        Tranquillo che se non sarà la GdF a punire 3000 cialtroni come te, ci penserà la Provvidenza. Ti auguro una vita che ti restituisca ciò che meriti.

  60. Io non difendo nessuno. Il mio era un commento a sé. Non ci sono dentro e lavoro come imprenditore con un discreto successo. Seguo da molto il tuo blog ma qui proprio toppi.
    Parere mio. Poi fa quello che vuoi.

    Ah, non ho mai parlato di Criptix

    • Pensi davvero che mi freghi dell’opinione di chi considera la divulgazione una perdita di tempo?

      Non credo che qualcuno ti obblighi, pistola alla tempia, né a leggermi, né a commentare sotto questo post.

      Se lo fai, devi accettare anche le conseguenze.

      Si sta palando di una truffa e di una setta che ha già rovinato e continua a rovinare la vita dei più deboli.

      Il tuo commento su “chi me lo fa fare” era quanto meno fuori luogo. Se poi non ci arrivi, allora sei fuori luogo anche tu. Troverai blog più consoni alla tua sensibilità da grande imprenditore di discreto successo.

      Ripeto, non mi frega di avere la stima di chi non ha certe “sensibilità”. Buona vita.

  61. premetto che non sono un esperto in materia quindi potrei sbagliarmi di grosso.ma e credits di cui parlare è stata approvata?visto le enormi resistenze che stanno facendo in Europa a Libra,e la presunta intenzione di creare una criptovaluta pubblica Europea anche.inoltre secondo quale base dicono che e credits varrà 1000 euro al momento del lancio tra quattro anni?in base al fatto che avrà grande utilizzo?ma se ripple che è quella attualmente più venduta viene scambiata a 2,qualcosa dollari?
    ripeto magari sono solo domande stupide ma magari qualcuno ne sa di più di me

  62. E ora perché cancelli alcuni messaggi?
    Inizi forse ad accorgerti che ti stai sbagliando alla grande??
    Aspettiamo il 21 di Settembre è poi vedremo…
    Il tuo mi sembra solo un grande accanimento che dati alla mano sta funzionando e anche tanto

  63. Ma il buon Antonio Russo che fa nella vita per campare? A parte ovviamente il suo impegno per infangare lyoness
    Agcm non ti risponde più?o forse sanno anche loro ormai che non c’è niente di illegale?

      • Giusto per rimanere aggiornati e sentire entrambe le campane 🔔 in modo obiettivo

        WE ARE NOMINATED!
        We are excited to announce Cashback World Australia has been nominated for the Best Loyalty Marketing Award at the 2019 Nora Awards. 🏆 This achievement would not be possible without the ongoing support of our business partners, merchants and members within our Shopping community 💪 THANK YOU!

        • Citare fonti ufficiali non è infangare, è diffondere la verità…verità che voi cialtroni di Lyoness/CLyconet/MyWorld non vedete neanche se sbattuta sulla faccia…ma cosa mi stupisco ancora se alla notizia “WE ARE NOMINATED” esultate come matti, senza andare neanche a leggere cosa c’è scritto?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Herbalife International: È una truffa, o è davvero possibile guadagnare con Herbalife?

Bollettino delle Aziende di Network Marketing – Agosto/Settembre 2018